Notizia vera, ma evidentemente alcune testate sull’onda del grande amore per il cantautore italiano hanno fatto un po’ di confusione.

Claudio Baglioni è reduce da un Sanremo che non ho visto, ma che mi pare di capire abbia ricevuto buoni ascolti e buone critiche dal punto di vista conduzione e sinergie. Questo fa sì che in questi giorni il nome di Claudio Baglioni sia un hot topic. Quale occasione migliore per raccogliere un po’ di visite, avranno pensato alcuni blog.

E così ecco nascere un mischione di articolo, che in poche ore mi è stato segnalato da svariati, anche amici, che mi chiedono lumi sulla storia.

Claudio Baglioni dona 700.000 euro alle vittime del terremoto: “Le mie radici affondano qui”

Così titola ad esempio ViaggiNews, il 12 febbraio 2018; chiunque si fermi a titolo e data ovviamente si convince che la notizia sia attuale. Ma nel testo viene evidenziato come la donazione risalga a tempo fa:

considerando che La direzione artistica del Festival di Sanremo 2018 ed è stato concordato un compenso di circa 600 mila euro, 50 mila euro in meno di quanto versato nelle tasche di Carlo Conti per l’edizione dei record del 2017, e anche se non ha direttamente donato i proventi del compenso di Sanremo, attraverso il suo concerto benefico ‘Avrai’, tenuto lo scorso dicembre in Vaticano e trasmesso in diretta mondiale, è stato devoluto in beneficenza alle popolazioni colpite dal terremoto a Norcia l’importo di 700.000 euro

Basta dare un’occhiata ai social per accorgersi come la vicenda sia sfuggita di mano. Le parole pubblicate da ViaggiNews, e da svariate altre testate, si riferiscono a un concerto del 2016, e a una donazione e visita del 2017, non a fatti di questi ultimi giorni. Questo non rende meno bello il gesto di Baglioni, anzi, ben venga la pubblicità positiva che gli arriva. 700mila euro per un cantante italiano sono una cifra decisamente importante, donarli per il bene di una terra che si ama è bellissimo. Ma evitiamo la confusione 2017/2018, basta poco, no?

LEGGI ANCHE:  Donazioni di sangue, AVIS e social network

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, puoi sostenerci su PayPal! Possono bastare molto meno di 700mila euro.