La Top Ten delle bufale Vol.4

0
8

topten

E anche questo lungo weekend di ponti porta in dono la top ten delle bufale più lette sui social network, in versione aggiornata! Qualche new entry, tante vecchie conoscenze, negli articoli più gettonati questa settimana. Se siete nostri avidi lettori le avrete già lette tutte, assieme alle nostre sbufalate. Alcuni dei nostri articoli sono stati aggiornati alla luce di vostre segnalazioni, mentre qualcuno è ritornato a circolare grazie a qualche condivisione. Altri invece non sono mai passati di moda!

Nell’ordine, dal meno letto al più letto:

10 – Razzisti adesso fuori dai ********

9   – Il rubinetto delle scie chimiche

8 –  Euro agli immigrati

7 – La dieta del miele

6 – La terra piatta

baby-baptism_o_1030983
Un fan della nostra Top Ten

5 –  Battezzare i bambini è reato

4 – Libero e il fact checking

3 – L’Aulin e i suoi rischi

2 – The Black List La lista nera del web italiano

1 – Cari genitori vi stanno mentendo

Il pezzo tradotto da Neil rimane stabile in prima posizione, ma è con una punta di orgoglio che mi fa piacere constatare quanto abbia girato la nostra “lista nera” del web italiano. Sarebbe ancora più piacevole se fossero in molti a seguirla, specialmente quei quattro o cinque complottari ancora chiusi nella loro caverna e convinti che il mondo ce l’abbia con loro, al punto da volerli uccidere. Interessante poi come ancora si discuta del presunto “reato di battesimo”, una bufala di quelle che tanto piacciono agli anticlericali e, perché no, ai cattolici sempre sul piede di guerra. La bufala non ha davvero colore né casacca preferita…

Articolo precedenteLa Discussione e “la nube rosso sangue”
Articolo successivoLa NASA ammette l’esistenza di chemtrails e geoingegneria?
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.