L’effetto di 24 Red Bull di fila?

19
399

ATTENZIONE: questo articolo contiene immagini impressionanti24REDBULL

Ci avete segnalato questo video decisamente inquietante in cui si riprende un petto che pulsa violentemente.

Il video gira con spiegazioni diverse, ma tutte hanno un elemento comune. Per alcuni, l’uomo nel video avrebbe bevuto 24 Red Bull di fila; per altri, questo sarebbe il risultato di 20 Red Bull consumate assieme ad abbondanti dosi di alcool. Per qualcun altro, il video documenterebbe l’incubazione dell’alieno danzante di Balle Spaziali.

Con qualunque spiegazione esso giri, il post intende demonizzare la solita multinazionale di turno attraverso immagini raccapriccianti.

Il video non c’entra nulla con i presunti effetti della Red Bull. Snopes demistifica questa scena agghiacciante spiegando chiaramente di cosa si tratta: lembo costale mobile. È causato da eventi traumatici come gli incidenti stradali, le cadute su un terreno scivoloso o dalle scale e gli scontri di gioco durante la pratica di un’attività sportiva (fonte).

Da quel poco che si può vedere nel video incriminato, appare evidente che la scena si svolge in un ospedale o al pronto soccorso. Escludendo i fattori di rischio, è più plausibile che l’uomo abbia subito un forte trauma alla cassa toracicaNiente a che fare con “bere 20 Red Bull di fila”, dunque.

Sempre Snopes tenta di tracciare un’origine al mito delle 20 Red Bull. A metà del 2015 saltò fuori una curiosa notizia riportata da alcuni giornali inglesi: una donna di nome Sarah Watherill sarebbe stata curata da una forte dipendenza psicologica alla Red Bull ricorrendo all’ipnosi.

Her habit was at its worst the following year when she was studying for a law degree and wanted to stay awake to revise for exams.

She soon became dependent on the drink and couldn’t get out of bed unless she knew she had some in the fridge.

She also became lethargic, depressed, had heart palpitations and was constantly feeling anxious as her £105-a-week habit spiralled out of control.

She finally decided to do something about the problem after she realised the constant need for the Red Bull was severely damaging her health.

Come abbiamo sempre scritto citando Paracelso, “è la dose che fa il veleno”. Una Red Bull ogni tanto non vi farà malissimo, ma è l’uso continuato e smodato a creare problemi. La tanto cattiva Red Bull ve lo vuole tenere nascosto… al punto da sottolinearlo addirittura sul suo sito.

La caffeina ha effetti indesiderati sul corpo umano?

Molte autorità internazionali hanno esaminato gli effetti della caffeina. Ad esempio, gli scienziati di Health Canada hanno condotto un esame approfondito della letteratura scientifica riguardante la caffeina. Su questa base, hanno concluso che la popolazione composta da adulti sani non rischia di soffrire potenziali effetti negativi causati dalla caffeina se gli stessi limitano il loro consumo a 400 mg al giorno. Tuttavia Health Canada raccomanda alle donne in stato di gravidanza di limitare la loro assunzione quotidiana di caffeina a 300 mg.

Le autorità sanitarie di tutto il mondo, compresa l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, hanno stabilito che Red Bull Energy Drink è un prodotto sicuro e per questo motivo è in commercio in più di 167 Paesi, compresi tutti i Paesi dell’Unione Europea.

Una lattina di Red Bull (250 mg) contiene circa la stessa quantità di caffeina presente in un caffè espresso, che varia fra i 40 e gli 80 mg per tazzina. In media, le bibite energetiche possono contenere fra i 50 e i 100 mg di caffeina. Infine, non esistono prove scientifiche che dimostrino controindicazioni nell’assunzione di Red Bull mescolato all’alcool.

Restate scettici, restate diffidenti. Soprattutto in presenza di video scioccanti come questo. Questi sono fatti apposta per porvi sotto stress e farvi smettere di ragionare, dando per buona la loro versione dei fatti. L’alternativa all’informazione è la cazzata.

LEGGI ANCHE:  Multa da 13 milioni di euro per la Red Bull?

Il Ninth
[Commenti, segnalazioni, minacce di morte, tette? Scrivetemi a [email protected]]

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!