Circonvenzione d’incapace

333
16

Non mi viene da titolare in altra maniera questo velocissimo articoletto. C’è un blog della galassia dei siti di bufale politiche che ben conosciamo, che nei giorni scorsi ha pubblicato un articolo con questo titolo:

Messa vietata per non turbare gli islamici? Il sindaco sfida i prof di sinistra: “La cerimonia si farà”

Il blog rientra tra quelli a cui andrebbero tolti i sostentamenti pubblicitari visto come opera. Ma vediamo i fatti un po’ meglio. A me questa storia della messa vietata per non turbare gli islamici suonava come qualcosa di già sentito e c’era un perché, ne avevo parlato proprio un anno fa, quando i fatti erano d’attualità.

Il blog di cui vi sto parlando altro non fa che prendere un articolo vecchio di un anno, copiarlo e incollarlo; tanto il periodo è quello giusto, chi legge siti di questo genere è disinteressato alla verifica dei fatti, gli basta leggere notizie che diano ragione alla sua percezione del mondo.

Voi lo capite che seguire e condividere siti che si comportano in questa maniera contribuisce all’inaridimento di quel che resta del vostro cervello? Vi state facendo amabilmente prendere per i fondelli da soggetti che inventano notizie (o ancor peggio, come in questo caso, le scopiazzano) per due semplici scopi:

  • portare acqua al mulino elettorale del loro partito di riferimento
  • guadagnare con la pubblicità (spesso, da mobile, anche quella truffaldina)

La notizia non era corretta neppure  quando era stata riportata un anno fa, si trattava della solita disinformazione fatta apposta per indignare, come spiegavo:

Non c’entrano gli islamici come non c’entrano le altre confessioni religiose nella scelta di non partecipare alla messa, c’entra la legge italiana, quella stessa legge che i nostri politici (di destra e di sinistra) dovrebbero strenuamente difendere. Siamo un paese laico, con una predominanza di cattolici, certo, ma la nostra Costituzione dice chiaramente che siamo laici e questa è una cosa che ci distingue da altri Paesi dove la religione ha perenne influenza sulle questioni di Stato. Quindi questa laicità andrebbe difesa a spada tratta, anche di fronte a chi parla di antiche tradizioni.

Non serve aggiungere altro, se non un suggerimento: se siete mai incappati nel sito Siamo rimasti soli .com potete ancora salvarvi dalla fuffa, ma servono dell’alcol per bruciare la tastiera e dell’acqua del Danubio per sterilizzare il monitor. Poi siamo al lavoro su una comoda supposta realizzata secondo i principi dell’omeopatia moderna, una volta assunto il trattamento non cadrete più in alcuna bufala, parola di lupetto.

LEGGI ANCHE:  Pisapia e gli 8000 euro ai ROM

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteL’obbligo vaccinale cancellato?
Articolo successivoFeti e vaccini: sempre colpa della rete?
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.