Gli scontri di Bruxelles tra polizia e marocchini

142
10

Premetto, quanto avvenuto a Bruxelles durante i festeggiamenti per la qualificazione ai mondiali del 2018 è deplorevole, i colpevoli dei danni vanno arrestati, ma quanto segue non difende nessuno, cerca solo di mettere i puntini sulle i.

Eccoci di fronte a una notizia che probabilmente sarebbe passata inosservata al mio occhio, non interessandomi di calcio. Ma quanto vi sto per raccontare ha tutti i connotati per rientrare nella possibile disinformazione politica. A Bruxelles come alcuni di voi avranno letto ci sono stati scontri tra tifosi della nazionale del Marocco e la polizia, al termine del match che ha visto appunto il Marocco qualificarsi per la coppa del mondo di calcio.

Qui su BUTAC mi avete segnalato la vicenda con un articolo che titolava in francese:

22 policiers blessés lors de violents affrontements avec des Marocains dans les rues de Bruxelles !!!

22 poliziotti feriti durante gli scontri violenti con i marocchini per le strade di Bruxelles !!!

Il commento che il lettore giubra63 qui sul blog ha lasciato dice:

Islamici mettono a ferro e fuoco Bruxelles. Loro tifano per la nazionale marocchina. Non esiste integrazione, si sentono islamici prima che belgi o francesi o italiani. #NoIusSoli

Ovviamente non era una segnalazione, ma un voler ribadire che gli stranieri sono cattivi e pericolosi. Al commento di Giubra ha subito risposto ENEMY così:

Hooligans marocchini mettono a ferro e fuoco Bruxelles. Loro tifano per la nazionale marocchina. La violenza calcistica esiste, si sentono forti della propria squadra prima che essere persone civili. #Noalletifoserie

Seguito da Tommy The Biker:

Ah sì, perché gli ultrà nostrani sono dei modelli di virtù, invece.

Una certa frazione dei tifosi di calcio è solo un violento con sciarpa e maglietta colorate, a prescindere da quali siano i suddetti colori.

Che potevano anche bastare come risposte, ma lo sapete, la curiosità del verificatore di fatti è sempre tanta, così mi sono letto il pezzo linkato da Giubra63. Il sito su cui si trovava è di quelli che mi fanno accendere svariate spie della fuffa, civilwarineurope. Ne ho seguito la fonte per scoprire che si trattava di RT versione francese, che titolava:

Voiture brûlée, magasins saccagés : la qualification du Maroc pour le mondial dégénère à Bruxelles

Un’automobile bruciata, i negozi saccheggiati: la qualificazione del Marocco per i mondiali degenera a Bruxelles

L’articolo riporta più o meno le stesse cose dell’altro, ma come avete capito stiamo parlando della versione francese di RT, non una testata locale belga, non qualcuno che abbia riportato fatti e testimonianze, no, solo l’interpretazione fatta da qualcun altro che non abita in Belgio, ma riporta solo. Quindi sono andato a cercare testate locali, sperando appunto in testimonianze. Ed è interessante notare cosa sia saltato fuori.

LEGGI ANCHE:  Respiriani e ADNKronos

Su RTL info, testata belga, trovo:

La fête a dégénéré après le match entre le Maroc et la Côte d’Ivoire au centre de Bruxelles: les dégâts sont impressionnants, 22 policiers blessés (vidéo)

Titolone pressoché identico a quelli degli altri, ma quello che riporta nel testo ci racconta una storia un po’ diversa:

“La police a été menaçante dès le départ”

L’intervention a donc été nécessaire, mais elle a été agressive et disproportionnée selon plusieurs témoins qui nous ont contactés via le bouton orange Alertez-nous, comme Amélie : “L’ambiance était bon enfant. La police a démarré sa charge et une autopompe a commencé ses jets d’eaux alors que tout se passait bien. La police a été menaçante dès le départ. Je trouve inadmissible de jouer la provocation”. Je travaille chez les pompiers, j’étais sur place, la police a déconné. Il y avait une bonne ambiance et la police a chargé les gamins et ça a dégénéré“, a affirmé un autre témoin

La polizia era minacciosa fin dall’inizio

L’intervento era necessario, ma è stato aggressivo e sproporzionato secondo diversi testimoni che ci hanno contattato direttamente tramite il servizio Alertez-nous, come Amélie: “L’atmosfera era buona. La polizia ha iniziato a caricare e un’autopompa ha aperto i suoi getti d’acqua quando tutto stava andando bene. La polizia è arrivata minacciando fin dall’inizio, mi sembra inaccettabile cercare la provocazione“. ” Io lavoro con i vigili del fuoco, ero lì, la polizia ha fatto danni. C’era una buona atmosfera e la polizia ha caricato i bambini ed è degenarato tutto “, ha detto un altro testimone

Quindi, oltre a trattarsi di fatti, deplorevoli -ma non inaspettati, i tifosi violenti ci sono ovunque di qualsiasi razza e nazionalità – ci sono comunque testimoni che sostengono che i fatti siano conseguenza di provocazioni da parte delle stesse forze dell’ordine. Lo capite che omettere quella parte è manipolare i fatti? Specie quando nessuno sta difendendo chi ha creato i disordini inizialmente; ma la polizia è arrivata ben prima che la situazione degenerasse come poi è successo.

LEGGI ANCHE:  Un tentativo di rapimento a Genova?

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, puoi sostenerci su PayPal! Può bastare anche il costo di un croissant!

Articolo precedenteLe folli corse della stazione spaziale
Articolo successivoLe terapie del sale tra scienza e fuffa
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.