Nei siti dei complottari italiani sta cominciando a girare l’ennesima teoria.

Nadia Toffa è sponsorizzata

Il post che mi viene segnalato viene dalla pagina di un tale a cui non regalo visibilità, pochi like e condivisioni, ma è poco importante quanto abbia circolato il singolo post. Il problema è notare come faccia strada tra certi soggetti una nuova teoria complottistica.

Ma partiamo dall’inizio, non voglio dare visibilità al soggetto ma posso riportarvi il contenuto del post:

Non so che tipo di cancro abbia avuto Nadia Toffa, l’attore Patrick Swayze lo aveva al pancreas, aspettativa di vita poca, la Toffa diceva di non lasciare le cure ufficiali e di non affidarsi ad altri tipi di cure, Patrick seppur con un tumore aggressivo avrà fatto tutto il possibile per salvarsi, era ricco anche tanto, avrà tentato oltre la chemio e radio, cure sperimentali , sarà stato curato in cliniche private, le migliori, ed è morto ugualmente Se scorrete nelle immagini dell’attore rimarrete impressionati, non solo il male lo ha ridotto così, ma soprattutto le cure, quelle ufficiali, ortodosse, sponsorizzate dalla Toffa

L’immagine che accompagna mostra un confronto tra Patrick Swayze – totalmente trasformato, dimagrito moltissimo a causa del cancro al pancreas per cui poi è morto – e Nadia Toffa, in uno scatto che risale a dicembre 2017.

NOTA BENE:
Sì lo so, i più feroci razionali sanno perfettamente come trovare il post e andare ad argomentare sotto allo stesso, non fatelo, ve ne prego. Dareste visibilità a soggetti che non la meritano, persone che o fanno parte dei ciarlatani che vendono cure alternative, o dei disperati che ci credono ciecamente perché necessitano speranze che la medicina non può dare.

La tesi è questa: Nadia Toffa recita, pagata dalle case farmaceutiche, per sponsorizzare le cure convenzionali contro il cancro. Cure che, secondo i soggetti che propugnano la teoria, non funzionano.

Pagata per ridurre la popolazione del pianeta

Quindi, e qui entra in gioco il complottismo più becero, Nadia Toffa è pagata per spingere la gente a seguire cure che non funzionano, nell’ottica di un piano per ridurre la popolazione del pianeta Terra.

LEGGI ANCHE:  Le Iene, i bordelli gay e lo UNAR

Nei commenti appaiono una serie di immagini, tutte legate a fantomatici complotti e rimedi funzionanti contro il cancro, è tutta fuffa o disinformazione. Molta già trattata anche da noi.  Ho pensato fosse interessante riportarli a futura memoria:

Non posso riportarvi una descrizione per ogni immagine. C’è tutto il complottismo anti chemioterapia possibile. Tutto il marasma di meme antiscienza diffusi primi fra tutti da ciarlatani che hanno tornaconto nel farlo, poi da poveri disperati in cerca di qualcosa a cui aggrapparsi.

Le iene

Sarebbe bello vedere intervenire Le Iene contro questa gentaglia, fare chiarezza sulle cure, come Nadia Toffa stessa ha fatto nei mesi passati.

Sarebbe bello vederglielo fare anche memori del fatto che loro per primi, con certi servizi, hanno contribuito alla diffusione mediatica di certi fenomeni antiscientifici. Che va bene far divertire, va bene cercare di mischiare l’informazione con l’intrattenimento. Ma sulla medicina e sulla scienza sarebbe meglio cercare sempre di essere il più chiari e onesti possibile, evitando possibili fraintendimenti.

Alle volte il voler raccontare una storia non è l’unica opzione. In mancanza d’altro si può anche stare zitti…

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!