Creature misteriose? No, pesci forca

31
16

pesci forca

Fare clickbaiting capita a tutti, e anche il Corriere c’è incappato. In tanti che ci seguite me l’avete segnalato:

Filippine – Pescate strane creature degli abissi: metà pesci e metà gamberi. Individuate dai pescatori al confine marittimo con l’Indonesia, a 300 metri di profondità. «Mai visto nulla di simile»

Questo il post con cui la foto di queste “strane creature” è stata diffusa dal Corriere, l’articolo che accompagna la foto non è sbagliato, le informazioni sugli strani pesci sono corrette:

Ma è nei commenti al post su Facebook che la cosa è un po’ sfuggita di mano:

Mario: Non sono pesci, non sono gamberi quindi visto l’adattamento darwiniano assai paraculo li chiamerei: Gruppo Misto Liberal Riformisti Moderati Conservatori Cattolici Gramsciani del Mar dell’Indonesia (y) p.s. e alle prossime elezioni vota Scorfano di Montagna!

Vincenzo: Non importa che tu sia un pesce in via di estinzione o una creatura mai vista, quando la griglia è accesa È ACCESA!!!

Lenny: non sapranno che pesce sia ma l’hanno messo sulla brace in tempo zero , prima di tutto vediamo s’è buono …. della serie cazzomene degli abissi sarà anche brutto ma lo scorfano è peggio !!! #tengoappetito

Alex: Possibile nuova specie scoperta.
Giustamente la prima cosa da fare è metterla sulla brace xD anche perché quale modo migliore per studiarla, se non con la super-avanzata analisi organolettica

Andrea: Non tanto l’ignoranza dell’articolo che mi meraviglia, quanto quella dei tanti commenti. Trattasi infatti di un pesce comune in Italia. Vivere in città e commentare a buffo su Facebook vi sta bruciando il cervello

Tonino: Pescati anch’io a largo di Milazzo… adesso mi faccio intervistare dal Corriere

Liana: Ma quali strane creature sono buonissimi da noi si chiamano formati è si fanno al forno con limone o vino bianco… ( in Sicilia)

Ivan(ma non sappiamo se sia serio o meno, sicuramente ironico): Con tutta la m***a radioattiva riversata negli oceani è una fortuna che non saltino fuori kaiju…

Il social media manager del Corriere ovviamente se ne infischia dei commenti, anzi, più gente commenta più il post diventa virale e l’algoritmo del social network lo farà girare ancor di più. Sia chiaro, per i tanti che han tirato le orecchie al Corriere sarebbe bastato clikkare per trovarsi di fronte a queste pohce righe:

I pescatori raccontano di essere rimasti sbalorditi quando li hanno tirati fuori dall’acqua. Metà pesci, metà gamberi, individuati al confine marittimo tra Filippine e Indonesia, a 300 metri di profondità. Nascosti, mai visti prima, in realtà sono stati identificati degli esperti come una particolare specie di Peristediidae, simili alle gallinelle, che si trovano nei mari tropicali e subtropicali.

Ed è esattamente così, basta inserire su Google Immagini Peristediidae ed ecco la magia compiersi:

LEGGI ANCHE:  Fermo, la testimonianza ritrattata

Ma anche usando il termine “pesce forca” cambia poco:

E pure come gallinella di mare:

L’Italia non sarà più un paese di santi, poeti e navigatori. Ma di pescatori a quanto vedo ce ne sono in abbondanza, e al Corriere gli è andata male, il clickbait si è rivelato arma a doppio taglio visto le tante critiche susseguitesi nei commenti. Ripeto, nell’articolo (in realtà una photogallery) è tutto corretto, sono solo l’immagine e il testo usati per richiamare dai social all’articolo che hanno sfruttato l’escamotage, forse per dare un po’ di attrattiva a una photogallery meno interessante rispetto a quelle sexy o divertenti.

Non credo serva aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteVaccini e olio di arachidi
Articolo successivoBeppe Grillo comunica la LISTA NERA!!!
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.