Il vaccino anti influenzale, l’alluminio e l’Alzheimer

25
24

Alzheimer

Circola su Facebook e su altri social network questa immagine:

Alzheimer
Se una persona si fa 5 vaccini anti influenza in tutto l’arco della vita il rischio Alzheimer è del 600& a causa dell’alluminio contenuto nei vaccini – Dra. Rima E. Laibow. Presidenta de La Natural Solutions Foundation

Circola, ovviamente, con svariati commenti indignati, chi la condivide lo fa da arrabbiato, convinto irrazionale:

Mancano barelle, personale medico e attrezzature negli ospedali…….. peró abbiamo i vaccini gratis…..chissà perchè….

Vivi in un mondo programmato per farti ammalare. Om

Sono gratis perché fanno ammalare non guarire.

Un meme vale più di una fonte verificata

Questa è gente che vede complotti dappertutto e che non ha la più pallida idea su come informarsi in maniera decente. No, a loro basta trovare un meme che rispecchi quello che hanno in testa, lo traducono senza alcuna verifica o spirito critico e lo diffondono. Che sia reale o meno poco importa, l’unica cosa importante è diffondere allarmismo e raccogliere consensi. E questo è un male.

Sì, perché tra chi vede circolare il messaggio è facile che ci siano tanti che non hanno le capacità critiche di andarlo a verificare e si fidino della persona che l’ha condiviso. Come sempre anticipo, non sono un medico, e la sbufalata che segue è basata sulla verifica delle fonti, nulla di più.

Per i più pigri:

  • La dottoressa che fa quell’affermazione campa scrivendo libri sui rapimenti alieni e sui complotti per decimare la popolazione mondiale.
  • Non esistono ricerche che colleghino con certezza l’alluminio al rischio di Alzheimer.
  • Il quantitativo di alluminio che introduciamo nei nostri corpi con le vaccinazioni è infinitamente inferiore a quanto ne ingeriamo quotidianamente con l’alimentazione.
  • Il nostro corpo, per via renale, è in grado di allontanare il 96% della quantità assunta quotidianamente.

Per i lettori di BUTAC

La Dottoressa Rima E. Laibow

La prima apparizione della presidentessa di Natural Solutions è un documentario del 1995 che parla di UFO, poi per nove anni si dedica a spargere fuffa medica online, a organizzare spedizioni per trovare Atlantide e a scrivere libri sui rapimenti alieni. Riappare nel 2009 con altri documentari da lei interpretati che attaccano gli OGM e la medicina in generale. Chiaramente è un’antivaccinista a tutto tondo, che crede agli UFO e diffonde dal suo blog svariati tipi di “medicina alternativa”. Non un soggetto di cui mi sento portato a fidarmi, ma evidentemente i tanti che stanno diffondendo l’immagine a cui facciamo riferimento la ritengono una persona seria. Per fortuna non tutti…

Skeptoid la descrive così:

Rima Laibow – I’ve written before about Dr. Rima Laibow’s conspiracy theories regarding the Codex Alimentarius, the UN’s food and nutrition guidelines. She’s become a leader in the movement to expose the Codex as a plot to depopulate the planet through starvation, food control and the banning of mineral supplements – becoming so successful that some other Codex opponents believe she’s a disinformation agent of the UN. Though the usual suspects have embraced her theories as part of the overall depopulation conspiracy, no credible evidence supports them.

But Laibow is also an ardent anti-vaxxer and opponent of psychiatric medication, claiming that she’s never written a single prescription in her decades-long career. In the wake of the Sandy Hook school shooting, she gained some notoriety for a YouTube video called “I am Adam Lanza’s Doctor,” railing against the “forced drugging” of students, the vice-grip that pharmaceutical companies have on us and shilling for detoxification and “natural solutions.” Of course, while she’s sternly against Big Pharma, she’s also happy to sell you wildly overpriced and useless detox products through her Natural Solutions Foundation. Because to her, things that don’t work are superior to things that do.

Che tradotto:

Rima Laibow – Ho scritto altre volte sulle teorie del complotto della Dottoressa Rima Laibow per quanto riguarda il Codex Alimentarius, le linee guida alimentari e nutrizionali delle Nazioni Unite. È diventata leader del movimento per esporre il Codex come un complotto per spopolare il pianeta con fame, controllo degli alimenti e il divieto di integratori minerali – ottenendo così tanto successo che alcuni altri avversari Codex ritengono che sia un agente di disinformazione delle Nazioni Unite. Anche se i soliti noti hanno abbracciato le sue teorie come parte della cospirazione generale di spopolamento, non c’è nessuna prova credibile a loro supporto.

