Bello Figo Gu vs Mussolini

70
90

bello-figo

Quando qualche giorno fa mi hanno fatto vedere il nuovo video di Bello Figo su YouTube (io non seguo molto gli YouTuber e quando sentivo un amico cantare Pasta con tonno, qualche mese fa, pensavo si fosse fatto un paio di canne di troppo e avesse fame) ho pensato “Ok, va a finire che qualcuno ci crede.” Ma siccome a quanto pare Butac fa male al mio senso dell’umorismo, quando mi hanno invitato a farmici una risata invece che preoccuparmi ci ho provato. Sul serio.

Quando trovo mia nonna davanti a Rete4, generalmente le chiedo se durante la giornata ha anche cambiato canale. Mica per niente, ma trovo che alcuni programmi, soprattutto quelli nella fascia oraria intorno alla cena, siano leggermente monotematici e presentino una visione della realtà unilaterale e poco sfaccettata, incentrata solo su alcuni temi, con personaggi poco obiettivi sia che si parli dell’uomo della strada (che viene intervistato spesso, e di solito strilla le sue ragioni) che si tratti di politici (che sono sempre i soliti, e di solito strillano le loro ragioni). (Ma perché urlano sempre tutti?)

Ieri sera però, a quanto pare, mi sono persa qualcosa. Qualcosa di epico.

Bello Figo Gu

Bello Figo Gu è un troll. Sono già un paio d’anni che posta canzoni rap su YouTube, sull’onda di altri trolloni cantanti improvvisati, su alcuni dei quali stiamo ancora a chiederci se ci sono o ci fanno. Ma Bello Figo ci fa, e ci sono interviste in cui lo dice chiaramente.

Questa è di marzo del 2014, e ci ho messo tipo 3 secondi e mezzo a trovarla. È bastato scrivere “Bello Figo Gu” su Google.

Nel giro di poco è diventato il capostipite dei lol – rapper. Quelli che coi pezzi trash ci vanno a nozze, ma sanno benissimo cosa stanno facendo. E lo fanno al massimo. Roba da un milione di visualizzazioni su You Tube. A canzone. Mica nel complesso.

Eppure non ci sono mica solo i fan. Ci sono i detrattori e gli indignati, quelli che lo deridono e gli invidiosi. Quelli che odiano quello che fa e ciò che rappresenta. Ma lui va dritto per la sua strada: «Piaccio alle persone che sanno divertirsi, che cercano divertimento. Tutto questo non vuole essere offensivo, io canto col sorriso. Ma chi vuol prendersela se la prende e basta».

Bello Figo dal 2014 ha affrontato temi anche politici come, uno a caso, Silvio Berlusconi. Poi ha fatto un pezzo con Diprè, canzoni in cui raccontava della sua attività masturbatoria, altre della sua attività sessuale, insomma tutto davvero molto interessante, infatti non glien’è fregato niente a nessuno fino a quando non è uscito il video di Referendum costituzionale.

Non sto a riportarvi il testo, vi basti sapere che già da giorni diversi siti ne parlavano. Tipo Dailybest:

In una canzone, Bello FiGo mette tutti i luoghi comuni sugli immigrati e fa satira come in Italia non se ne fa più

O NeXt Quotidiano:

Bello FiGo, Don Capucino e The GyynoZz lo dicono chiaro e tondo, voteranno Sì al referendum perché Renzi gli “darà la figa bianca”, i trentacinque euro al giorno e l’hotel a cinque stelle con tanto di smartphone. E non bisogna dimenticare che nel pacchetto è compresa anche la pasta col tonno gratis (colonna portante di ogni colazione multivitaminica). Insomma tutti i luoghi comuni sugli immigrati (e su Bello FiGo), e tra questi non può certo mancare la confessione: nel paese da dove viene Bello FiGo (che in teoria dovrebbe essere il Ghana) non c’è nessuna guerra. Lui è venuto in Italia “solo per farsi una vacanza”. Gu invita quindi i suoi Guliebers a fare come lui, a votare PD al referendum e a votare Sì. Un Sì che non entra assolutamente nel merito della questione (c’è pure il forte dubbio che in realtà lui non possa nemmeno votare in Italia) ma che invece è fondato sulla voglia di sfottere tutti quelli che raccontano che i “negri” vivono in albergo a spese degli italiani. Un tema che a dir la verità FiGo e The Gyynozz avevano già iniziato a sviscerare nel loro pezzo precedente “Non pago affitto” dove tra autocitazioni e prese in giro sugli immigrati che non si sporcano le mani perché sono già nere e che arrivano in Italia a bordo dei loro Swag barconi.

