Articolo da poche righe, ma ci sono alcune cose che ritengo corretto riportare anche quando non si tratta di bufale. Chi legge BUTAC lo sa bene, non trattiamo solo bufale. Da qualche giorno avete cominciato a segnalarmi un articolo apparso su Notizie Tiscali:

I manager di Stato che ridono sotto il ponte Morandi in macerie

La foto è stata scattata una settimana dopo la tragedia: si tratta del sopralluogo dell’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono assieme a Giuseppe Zampini, ad di Ansaldo Energia. Fincantieri ricostruirà il ponte.

La foto per quanto mi è possibile verificare è vera, non riporta segni di manipolazione digitale, i vestiti delle persone ritratte sono gli stessi che indossavano quel giorno in altre fotografie della stessa occasione.

Non direi ci possano essere dubbi che è una foto legata a quel sopralluogo. La fonte più vecchia a pubblicarla è The Media Telegraph, che non la collega ai sopralluoghi, ma la sfrutta per un articolo dive si parla di subappalti. Poi arriva su Notizie Tiscali il 12 settembre, con un editoriale a firma di Luigi Carletti.

Ma ha senso sfruttarla per un articolo?

Ognuno ha il diritto di avere la propria opinione: se a qualcuno non sta bene che Fincantieri e Ansaldo si occupino della ricostruzione può tranquillamente esprimere il proprio dissenso, magari argomentandolo. Sfruttare una foto estrapolata dal suo contesto invece è fare l’avvelenatore di pozzi. Vale quando il protagonista è Salvini che si concede alle foto dopo il funerale, vale per i manager di Fincantieri. Chissà cos’era successo, magari qualcuno ha fatto una battuta involontaria. Si tratta di un gruppo di persone in compagnia di giornalisti che documentano la loro visita. Lo capite che è assurdo pensare che di fronte a giornalisti e fotografi si siano messi a sghignazzare pensando ai futuri possibili guadagni coi lavori del ponte? Purtroppo chi non coglie questa assurdità e si lascia trasportare dai titoloni come quello di Notizie Tiscali è vittima dell’avvelenamento del pozzo. Senza fare grande fatica si è riusciti a dare un’impressione negativa dei manager FinCantieri e Ansaldo.

LEGGI ANCHE:  La ricostruzione della tv russa del crollo del ponte Morandi

Sicuramente sarebbe stato meglio mantenere volti contriti e facce scure, ma quel momento di risa non può bastare a dare un giudizio su cosa stessero facendo e come lo stessero facendo.

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!