Ma Laibow è anche un’anti-vaccinista ardente e nemica degli psicofarmaci, sostiene di non aver mai scritto una singola prescrizione nella sua carriera pluridecennale. Sulla scia della sparatoria scuola di Sandy Hook, ha acquisito una certa notorietà per un video di YouTube chiamato “Io sono il dottore di Adam Lanza” dove inveisce contro il “drogare forzatamente” gli studenti, il potere che le aziende farmaceutiche hanno su di noi e l’avversione che hanno per la disintossicazione e le “soluzioni naturali.” Naturalmente, mentre lei è severa contro Big Pharma,  è anche felice di vendere selvaggiamente prodotti di disintossicazione costosissimi e inutili attraverso la sua Natural Solutions Foundation. Perché per lei le cose che non funzionano sono superiori alle cose che funzionano.

Che dite, un bel soggettino di cui fidarsi ciecamente, giusto? Sia chiaro, anche io ritengo che le medicine quando inutili non vadano date, e che i ragazzi dei licei (ma anche più giovani) debbano usare farmaci solo se prescritti dal medico e mai su nostra insistenza, ed è purtroppo vero che negli Stati Uniti ci sono famiglie dove l’uso degli psicofarmaci per i figli è abitudine, presa troppo alla leggera. Però la colpa non è delle case farmaceutiche, ma di chi usa i farmaci in maniera scorretta.

LEGGI ANCHE:  Ebola, fantasia ed erbe magiche: L'omeopatia

Il marito della dottoressa Laibow è un ex generale dell’esercito americano, generale in pensione dal 1984, il Generale Albert Stubblebine. La sua bio su Wiki riporta:

He required that all of his battalion commanders learn how to bend spoons in the manner of celebrity psychic Uri Geller, and he himself attempted several psychic feats, in addition to walking through walls, such as levitation and dispersing distant clouds with his mind.

Richiedeva (quando in servizio) che tutti i suoi comandanti di battaglione imparassero a piegare i cucchiai come il celebre Uri Geller (una frode, come ben sapete), e lui stesso ha tentato diverse prodezze psichiche, oltre a camminare attraverso i muri, come la levitazione e disperdere le nuvole lontane con la sua mente.

Un altro soggetto da prendere con le molle, non trovate?

Ma allora i vaccini e l’Alzheimer?

Il nostro dottor Pietro Arina si era già espresso sull’argomento, e quanto ci spiegava a suo tempo è di facile comprensione per tutti:

I sali di alluminio sono utilizzati per il loro effetto di stimolazione della risposta immunitaria in molti vaccini, potenziando quindi l’efficacia degli stessi e diminuendo il numero di dosi da somministrare. Il contenuto di alluminio può variare da 0.25 a 2.5 mg per dose di vaccino. Bene, ancora una volta ci troviamo di fronte a una dose molto ridotta, dose che il nostro organismo può tollerare ed espellere. Infatti con la dieta immettiamo quotidianamente da 5 ai 20 mg di alluminio. Questo non si trova nei prodotti industriali, ma bensì nelle verdure. (qui un interessante link della European Food Safety Authority). Il nostro corpo è in grado di allontanare per via renale fino al 96% di questa quantità giornalmente.

Per quanto riguarda l’effetto di tossicità sinergica, soffermiamoci a pensare: l’etil-mercurio viene rapidamente allontanato dal corpo per via renale. Stesso discorso per l’alluminio. Pertanto sia per le bassi dosi che vengono inoculate con il vaccino (e ricordo che si tratta di dosi ben al di sotto di quelle tossiche per il nostro corpo, oltre al fatto che stiamo parlando come al solito di etil mercurio e non di metil mercurio!), sia per il bassissimo tempo di permanenza in circolo oltre alla vastissima letteratura in merito è più che ragionevole escludere che vi sia un reale effetto sull’organismo.

Quindi, se con la dieta immettiamo nel nostro corpo dai 5 ai 20 mg di alluminio ogni giorno quanto potrà esser nocivo quel singolo vaccino anti influenzale fatto una volta all’anno?

LEGGI ANCHE:  L'offensiva antivaccinista

Non credo sia necessario aggiungere altro, la dottoressa Laibow e suo marito sono fuffari che hanno scoperto che a vendere aria fritta si guadagna molto meglio che a esser persone oneste.

Chiunque segua i loro insegnamenti e le loro teorie è avvertito. Uomo avvisato mezzo salvato dicevano un tempo.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteParacetamolo ritirato, allarmismo lanciato!
Articolo successivoI conti dell’8×1000 in tasca alla chiesa cattolica
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.