ago

Questa volta siamo di fronte a un articolo flash, perché i colleghi oltreoceano di Snopes l’hanno già trattato e non serve fare molto lavoro.

Siete in tanti che negli ultimi giorni mi avete segnalato questa fotografia, diffusa con diverse didascalie sui social network.

Questa pompa di benzina è stata fotografata in provincia di Verona…è stato appurato che si tratta di un ago di siringa infettato dall’HIV…State attenti quando fate rifornimento…E passate parola…
Attenzione, questa è la nuova bastardata che stanno facendo in giro nelle stazioni di servizio. Mettono delle siringhe infette da HIV nella pistola del carburante. Fatte attenzione e fatte girare.

A parte l’italiano del secondo post, che dovrebbe subito metterci sull’allerta bufala, la fotografia non viene dall’Italia, non viene da Verona ma dagli Stati Uniti, e ancor più precisamente ci si riferisce a un ben specificato episodio di cronaca risalente a maggio 2017.

La foto è la stessa, ed è qui dove appare per la prima volta. Titolo dell’articolo:

San Bernardino man claims injury by hypodermic needle in gas pump handle

La storia è raccontata in poche righe, e i giornalisti di Fox11 fin da subito specificano che sulla storia si sa davvero poco, a parte la denuncia di José Medina:

It was so simple. Jose Medina says Monday he went to this gas station in Moreno Valley on the way to work. He grabbed the handle of a gas pump and felt a pinch. He says there was a hypodermic needle attached to the handle. Shows us the puncture in his finger and the picture he says he took of the needle.

It’s a picture that has drawn some criticism. To be clear, there have been hoaxes in the past involving needles and gas pump handles. An immediate reaction of a debunking website was to label it a hoax. Snopes.com has since revised that. (…)

At the gas station, there are video cameras on the rooftop. The family says they have been told by police Jose is seen on the video and an attendant at the gas station offers to help. Police, however, won’t confirm that to us.

Quindi la stessa testata da cui parte tutto insiste nello spiegare che quanto riportano è solo frutto della denuncia di Medina senza che la polizia abbia confermato alcunché, non c’è nessun rapporto che parli di ago infettato dall’HIV, nulla di nulla. Snopes ci spiega come nel corso degli anni leggende urbane di questo genere abbiano circolato in rete senza che siano mai state dimostrate in alcuna maniera.

Quello che mi domando è quanta poca materia grigia hanno nella zucca quelli che avendo trovato la foto di Medina hanno deciso di trasformarla in un post virale da geolocalizzare nel nostro paese. Ci vuole proprio un disadattato per divertirsi in questa maniera.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleLa limonata, il Corriere e l’alcalinizzazione
Next article#iostoconAliceP
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.