Cane chiuso in auto? Sfonda il vetro

26
289

[message_box title=”NOTIZIA” color=”red”]Un post sui social network sostiene che “se vedete un cane chiuso in una macchina in caso di forte calore, scattate una foto del cane e la macchina e poi rompete il finestrino della macchina. In questo modo, non sarete accusati di danni criminali … [/message_box]

[message_box title=”FATTI” color=”green”]FALSO! L’art.54 del codice penale che riguarda appunto questo genere di casi si riferisce solo ed unicamente al pericolo di gravi danni a persone, gli animali non sono contemplati dalla legge.[/message_box]

Questa storia l’abbiamo già trattata nell’ormai lontano 2014, ma evidentemente qualche simpatico animalista (o burlone) ha deciso di rimetterla in circolazione con qualche leggera variante.

La polizia dice che se vedete un cane chiuso in una macchina in caso di forte calore, scattate una foto del cane e la macchina e poi rompete il finestrino della macchina. In questo modo, non sarete accusati di danni criminali e dà la prova alla polizia per trascinare i proprietari di cani davanti ai giudici. Potreste copiare e incollare queste informazioni per impedire che questa crudeltà accada? L’ estate sta arrivando!

Oggi ci vado giù diretto, perché è ora che qualcuno si cominci seriamente a svegliare. Chiunque vi inviti a copiare e incollare il suo messaggio lo fa per evitare che si possa risalire a chi per primo diffonde queste catene. In contemporanea chiunque copia e incolla qualsiasi genere di messaggio sulla propria bacheca è un soggetto suggestionabile, facilmente sfruttabile dai diffusori di fuffa. Perché un conto è condividere (basta un tasto) un conto è dover fare copia e incolla, occorrono almeno due passaggi.

Ma veniamo alla storiella, si parte da un generico “la polizia”, che dovrebbe metterci da subito sull’avviso: c’è un comunicato della Polizia? Dove lo si trova? Perché se poi ad un poliziotto dicessi che “ho letto su Facebook che è il vostro suggerimento” voi lo capite che oltre alla multa per aver rotto il vetro di un auto è facile che vi ridano anche in faccia?

La legge è molto chiara in questo caso, si fa riferimento all’art.54 del Codice Penale che dice:

Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sè od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, nè altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.

Io voglio bene ai cani e a tutti gli altri animali, ma se vedete un cane chiuso in un auto chiamate le Forze dell’Ordine, ci penseranno loro a liberarlo e occuparsi del padrone.

LEGGI ANCHE:  Cani neri soppressi

Non fatevi fregare dall’intelligente amico che sta spammando la rete con quel messaggio, è un furbetto che sta solo cercando d’indurvi a commettere reato e nel frattempo si fa una bella lista di tutti gli uTonti che cascano e copiano e incollano il suo messaggio, una bella lista a cui inviare magari la prossima truffa social.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteÈ tossica, NON TOCCATELA!
Articolo successivoNon ci resta che piangere
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.