La celiachia e gli OGM

3
16

Questa volta si parla di Luciano Pecchiai, fondatore dell’Eubiotica in Italia e primario ematologo emerito all’ospedale Buzzi di Milano, e delle sue dichiarazioni sulla causa della celiachia.

Pecchiai afferma che la proliferazione epidemica (così in originale) della celiachia non sia dovuta a cause congenite, ma a causa dei frumenti OGM.

Bisogna essere subito chiari.

La celiachia è una malattia a predisposizione genetica che dagli studi è risultata correlata in qualche modo alla presenza degli antigeni HLA DQ2 e/o DQ8. Essi sono necessari allo scatenarsi della malattia, ma non sufficienti. Ci sono altri antigeni, alcuni di frequenza più rara altri no, che contribuiscono al verificarsi della malattia.

In sintesi: i frumenti OGM non causano la celiachia. Punto.

L’articolo incriminato contiene, come al solito, il classico potpourri di fandonie anti-OGM:

  • Attacchi verso tipi di frumento OGM e non (del genere che non sanno neanche di cosa parlano)
  • Dichiarazioni non veritiere attribuite a persone vere (in questo caso a Adriano Pucci, presidente dell’Associazione Italiana Celiachia.)
  • Dati buttati ad mentula canis.

Sui dati voglio fare un piccolo appunto.
Nel testo scrivono:

 «Mentre qualche decennio fa l’incidenza della malattia era di 1 caso ogni mille o duemila persone, oggi siamo giunti a dover stimare 1 caso ogni 100 o 150 persone»

Vediamo di spiegare cosa significano realmente questi dati:

Innanzitutto, la celiachia è una malattia che si è iniziata a studiare, seriamente, soltanto nel secondo dopoguerra. Logicamente, all’inizio avevano solo dei metodi vaghi per individuarla.Col passare del tempo, e col miglioramento della tecnica medica, si è riusciti ad individuare con più precisione i malati. quindi è normale che la stima sia cambiata nel corso degli anni.

LEGGI ANCHE:  Medici radiati?

Inoltre, solo il 15% dei malati soffre di una forma di celiachia sintomatica, il restante 85% presenta una forma asintomatica. Rendendo ancora più difficile il calcolo esatto dell’incidenza della celiachia.

Questa bufala l’ho sfatata facendo una stupida ricerca da neanche 15 minuti. Cosa che, a quanto pare, Pecchiai non ha mai fatto in decenni di esperienza lavorativa.

Vorremmo inoltre ricordare che Pecchiai nel 1994 aveva fatto una ricerca sull’alopecia, e aveva sostenuto di avere trovato una soluzione a quest’atroce dramma che colpisce tanti uomini, questa è una recente foto di Pecchiai.

Alcune fonti:http://lavalledelsiele.com/2012/04/23/e-se-fosse-colpa-dei-luoghi-comuni/#more-6676
http://fedebiotech.wordpress.com/2012/04/23/luciano-pecchiai-su-ogm-nanismo-e-celiachia/

Articolo precedenteAncora disinformazione politica…
Articolo successivoLe bufale sui forni a microonde
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.