TREPAPI

Una foto storica e sensazionale che ritrae tre papi viventi in un colpo solo! Il sogno nel cassetto di molti papisti e cattolici, vero? E invece no: è solo l’ennesima bufala. La foto sembra credibile grazie a un abile fotomontaggio, servito a nascondere una tremenda figuraccia.1601008_770969276256125_1073689679_n

La foto gira sui social network (ancora) con questa didascalia, secondo la quale questa sarebbe una foto raffigurante i tre papi dell’epoca contemporanea: Francesco, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

ATTENZIONE FOTO STORICA SENSAZIONALE
E una foto degli ultimi tre Pontefici della nostra Santa Chiesa.
Questa è una foto unica. È emozionante vederLi assieme. Papa Francesco giovane assieme a S.Karol e al benemerito Papa Ratzinger. Essi ignoravano, ma Dio già lo sapeva. In pochi l’hanno ricevuta. DISTRIBUITELA

1964945_10203408420920974_302410691_n-1
La foto originale.

Una rapida ricerca con Google Immagini ci restituisce la foto originale. Joseph Aloisious Ratzinger, tutto a sinistra, stringe la mano a papa Giovanni Paolo II, ovvero Karol Józef Wojtyła (pron. iùsef voitìua). A voler essere pignoli, nella foto è ritratto un solo papa effettivo. Questo perché Ratzinger fu eletto prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede nel 1981. Come raccontano le cronache, Ratzinger fu inoltre presente al conclave dell’ottobre 1978, durante il quale fu scelto il nome di Karol Wojtyła. Purtroppo non sono riuscito a dare una datazione precisa a questa foto, ma è presumibile che sia stata scattata dopo l’elezione di Giovanni Paolo II.

Come potete vedere, nella foto originale manca papa Francesco. Questo pezzo del CICAP Emilia Romagna a firma Silvano Cavallina chiarisce che l’uomo sorridente al centro della foto è il cardinale canadese Édouard Gagnon, “innalzato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 25 maggio 1985″ (Wikipedia). Se vi state chiedendo “E chi cazzo è questo Gagnon”, avete capito il perché sia stata messa la faccia facciosa di papa Francesco. Soprattutto per alimentare un “mito” dettato dalla forte ignoranza in merito.

Sappiamo che le bufale sono spesso dure a morire, soprattutto quelle diffuse in buona fede (eh, eh, eh). Questo falso mito della “foto coi tre papi” gira da marzo 2013 con un tweet del giornalista filippino Harold Geronimo.

La foto condivisa è quella originale non ritoccata, ma il giornalista ha sbagliato nell’identificare il cardinale al centro della foto. Roba alla quale Rosario Marcianò ci ha abituato, giusto Paolo Costa? (A proposito, fammi sapere quando esce il tuo nuovo album solista.)

Insomma, qualcuno deve aver visto la figuraccia del giornalista filippino e per evitare un altro pezzo di VoxNews sul solito “immigrato che ruba il lavoro agli onesti italiani”, ha deciso bene di darci sotto con Photoshop.

fuffa_tgcomOvviamente i nostri “giornalisti” non si sono fatti perdere l’occasione di un bellissimo pezzo tappabuchi per attirare il target demografico di visitatori cattolici. Tra cui TGCOM24, che di “papi” se ne intende.

So bene che qualcuno fra voi lettori non vorrebbe questo genere di sbufalate sul loro sito preferito. Capisco benissimo il disappunto: rispetto a ciò di cui trattiamo, queste sono emerite facezie, meno criminose di certe cure pseudoscientifiche. Vorrei però porvi un piccolo quesito, affinché arriviate a capire anche il nostro punto di vista, in particolare quello del “vostro affezionatissimo” che sta scrivendo.

Quella di cui avete appena letto è una bufala certamente innocua, ma stiamo parlando pur sempre di un’informazione errata condivisa senza gli opportuni controlli. Volente o nolente, il lettore non è sempre capace di controllare ciò che gli viene detto, né sente la necessità di approfondire. In un paese dove il 47% degli italiani è analfabeta funzionale, è un po’ come trovarsi nella terra degli esseri ciechi, dove l’orbo è colui che comanda: la fiducia si irrobustisce nel suo atto di fede. L’informazione è anche ciò che viene passato come “curiosità”.

Se i giornalisti non garantiscono la veridicità di ciò che pubblicano nelle piccole cose, quanta fiducia potremmo dare a un giornalista che dovrebbe informarci sul mondo intorno a noi? E quanta fiducia sareste di nuovo disposti a dare dopo essere stati presi in giro?

Ecco perché c’è bisogno di corretta informazione. Sempre.

Il Ninth, che se sbalia, lo corigerete
[Commenti, segnalazioni, minacce di morte, tette? Scrivetemi a [email protected]]
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!