Insegnanti e vaccini

201
95

insegnante

Oggi sono stato taggato da un genitore in un gruppo dove quando è possibile cerco di aiutare a districarsi tra le bufale. Il tag era dovuto a un post che questo genitore aveva ricevuto su Whatsapp, un invito a firmare una petizione su Change:

Vaccini, chiediamo dimissioni immediate del governo per decreto legge da regime

I messaggi sono in una chat privata, non posso riportarvi screenshot che possano permettere di identificare alcunché, ma li ho potuti visionare e verificare. Partiamo col dire che le petizioni online non servono a granché, questa per quel che conta  potrebbe raccogliere 60milioni di firme senza che abbia comunque alcun valore, sono solo 60 milioni di utenti che cominceranno a ricevere nella casella email comunicazioni da Change .org. Ma una petizione online non ha alcun valore legale, sono fatte solo a scopo di sensibilizzazione su un soggetto.

La ragione per cui stiamo parlando di questo messaggio su BUTAC è che chi ha inviato l’invito è la maestra di una scuola pubblica italiana, maestra che sta usando la chat di classe per spaventare i genitori sul tema vaccinazioni pediatriche.

La maestra non si limita all’invito alla petizione. Perdonatemi, ma nelle didascalie ho riportato i messaggi esattamente come sono in originale, alcune parole sono poco comprensibili, perché la suddetta maestra non scrive in un italiano decente. Lo so mi direte che è in chat, non in classe, ma è in chat con i genitori dei suoi alunni, cosa puoi aspettarti da una che scrive così?

Libertaaaaaà di scegliereeeee! Niente di +!!! Comq…lasciamo perdere…forse troppo difficile da comprendere!!!

Condivide video sempre sulla stessa chat, video che vengono da un canale satellitare noto per la pseudomedicina che spaccia (e che viene ripresa su blog e canali social di vario genere). Sostiene tesi antiscientifiche:

Non si faccia comq raggirare….di morbillo non morto mai nessuno!!! Comq..qui si sta votando la liberta di scegliete

Di morbillo non è mai morto nessuno? No cara maestra, di morbillo si muore anche nel 2017, sostenere il contrario dimostra di non capire molto di medicina o di essere completamente incapaci nelle ricerche online, e questo per un’insegnante nel 2017 è grave. Veniamo a noi, a parte la bufala che di morbillo non è mai morto nessuno, che non credo necessiti di sbufalata, quello che mi preme è farvi un invito: oggi quasi tutte le classi scolastiche usano sistemi di messaggistica, specie fino alla fine delle elementari; se siete in gruppi di qualsivoglia genere dove vedete insegnanti, educatrici, membri della struttura scolastica usare il mezzo per fare disinformazione medica vi prego, segnalateli, alla preside prima di tutto, ma anche al provveditorato. Ognuno può avere le proprie idee, ma un docente di qualsiasi ordine e grado è pagato per educare nella sua materia specifica, non per discutere con le famiglie degli alunni di calendari vaccinali o pseudomedicina. Se non vuole adeguarsi, non credo ci siano problemi a trovare altri insegnanti pronti a sostituire chi non accetta i confini del proprio ruolo.

LEGGI ANCHE:  Annullato il concerto di Natale?

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!