“Attento! Le scie chimiche sono in avaria!”

23
70

avaria

Il sito Tanker Enemy ci parla in questa pagina della prova definitiva dell’esistenza delle scie chimiche e di una inequivocabile ammissione da parte della autorità americane, che ovviamente adesso cercano di nascondercelo: alle 3:18:40 del 22 settembre 2016, tra Portland e Sacramento (USA), è avvenuta la seguente comunicazione tra un Boeing 737-700 e la torre di controllo KPDX:

TOWER: Southwest 1256, I don’t know if it’s normal I just haven’t seen it that low; it appears like a chemtrail-type situation off your left wing.
PILOT: Say again Southwest 1256?
TOWER: Southwest 1256, it looks like a chemtrail off your left wing, I just have not seen it that low before, but it does look similar to a… (transmission cuts out)
PILOT: Ah, OK, thanks.
TOWER: Alright, a contrail off your left wing
PILOT: OK, thank you.

Traduzione veloce: le cosiddette scie chimiche stanno uscendo dall’ala sinistra nonostante la quota molto bassa (e non è che si siano interrotte, al contrario di ciò che dice il “caro” MrNò su Tanker Enemy), e prima per indicarle è stata usata la parola “chemtrail” (scia chimica), poi la parola “contrail”, ovvero il termine corretto (scia di condensazione), come per correggersi.

La prima cosa che verrà in mente ai complottisti sarà sicuramente che hanno ammesso di usare le scie chimiche per poi pentirsi di averlo detto, ricordandosi che queste trasmissioni sono facilmente reperibili. Ma c’è una cosa che non viene tenuta in considerazione: la teoria del complotto delle scie chimiche è ormai entrata talmente tanto nell’immaginario collettivo che anche la gente che non ci crede associa comunemente le contrail a tale teoria del complotto, anche involontariamente o semplicemente per scherzare.

Non ci è dato sapere se nel caso della registrazione di cui sopra si sia trattato di una distrazione o di un modo per sdrammatizzare, ma non a caso il pilota ha chiesto subito alla torre di controllo di ripetere il messaggio, probabilmente proprio per l’uso di tale termine; dalla torre si sono poi interrotti e corretti, forse per tranquillizzare il pilota.

Osserviamo anche il grafico qui: possiamo notare che l’aereo è decollato alle 3:18 precise, mentre la registrazione è avvenuta 40 secondi dopo il decollo, quindi è abbastanza evidente che l’aereo non aveva ancora raggiunto un’altitudine elevata.

Può anche darsi che il pilota abbia azionato per errore il “fuel dumping”, manovra di emergenza che consiste nello scaricare nell’atmosfera il combustibile per alleggerire l’aereo, così da effettuare un atterraggio sicuro in condizioni di pericolo, molto prima di poter raggiungere la destinazione originariamente designata. L’ugello per il fuel dumping si trova su una delle ali (probabilmente proprio per questo nella comunicazione si è parlato di ala sinistra, non di motore sinistro), e questa operazione viene sempre effettuata in coordinazione con la torre di controllo. Un sistema di fuel dumping non è comunque presente in tutti gli aerei: è normalmente presente in quelli più grandi.

Le mie sono solo ipotesi, ma in ogni caso lo scopo della trasmissione era di segnalare un possibile malfunzionamento del motore sinistro: non volete che l’aereo su cui salite abbia dei malfunzionamenti che potrebbero mettere a rischio il vostro viaggio, vero? Se qualcosa non funziona correttamente, è ovvio che lo si segnala a chi di dovere nella speranza che risolvano il problema. In sostanza, anche se questa può sembrare a voi complottisti una prova sufficiente che stanno usando le scie chimiche, in realtà non lo è affatto, poiché l’unico riferimento alla teoria del complotto sulle scie chimiche in questa trasmissione risiede nell’uso della parola “chemtrail”, ormai entrata nell’uso comune.

E soprattutto ricordiamo a tutti coloro che arriveranno qui a sostenere che questo debunking non è sufficiente a convincerli, che l’esistenza delle scie chimiche non è mai stata dimostrata e che anzi ci sono decine, forse centinaia, di studi che dimostrano esattamente il contrario, e che quindi l’errore di un singolo, per quanto impiegato in una torre di controllo, non è sufficiente a smentire tutto ciò.

LEGGI ANCHE:  La prova delle scie chimiche?

Qui alcuni dei nostri vecchi articoli sulle scie chimiche (ce ne sono davvero tantissimi, per una ricerca completa trovate tutto qui):


Non vorrei comunque essere nei panni del personale di quella torre di controllo, dato che hanno involontariamente dato in pasto ai complottisti un apparente motivo per sostenere le loro tesi utilizzando un “lessema inequivocabile” (Straker, controlla i significati delle parole prima di usarle!) all’interno di una comunicazione ufficiale.

