Non ci siamo, nella foga di pubblicare sono tante le testate che hanno titolato dando a intendere che la storia sia stata cancellata dall’esame di maturità. Era già successo qualcosa di simile qualche anno fa e anche in quel caso eravamo dovuti intervenire. All’epoca erano testate vicine a coloro che sono attualmente al governo a sostenere che era stata cancellata la Storia dell’arte e fu una lunga polemica. Oggi invece si parla della Storia, e i titoli si sprecano.

Scuola, addio allo studio della storia e dell’arte: ecco perché siamo un Paese senza futuro

Tutti gli storici contro il Ministero che cancella… l’esame di storia

Cancellata dall’esame di maturità la storia, scienza che ha come oggetto l’Uomo

Abolita la storia dall’esame di maturità: gli storici chiedono di incontrare il Ministro

Sia chiaro, se le cose stessero così sarei il primo a inalberarmi, concordo pienamente che la Storia sia una materia importantissima, senza la memoria del passato non è possibile evitare errori già fatti. Senza la memoria del passato non è possibile evolversi. Ma le cose non stanno come tragicamente raccontato da tante voci.

Le ore di storia nei licei sono completamente invariate rispetto all’anno scorso, quello che cambia è la maturità. Viene eliminata la terza prova scritta, e sono aumentati i crediti dati durante il triennio. Si tratta in questo caso di un adeguamento alla riforma del luglio 2015, che prevedeva appunto che, da quest’anno, l’esame di maturità cambiasse. Non è una scelta dell’attuale Ministro.

Già nel 2017 Il Post ci spiegava che:

La prima prova scritta resterà quella di italiano, ma potrà essere strutturata in più parti «anche per consentire la verifica di competenze diverse, in particolare la comprensione degli aspetti linguistici, espressivi e logico-argomentativi, oltre la riflessione critica da parte del candidato». La seconda prova riguarderà come oggi la materia che caratterizza quel preciso corso di studi: matematica per il liceo scientifico, per esempio. Infine ci sarà un colloquio orale.

Ed è esattamente ciò che è successo. Come spiega l’attuale Ministro:

La #storia è una disciplina importantissima, che attraversa tutte le altre. E’ alla base della cittadinanza. Con il nuovo esame non si vuole assolutamente mortificarla o ridurne l’importanza.

Il riordino del funzionamento dell’Esame di Stato ha evitato di relegare la storia, come accadeva prima, a un’unica tipologia di prova. Ognuna delle tre tipologie previste potrà interessare, e interesserà, anche l’ambito storico, come previsto dai documenti che regolano la #maturità2019.

#provadistoria #temadistoria #primaprova

E come riporta lo stesso documento del MIUR:

Tipologie di prove e numero di tracce
Sono previste tre tipologie di prova. Due di queste, la A (Analisi e interpretazione di un
testo letterario italiano) e la B (Analisi e produzione di un testo argomentativo) sono di tipo strutturato, cioè si compongono di una prima parte di analisi e comprensione (anche
interpretativa) del testo e una seconda parte di produzione libera (riflessione e commento) a partire dalle tematiche sollevate nel testo proposto. Con riferimento agli ambiti artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico, sociale di cui all’art. 17 del d.lgs. 62/17 e per dar modo ai candidati di esprimersi su un ventaglio sufficientemente ampio di argomenti saranno fornite sette tracce: due per la tipologia A, tre per la tipologia B e due per la C (Riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità).

Non è che “non c’è più la traccia storica”… è cambiato tutto l’esame. Attaccare a testa bassa senza avere la pazienza di leggere, senza avere la voglia d’informarsi, è sempre sbagliato. So già che ci sarà chi arriverà a dire che non è la stessa cosa, il tema storico era più complesso ecc ecc… Avete già visto come saranno strutturate queste prove? Avete capito che il tutto funziona tramite crediti e i voti dell’ultimo triennio (dove di storia se ne fa) valgono 40 crediti sul voto finale? Quasi il doppio rispetto a prima.

LEGGI ANCHE:  Rettiliani, pedofilia e Vaticano

Spero di essere riuscito a chiarire un po’ le cose.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!