Io capisco che a tanti piaccia fare facili like. E attaccare il PD è lo sport preferito di un preciso gruppo di soggetti, da tempo. La cosa però a volte rischia di diventare un boomerang, specie quando a diffondere posterini come quello di cui andiamo a parlare sono soggetti che cercano di fare carriera politica.

Alessandro ad esempio era candidato come consigliere comunale a Roma, ed è il referente logistico del Municipio presso cui era candidato. E diffonde (insieme a tanti altri) questo:

Il post risale al 6 luglio 2018, ma il posterino diffuso è decisamente più vecchio, circolava già nel 2015, rendendo così quel “sei mesi” un’imperitura memoria falsa. Ma davvero nelle fila del PD ci sono stati 146 arresti in un qualsiasi periodo di tempo?

Vediamo a cosa faceva riferimento quel messaggio. Il poster originale, modificato per renderlo sempreverde, era questo:

A suo tempo non l’avevamo trattato, per fortuna ci segnalavate molta meno politica di oggi. Ma resta un esempio interessante di come certe correnti politiche abbiano fatto strada diffondendo questo tipo di narrative. Sono veri gli arresti riportati nell’immagine? Vediamoli insieme voce per voce.

37 arresti per Mafia Capitale a dicembre 2014

Notizia confermata, 37 persone sono state arrestate (o hanno ricevuto mandato d’arresto mentre si trovavano già in carcere) nell’inchiesta per Mafia Capitale. Erano 37 membri del PD? Su La Repubblica edizione romana esiste l’elenco completo, e purtroppo (per noi che speravamo fosse vero, così evitavamo i soliti commenti del tipo “BUTAC sta sempre a difendere il piddi!!!1!1”) su 37 mandati d’arresto solo 1 è per un membro del PD (espulso dal partito) ma per par condicio nell’elenco c’è anche un esponente del M5S (espulso anche lui dal partito). La stragrande maggioranza degli arrestati in questo caso ha legami con l’estrema destra.
146 -37: ne restano 109.

61 arresti per Camorra Capitale a febbraio 2015

Purtroppo stavolta i giornali non pubblicano un elenco completo degli arrestati, ma ci sono tanti articoli che parlano della vicenda. In nessuno si nominano membri del PD, mentre vengono fuori nomi di componenti di clan camorristici. Pare strano che, se ci fossero stati membri di partiti politici, i giornali si sarebbero lasciati sfuggire l’occasione di riportarlo, non trovate? E invece i nomi che vengono fatti sono tutti relativi a criminali già noti alle forze dell’ordine, alcuni anche già in carcere quando è stato emesso il mandato d’arresto. 109-61=48, la lista si è accorciata di molto.

LEGGI ANCHE:  La teoria gender e il Rosatellum

4 arresti per Corruzione comune a marzo 2015

Vero, a marzo 2015 sono stati arrestati in 4, nessuno dei 4 risulta affiliato al PD, nessuno dei 4 ricopre posizioni riconducibili ad amicizie col PD. Sono 4 che hanno ricevuto mandato d’arresto per aver preso mazzette per evitare i controlli sui cantieri edilizi. Sul Messaggero trovate nomi e cognomi, e nessun accenno al PD. 48-4=44.

44 arresti per il business immigrati a giugno 2015

E siamo alla conclusione, chissà se in questi 44 non abbiamo finalmente qualche vero piddino. La Repubblica ci aiuta pubblicando un’altra volta l’elenco completo degli arrestati, elenco che ci fa capire che siamo di fronte a un’inchiesta bis di Mafia Capitale, e nell’elenco ci sono alcuni nomi che si ripetono rispetto alla prima lista. Onestà intellettuale di chi fece il posterino per primo zero. 12 nomi si ripetono, quindi da 44 passiamo a 32. E dei 32 rimanenti rullo di tamburi… ben 8 sono stati membri del PD in qualche maniera e 2 sono comunque soggetti vicini all’area di sinistra.

Quindi ricapitolando: il posterino diffuso in rete da tre anni a questa parte parla di 146 esponenti del PD arrestati, paragonando il Partito Democratico a Cosa Nostra. Le cifre di ogni operazione parlano di 146 persone che hanno ricevuto mandato d’arresto, di cui solo 9 esponenti del PD, più 2 vicini all’area del partito. I restanti 134 erano per lo più legati a partiti dell’estrema destra e a clan camorristici.

E fin qui l’analisi dei fatti. Qui sotto invece un po’ di mie personali considerazioni, che potete tranquillamente saltare.

Considerazioni conclusive del blogger

Voi lo capite che diffondere il posterino è da sciocchi? Che non è questa la maniera corretta di fare propaganda politica, e che se non controllate prima di pubblicare dati senza fonte, magari potrebbe saltar fuori che nel gruppo degli arrestati c’erano anche soggetti vicino all’area di cui vi fate portabandiera?

Vedete, siamo un Paese dove ci sono politici e magistrati che sfruttano l’ignoranza della gente per fare un po’ quel che pare a loro. Ci sarebbero mille seri motivi per dibattere su quanto facciano schifo i politici italiani. Ma sono mille motivi documentabili. Non fuffa diffusa per parlare alle pance. Fuffa oltretutto facile da smontare. Ci fate davvero la figura dei fessi. Ma forse vi fa piacere così.

LEGGI ANCHE:  Pensioni, extracomunitari e aspettativa di vita

Lo so che non ci credete mai, io non ho mai votato PD, ma ogni giorno che passa a furia di cavolate condivise da “onesti” mi fate venire sempre più voglia di votare per una volta nella vita a sinistra (ma quando succede si apre il cielo e un fulmine mi coglie).

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, puoi sostenerci su PayPal! Tutto fa brodo, anche il costo di un caffè!