Questo io l’ho saputo in 5 minuti, consultando Google. Una cosa che su Rete4 non hanno mai sentito nominare, va bene che il target non è di giovanissimi ma spero che un giornalista/redattore/assistente/cameraman sotto i settant’anni esista, tra la redazione e lo studio. No? Allora un settantenne che conosce Google?

LEGGI ANCHE:  Mussolini e la ricostruzione post-terremoto

E niente, ieri sera in prima serata, mentre tutte le nonne guardavano Rete4, Bello Figo è andato in tv a dire che il suo endorsment va a Renzi. Mentre tutti prendevano per buona ogni parola detta nei suoi testi (un imbarazzatissimo Belpietro chiedeva conferma del fatto che Renzi abbia promesso donne bianche a chi voterà Sì, sentendosi però in dovere di precisare che nei video Bello Figo non le chiama donne – non avendo comunque abbastanza certezze sulla tolleranza del suo pubblico alla parola figa e non azzardandosi quindi a pronunciarla). Mussolini lo accusa di non pagare l’affitto, come da lui stesso dichiarato in un suo pezzo precedente, e lo invita in napoletano (credo) ad andarsene per fare posto agli italiani che stanno in mezzo alla strada. Lui conferma tutto, sorride come per schernirsi, abbozza qualche giustificazione a mezza bocca, probabilmente cercando di trattenere le risate.

Persone italiane annuiscono gravemente.

cattura
“Danno le nostre case agli immigrati Il profugo che canta Qui è il Bengodi

Il profugo che canta “Qui è il bengodi” vi ha trollato tutti, e voi ci siete cascati. Mussolini dal suo posto privilegiato (credo che faccia almeno un paio di comparsate alla settimana tra Belpietro e Del Debbio) strilla che se ne deve andare, l’indignazione è al massimo, Belpietro quasi non crede che gli sia capitata una fortuna così: uno che non nega, ma che conferma tutti i luoghi comuni che lui ha fatto tanto sforzo per inculcare nelle menti del suo pubblico. Bastava così poco? Un pezzo rap? Magari si ricicla anche lui, un po’ come ha fatto Jerry Calà sempre sull’onda del lol-rap con “Ocio”, una genialata senza precedenti:

Basta, abbiamo speso anche troppe parole per commentare questo scempio. I nostri complimenti ancora una volta al giornalismo italiano, che non sa (o non vuole sapere) come i media tradizionali possono e devono rapportarsi a internet. Cara TV, la rete ti prende per il culo, sia quando gioca in casa che – a quanto pare – quando gioca in trasferta.

LEGGI ANCHE:  Quello che non vorresti sapere sul Duce

ipnositelevisiva-620x350

Un dubbio

Stamattina hanno parlato tutti della pietosa figura di Mussolini e Belpietro di fronte a Bello Figo. Ma a me sorge un dubbio: alla fine sarà stato Bello Figo a trollare Rete4, o Rete4 a trollare tutti, approfittando delle incapacità dei propri telespettatori (esattamente come si fa in politica con i propri elettori)? Possibile che davvero nessuno sapesse chi è Bello Figo? Perché secondo me (ma io, si sa, ogni tanto dovrei farmi una risata) è da valutare attentamente anche l’ipotesi della consapevolezza totale da parte di Rete4, della ricerca del boom dell’audience pur sapendo benissimo – la produzione, dubito invece di Alessandra Mussolini – che lo scopo di Bello Figo è sempre stato di fare i soldi facendo satira, riuscita o meno, proprio su gente come Belpietro e chi segue ciecamente il suo programma, e su tanti altri stereotipi italiani. Ma tanto il target di riferimento di tutto il canale non usa internet e probabilmente non saprà mai che quell’immigrato che non paga l’affitto e a cui Renzi regala la figa bianca è un troll (e secondo me, anche piuttosto geniale), rimarrà dell’idea che questi stronzi vengano qui a rubarci il lavoro, le donne, e oltretutto anche a prenderci per il culo, ribadendolo in TV. La tv che sta Dalla vostra parte, eh.

In entrambi i casi, ottimo lavoro. Il giornalismo è morto, viva il giornalismo.

noemi chiocciola butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!