Disinformazione antivaccinista 2.0

40
82

tridap-vaccini

Abbiamo le prove, l’FDA l’ha ammesso, un vaccino causa sicuramente l’autismo.

Queste o simili sono le frasi con cui tante pagine antivacciniste stanno diffondendo un articoletto di dubbio gusto, chi me l’ha segnalato è un’amica (grazie Simona) che si sta sbattendo molto per aiutarci nel fare corretta informazione in merito.

Così l’articoletto è stato diffuso da Giorgio Alberto Tremante, uno degli alfieri di punta del movimento antivaccinista italiano:

GRANDE NOTIZIA: L’AGENZIA FEDERALE AMERICANA FDA, CHE FINO A POCO FA LO HA SEMPRE NEGATO, ANNUNCIA UFFICIALMENTE CHE IL “VACCINO DTAP PROVOCA L’AUTISMO”! ! !

L’articolo che viene condiviso s’intitola così:

FDA Announce That DTap Vaccine Causes Autism

Il sito che diffonde la notizia è di quelli davvero dubbi, hanno disabilitato il click destro del mouse e la possibilità di fare copia e incolla per rendere più difficile ai lettori copiare il testo. Inoltre non è un “sito” ma una pagina con dominio costruita ad hoc per diffondere quell’articolo. Basta accorgersi che il tema gratuito usato è ancora incompleto, hanno ancora online la sample page, non esiste un “Chi siamo”, no, c’è una pagina con un solo articolo che viene diffusa come se fosse una seria testata medica. Dovrebbe dircela lunga su quanto Tremante e i suoi amici verificano le informazioni che trovano in rete.

Ma andiamo a leggere cosa ci raccontano:

According to the FDA’s online Biologics Blood Vaccinesdocument (between pages 6 to 11), a vaccine manufacturer admits on its package insert that their vaccination can cause autism as one of many adverse reactions.

Questo lo scoop, secondo Med Health Fit, l’FDA americana in un documento che non ci linkano spiega che un produttore di vaccini ha ammesso nel bugiardino che la vaccinazione può causare l’autismo. Perché non aggiungere un link a questo documento dell’FDA? Forse perché è fuffa che gira da anni e che tutti i debunker e i divulgatori scientifici hanno già trattato? E si vuole rendere il lavoro difficile al povero genitore preoccupato che si sta informando? Chissà, non lo sapremo mai, perché chi si cela dietro al sito Med Health Fit sta molto attento a nascondersi. Sia mai che qualcuno lo denunci.

LEGGI ANCHE:  Saper usare i termini corretti è importante

Il sito ne cita un altro, HealthAwarness, anch’esso anonimo, perché raccontare chi siano par brutto, meglio fidarsi di anonimi dementi che sostengono che ci si cura dal cancro con le erbette, piuttosto che dei medici veri, no? Io a volte mi domando davvero dove abbiano la testa Tremante e i suoi amici… ma andiamo avanti.

Adverse events reported during post-approval use of Tripedia vaccine include idiopathic thrombocytopenic purpura, SIDS, anaphylactic reaction, cellulitis, autism, convulsion/grand mal convulsion, encephalopathy, hypotonia, neuropathy, somnolence and apnea. Events were included in this list because of the seriousness or frequency of reporting. Because these events are reported voluntarily from a population of uncertain size, it is not always possible to reliably estimate their frequencies or to establish a causal relationship to components of Tripedia vaccine.

Ed ecco che come avevo ipotizzato all’inizio l’FDA non ha ammesso nulla, si tratta del solito bugiardino già trattato anche qui su BUTAC, che non dichiara nulla di particolare. Negli Stati Uniti  sui bugiardini vengono riportate tutte le segnalazioni di fatti avvenuti DOPO l’assunzione di un farmaco, senza verificare se siano collegati o meno al farmaco, solo a scopo informativo per il paziente. L’autismo è una sindrome che viene diagnosticata negli stessi anni in cui si fanno le vaccinazioni quindi ci sono genitori che hanno segnalato ai produttori le diagnosi avute e i produttori hanno inserito la cosa nel bugiardino.

Events were included in this list because of the seriousness or frequency of reporting. Because these events are reported voluntarily from a population of uncertain size, it is not always possible to reliably estimate their frequencies or to establish a causal relationship to components of Tripedia vaccine

Gli eventi sono stati inclusi in questa lista a causa della gravità o la frequenza di segnalazione. Poiché questi eventi sono segnalati volontariamente da una popolazione di dimensione incerta, non è sempre possibile stimare in modo affidabile la loro frequenza o stabilire una relazione causale con i componenti del vaccino Tripedia.

Quindi, come detto sopra, queste “reazioni avverse” non sono segnalate da strutture sanitarie che le abbiano verificate, sono segnalazioni volontarie fatte da genitori e pediatri senza alcuna documentazione che li supporti, ma siccome ne vengono fatte tante di segnalazioni si è deciso di inserirle nel bugiardino, senza che vi siano prove ed evidenze di correlazioni tra vaccino e reazioni.

LEGGI ANCHE:  Allerta Tachipirina!

Non credo serva aggiungere altro. La cricca antivaccinista che insiste nel diffondere notizie vecchie, già trattate da debunker e divulgatori, sotto veste nuova, lo fa solo e unicamente per confondere le acque, sanno bene che un genitore preoccupato e spaventato può essere una facile preda per loro, hanno disperato bisogno di tenerlo spaventato il più possibile. Questo dovrebbe dirla lunga sulla serietà di questi soggetti.

Butac è onorato di essere tra i fondatori del TeamVaxItalia insieme a RIV, IoVaccino, MedBunker, Vaccinar…sì, MinervaItalia Unita per la Scienza e VaccinarSI. Insieme stiamo diffondendo da ormai un anno il primo documento di advocacy dedicato ai vaccini: La Carta Italiana per la promozione delle vaccinazioni.

Questo strumento si articola su sei principi – Diritto alla Prevenzione, Responsabilità Sociale, Informazione, Contrasto alla Disinformazione, Comunicazione, Qualità – e rappresenta una chiamata all’azione. All’interno della carta è possibile trovare informazioni utili per una corretta divulgazione delle vaccinazioni, dando gli strumenti corretti a tutti coloro che vogliono farsi promotori di questa battaglia sociale.

Sul www.TeamVaxItalia.it è possibile trovare i documenti della carta e aderire alla stessa.

maicolengel at butac punto it

Ricordatevi di votarci ai MIA Macchia Nera Awards!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteGli scoop di Wikileaks: gli alieni e il Papa
Articolo successivoLa fatwa contro i gatti
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.