In questa discussione su Reddit, tra le molte considerazioni interessanti, troviamo la testimonianza di un addetto ai lavori (che non possiamo verificare, quindi prendiamola con le dovute molle):

The reason you are hearing two voices is the male voice is working ground control while the female is working local control(also known as tower) hence the title being ground/tower. Also he was never told to turn anything off, she used the word chem trail because she got it confused with the term contrail as she probably just don’t know the difference. As a controller we make fun of each other all the time when we mess things up, it’s just part of the job. When she comes back and says sorry contrail she probably just got made fun of. The part where you think she is telling him to turn something off is her saying,”contact departure.” She’s telling him to contrail their arrival/departure control so he can be climbed out of tower’s airspace and continue on his flight planned route.[…]

La ragione per cui si sentono due voci è che la voce maschile sta effettuando il controllo da terra mentre quella femminile il controllo locale (anche detto torre di controllo), da qui il titolo terra/torre. Inoltre, a nessuno è stato detto di spegnere alcunché, [lei] ha usato il termine chemtrail perché si è confusa con contrail, probabilmente non conosce la differenza. Come controllore di volo posso dirvi che è normale prendersi gioco uno dell’altro quando facciamo qualche casino, fa parte del lavoro. Quando la sentiamo tornare e dire Sorry, contrail probabilmente era appena stata presa in giro. Nel momento in cui sembra dire di spegnere qualcosa in realtà sta dicendo “contact departure”.[…]

E anche considerazioni generiche sulle scie chimiche e i motivi per cui la loro esistenza non è credibile:

Chem trails would require the installation of 100 or 1000s of complex devices on commercial airplanes with commercial maintenance crews, based in commercial airports, overseen by civillian saftey regulators and funded by civillian airlines. Deployed against or at least exposing their own fellow ctizens including spouses, siblings, parents, friends…
Also, if you think delta or southwest don’t have models that account for every extra lb carried on a flight to predict fuel expenditures and would miss a chemical cloud generating device?
Moreover where would such a device go? Space on a commercial plane is at a huge premium. The back is taken up by the APU, electronic, the front is the cockpit, wings have fuel and engines and everything else is baggage or passenger space.
Furthermore, if you claim its not commercial flights, most flights are tracked, people on those flights post on social media, oher airliners see their transponders… even CIA black flights got caught that way. No one has noticed any ghost planes with no passengers…
Also, the complexity of re-engineering a civllian jetliner to dispense chem trails would be immense. The load distribution of the plane and flight characteristics would change as chemical was used. The places where the emitter was would have to be reinforced. Plumbing would be a huge issue. Reloading it would be difficult in secrecy… Boeing is contemplating sretching the 737 and adding new engines… this would cost billions, its not trivial to add stuff to commercial airliners, these things cost 100s of millions of dollars and operated by corporations that run thin margins. Not to mention if its an airbus plane then either it would have to be done with european cooperation or without aribus support… same for embraer and bombardier…
Honestly, the scope of such a project to be kept a 100% secret would require the collective ignorance and participation of millions of disperate parties. Furthermore, it would be insane to thing that there would be no whistleblower by now.

Le scie chimiche richiederebbero l’installazione di centinaia o migliaia di complessi dispositivi su aerei commerciali con staff di manutenzione commerciale, basati in aeroporti commerciali, supervisionati da autorità di controllo civili e fondati da linee aeree civili. Impegnati contro, o almeno esponendo, i propri concittadini inclusi coniugi, fratelli, genitori, amici…
Inoltre, la Delta o la Southwest non hanno modelli per rendere conto di ogni libbra trasportata e prevedere il consumo di carburante? Potrebbero non accorgersi di un dispositivo che genera nuvole chimiche?
E ancora: dove verrebbe posizionato un dispositivo del genere? Lo spazio su un aereo commerciale è un grosso lusso. Il retro è occupato dall’APU [auxiliary power unit] e dalle componenti elettroniche, sul davanti c’è la cabina di pilotaggio, nelle ali ci sono motori e carburante e tutto il resto è occupato da bagagli e passeggeri.
Ancora oltre: se sostenete che non vengano usati voli commerciali, la maggioranza dei voli sono tracciati, e la gente su quei voli pubblica sui social media, e i loro transponder [tipo di radar] vengono visti anche dalle altre linee aeree… perfino i voli segreti della CIA sono stati intercettati in questo modo. E nessuno ha mai notato aerei fantasma senza passeggeri…
Inoltre, la complessità della riprogettazione di un aereo civile allo scopo di diffondere scie chimiche sarebbe immensa. La distribuzione del carico sull’aereo e le caratteristiche del volo cambierebbero a mano a mano che le sostanze chimiche vengono scaricate. Bisognerebbe rinforzare le parti dell’emettitore. L’idraulica sarebbe un enorme problema. Ricaricare il tutto in segreto sarebbe molto difficile… La Boeing sta pensando di ampliare il 737 e aggiungere nuovi motori, e sono questo costerà miliardi, non è una bazzecola aggiungere roba su aerei di linea, quei cosi costano centinaia di milioni di dollari e sono controllati da corporation con margini di guadagno bassi. E non pensiamo nemmeno agli aerei della Airbus, che prevederebbero la collaborazione degli europei, oppure che la compagnia stessa fosse all’oscuro. E lo stesso per la Embraer e la Bombardier…
Onestamente, tenere del tutto segreto un progetto di questa portata richiederebbe l’ignoranza collettiva e la partecipazione di milioni dei soggetti più disparati. E sarebbe da pazzi pensare che ad oggi non sia venuto fuori nemmeno un informatore.

Ripeterlo per l’ennesima volta non può che far bene a chi ancora crede a certe assurdità.

LEGGI ANCHE:  Terremoto: quando la bufala diventa sciacallaggio

Shadow Moon

Ricordatevi di votarci ai MIA Macchia Nera Awards!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!