Il calamaro gigante di Fukushima!

1
27

Questa non ha ancora iniziato a circolare, ma conto di vederla su tante testate entro pochi giorni, negli States è già virale, stiamo parlando del calamaro gigante photoshoppato  fotografato sulle coste della California.

Ce lo racconta la testata online The Lightly Braised Turnip con una serietà e professionalità impressionante, alla domanda sul rischio che possiamo correre con questi mostri marini posta a un biologo sul posto è stato risposto così:

Take Jaws but make him the size of a Manhattan skyscraper,” said Bruce Kenner, a marine biologist at UC San Diego.  Kenner thinks that gigantism might distort sea creatures’ navigational systems.  “If that guy took a wrong turn onto the coastline he could level 40 city blocks thrashing before he comes to rest,” he said.

 

Trad. spicciola a cura di Bufale “Prendete Lo Squalo (quello di Spielberg) ma fatelo grande come un grattacielo di Manhattan” ha detto Bruce Kenner biologo all’Univeristà della California San Diego, Kenner pensa che il gigantismo che affligge questi mostri posso disturbare il loro sistema d’orientamento. ” Se uno di questi bestioni prende una svolta sbagliata sulla costa potrebbe livellare 40 quartieri di una città prima di fermarsi”

Vi pare credibile?  No? Bravi, avete visto giusto si tratta di una burla, la testata è satirica, lo spiegano “chiaramente” nel disclaimer:

never be satisfied with merely printing news but also create news where needed

Che tradotto in parole povere significa:
 

Mai essere soddisfatti di pubblicare news, ma inventarle quando necessita

Per chi avesse ancora dubbi sulla veridicità della foto qui l’originale da cui è partita la burla:

Chissà, che siano lontani cugini dei nostri bufalocomicari del Corriere del mattino? Chissà….

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteAncora Fukushima…
Articolo successivoLa bevanda miracolosa
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.