forestale

Nessuno di voi mi ha segnalato questa storia, ma sono mesi che nei commenti leggo di gente indignata perché il nostro Paese ha deciso di cancellare la Guardia forestale. Tutto questo è squallido, perché è frutto della disinformazione di parte fatta da testate e blog che avevano evidentemente interessi personali nella gestione del Corpo Forestale dello Stato.

Ma ritengo che anche se in pochissime righe sia il caso di fare un minimo di chiarezza.

Il Corpo Forestale non è stato cancellato ma è confluito nell’Arma dei Carabinieri, mantenendo gli stessi compiti di prima ma eliminando la gestione separata.

Il personale del Corpo ammontava al 31 dicembre 2016 a 7.563[3] unità, dislocato su tutto il territorio nazionale, ad eccezione delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e Bolzano, nelle quali operano autonomi corpi forestali regionali[4].

Tramite il decreto legislativo n. 177/2016, approvato definitivamente il 28 luglio 2016, è stata prevista, in applicazione della legge 7 agosto 2015, n. 124, la confluenza del Corpo nell’Arma dei Carabinieri e la riorganizzazione come Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare. La fase transitoria di assorbimento di funzioni e personale si è conclusa il 1º gennaio 2017 con lo scioglimento del Corpo forestale dello Stato.

Dei 7.781 Forestali in servizio nel 2016, 7.177 sono stati assorbiti dai Carabinieri, 390 dall’organico dei Vigili del fuoco, 126 dalla Polizia di Stato e 41 dalla Guardia di Finanza.

Basta usare la calcolatrice per accorgersi che dei 7781 che erano in servizio nel 2016 solo 47 non sono stati riassorbiti da uno dei Corpi sopra citati. Quindi, da gennaio 2016 invece che avere una gestione separata i Forestali sono alle dipendenze dell’Arma dei Carabinieri, ma non sono stati cancellati come tanti analfabeti digitali continuano a sostenere su internet. Fanno le stesse identiche cose di prima, anzi come è stato spiegato quando è stata presentata l’annessione dei Forestali ai Carabinieri.

Con il nuovo Comando “viene potenziato il livello di presidio del territorio attraverso il rafforzamento dell’attuale assetto con la cooperazione della capillare rete di strutture dell’Arma, delle sue capacità investigative e delle sue proiezioni internazionali per le attività preventive e repressive”

Oggi esiste una sola realtà, il Comando Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare che si occupa di tutte le aree in oggetto, con questi compiti:

Il Comando opera in difesa del patrimonio agro-forestale italiano, nella tutela dell’ambiente e del paesaggio, nel controllo sulla sicurezza della filiera agroalimentare e nel contrasto delle cosiddette ecomafie, ossia attività poste in essere dalla criminalità organizzata che arrecano danno all’ambiente.

Tra i suoi compiti anche la sorveglianza dei 20 parchi nazionali d’Italia, nonché di altre 130 aree protette dalla normativa europea, statale e regionale e la vigilanza sull’applicazione della Convenzione di Washington, sul commercio internazionale delle specie di fauna e di flora minacciate di estinzione.

Concorre inoltre all’espletamento di servizi di ordine e sicurezza pubblica, nonché al controllo del territorio, con particolare riferimento alle aree rurali e montane.

Chiunque sostenga che i Forestali sono stati cancellati sta disinformando, se si tratta di un amico che ha trovato la notizia online purtroppo non ne ha colpa, ma se la stessa esposta così la trovate su testate giornalistiche, o detta da politici di vario genere, beh, io prenderei le distanze da quei soggetti.

LEGGI ANCHE:  Blitz antivaccinista al ministero

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!