La sposa di otto anni morta, lo pseudogiornalismo dilaga

9
215

sposa

Questa notizia circola da qualche settimana e ieri, in occasione dell’8 marzo, l’ho vista ricondivisa da tanti:

Yemen, sposa a 8 anni: muore dopo la prima notte di nozze

Nel 2013 quando uscì per la prima volta la notizia divenne virale in brevissimo tempo, e tante testate italiane ne parlarono, da Repubblica al Fatto Quotidiano, dal Giornale a Libero. E quegli articoli sono lì ancora oggi a ricordarci la tragica vicenda.

Vicenda che (se avvenuta) risale a 3 anni fa. News24 Italia (nome altisonante ma è uno dei tanti siti acchiappaclick nati in questi ultimi anni) l’ha diffusa poco tempo fa, senza darle collocazione temporale, facendo così credere a chi la vede circolare che si tratti di una notizia recente. Per fortuna allegano un link alla loro fonte, che è Repubblica, da cui hanno attinto per il loro articolo.

I fatti sono davvero tragici, ma cercando in rete a distanza di tre anni sembra che il tutto fosse una bufala, dall’articolo di Repubblica sono passato a quello del Giornale che riporta la stessa notizia, ma stavolta allega delle fonti. E clikkando su quella più “locale” ci accorgiamo che il sito GulfNews da cui il Giornale sostiene di aver attinto come fonte non sostiene che si tratti di una storia vera, anzi.

Wedding night death of girl, 8, denied in Yemen

 Sana’a: Local security officials and journalists in Yemen’s northern province of Hajja have strongly denied media reports about the death of an eight-year-old girl shortly after her wedding. But the journalist who wrote the controversial story insisted that his story was correct and based on the accounts of the girl’s neighbours.

Local media recently ran a story about an eight-year old girl who died after suffering heavy bleeding and a tear in her genitals after sleeping with her middle-aged husband.

In the capital, Ahmad Al Qurishi, the head of SEYAJ Organisation for Childhood Protection, an independent NGO that advocates children’s rights, told Gulf News that government and judicial officials in the province of Hajja denied the information about the marriage and death.

“I got in touch with the director of Criminal Investigation, Hajja’s prosecutor and the province’s security chief who all flatly denied the story,” he said.

Al Qurishi said that his organisation conducted its own investigation into the issue by sending some activists to the area.” The preliminary results show that the story was untrue.”

Quindi sia le autorità sia la ONG di riferimento per la protezione dei bambini nell’area dicono che è una storia falsa. GulfNews ha persino contattato il capo dell’investigazione che ha raccontato di avere incontrato sia la bambina che il padre della stessa, e che ha le prove che la bambina sta bene e vive col padre. L’articolo di Gulf News è usato dal Giornale come link, ma evidentemente l’articolista ha copiato da altri, senza neppure fare lo sforzo di andare a leggere i link che inseriva, visto che  le parole che riporta GN nei pezzi che circolano in Italia (ma non solo) dal 2013 non vengono mai dette. E guarda caso cercando su quelle che reputo testate più attendibili (come Reuters o la BBC) della notizia non trovo traccia. Ma allora? La storia è vera o no? Non vivo in Yemen, e Butac non ha soldi per un’investigazione che si spinga fino là. Ma trovo corretto riportare tutte le fonti, spiegando cosa dicono, accendendo la curiosità del lettore, facendogli capire che tutto il mondo è paese e anche una notizia tragica come questa può esser un falso.

LEGGI ANCHE:  La festa del papà abolita per non offendere i gay

La cosa che mi fa sorridere un po’ è che il Giornale linka GulfNews con questa affermazione:

…il giornalista freelance Mohammed Radman, che ha rivelato e denunciato, conferma la veridicità dei fatti. E non è certo l’unico. A confermare l’accaduto ci sono anche il Centro yemenita per i diritti umani, l’Unicef e le decine di siti, a partire dal Daily Mail, dove la storia continua a rimbalzare.

Per sostenere che i fatti siano veri usa il link a GN di cui vi ho riportato alcuni stralci che indicano possa trattarsi di bufala e il Daily Mail, noto per essere un tabloid di cui non fidarsi. Che dire, questo è il giornalismo che ci meritiamo.

Ovviamente Butac è assolutamente contrario all’usanza delle spose bambine, come a qualsiasi usanza barbara legata a tradizioni e religioni. Ma questo non è un buon motivo per non fare corretta informazione raccontando tutti gli aspetti della vicenda. Specie visto che li si pubblica solo per indignare, basta vedere i commenti sotto al pezzo del Giornale:

  • Facciamoli entrare in Italia, diamo loro il passaporto e adottiamo la loro cultura. È questo quanto vorrebbero realizzare il nostro ministro dell’integrazione e il presidente della camera?
  • Poi se gli dai dei Neandertaliani, o degli “oranghi”, a questi e a chi li difende “in entrata”, si adontano, fanno le povere vittime del “Razzismo Italiano”, Culturale e Antropologico. Questo animale andrebbe impiccato su una gru del porto, come esempio per tanti altri, “poveri fuggiaschi incompresi”. Vergogna, “ministro” anche per questo “incompreso”, naturalmente un “suo pupillo”, se e quando bussasse alle nostre porte. Vergogna!!
  • Queste porcherie gridano vendetta e fanno parte della cultura degli invasori,ormai in misura soverchiante nella molle e blasfema Europa,ora ci mancava questo Papa tuttofare a dar manforte a costoro e alla ministra congolese che vuol chiamare padre genitore 1 e madre genitore 2.Costei figlia di bigamo con marea di fratellastri è assurta al governo.Qui stiamo impazzendo tutti.

Vorrei ricordare a tutti che fino al 1981 nel nostro codice penale era previsto l’art.587:

Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell’atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d’ira determinato dall’offesa recata all’onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella.

Non era un’usanza barbara anche quella? Beh, ce la siamo lasciati alle spalle poco più di trent’anni fa.

LEGGI ANCHE:  Terme di Caracalla e Golf Club

Giusto per completezza d’informazione la foto che circola con l’articolo mostra a sinistra un imam residente in UK condannato a due anni di carcere per violenze sessuali su ragazze che frequentavano la sua moschea, ragazze che l’hanno denunciato a ventisette anni di distanza dai fatti (quindi è sicuramente un pedofilo da mettere alla gogna, ma non ha nulla a che vedere con la notizia in esame). La bambina col velo che vedete a sinistra è invece un’immagine da uno stock fotografico, la bambina è una modella, qui trovate i dettagli della foto.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteBeppe Grillo e il Daily Mail
Articolo successivoLa vera storia di Cécile Kyenge e dei “migranti malati”
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.