Il rimedio alla farina “colla nell’intestino”

50
401

La farina bianca come colla nell’intestino? Ma perché non smettete di leggere qualsiasi testata che abbia ripubblicato il pezzo che arriva da DioniDream?

farinacolla2

In questo caso RETENEWS24:

farinacolla

Entrambe le testate sono già da tempo presenti in Black List.

Ma andiamo a vedere per bene cosa ci vogliono far credere:

La colla si attacca alle pareti intestinali, rallentano il flusso del cibo, generando fermentazioni (degli zuccheri) e putrefazioni (delle proteine) e quindi un aumento delle tossine nel corpo che provoca stanchezza, nervosismo, mal di testa, malassorbimento dei nutrienti, predisposizione alle malattie e nel lungo tempo può essere causa di problemi davvero seri. Che la farina bianca formi una colla è facile da scoprire: basta mescolarla con un po d’acqua e vedere come rimane appiccicata alle mani e si indurisca. Viene chiamata Colla di Farina ed è usata per la produzione di cartapesta e lavori fai da te.

Verissimo che con la normale farina si faccia della colla casalinga, come ci spiega la sempre cara wikipedia:

La colla di farina è molto usata per la produzione della cartapesta, in sostituzione della colla vinilica; anche se un po’ sottovalutata in altri ambiti, ha una forza collante di circa 3,6 kg

e inoltre:

Gli oggetti incollati con essa temono l’umidità: è una colla molto igroscopica e si scioglie con l’acqua.

E noi quando mangiamo mica beviamo mai nulla eh? Oltretutto perché si formi la colla di farina devono esserci determinate proporzioni tra liquidi e farina, e deve bollire 10 minuti, cosa che nel nostro stomaco non credo accada. Ma non limitiamoci a questo, l’articolo di ReteNews24 ci dice altro:

Vi sono alcuni alimenti che, durante la digestione, diventano una specie di colla, detta muco, capace di attaccarsi alle pareti intestinali ed altre condutture organiche, e ricoprirle con uno strato sempre più spesso.

Verissimo, il muco intestinale esiste, solo che come si è scoperto nel 2013:

Mucus Enhances Gut Homeostasis and Oral Tolerance by Delivering Immunoregulatory Signals

Che sul Sole 24 Ore veniva raccontato così:

Svelate le proprietà  antinfiammatorie del muco intestinale. Impediscono reazioni anomale contro flora batterica e cibo ingerito

E invece proprio DioniDream e Rete News vorrebbero convincerci ad eliminarlo, o perlomeno a ridurlo.

Ma smettiamola, il muco intestinale esiste, non fa alcun male, e la farina non ha colpa nella sua formazione. L’articolo originale è molto più lungo,  ma a me sono bastate le affermazioni delle prime 10 righe per aver voglia di tirare una testata contro al muro.

Vergogna.

A me va benissimo che si voglia fare informazione salutista, che si voglia invitare a nutrirsi in maniera più sana, ma vorrei si smettesse di raccontare fandonie nel cercare di convincere la gente a cambiare il proprio regime alimentare.

Di farina abbiamo già parlato qui su Butac, più volte.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!