PRECISAZIONI: il miracolato per tre volte

18
113

MASONDUEVOLTE

BUTAC FLASH

Ho visto tantissimi condividere la storia di Mason Wells, il mormone americano che si sarebbe salvato da tre attentati. Così la raccontava ieri il Messaggero online:

E sono tre. A questo punto sembra proprio che non ci siano più dubbi: lassù qualcuno lo ama. Mason Wells, 19enne missionario mormone dello Utah, negli Usa, può considerarsi un miracolato: dopo essere scampato per un pelo agli attentati di Boston 2013 e Parigi 2015, si è salvato anche dall’attacco di ieri all’aeroporto di Zaventem.

la storia non è  una bufala, è vero Mason è vivo, ferito, a Bruxelles, dopo esser rimasto ferito durante l’attacco suicida.

E come ci viene riportato Mason era a Boston quando scoppiò la bomba durante la maratona, si trovava a solo un isolato di distanza dalla bomba, in attesa della madre che stava partecipando alla maratona.

Ma è davvero la terza volta che si salva “per miracolo” ?

No, e ci sono voluti meno di tre minuti per verificarlo, la fonte originale della notizia è ABC News, che ci racconta tramite la parole del padre di Mason.

The family said Wells was in France during the Paris attacks last year that lead to a wide mobilization to find the terrorists and disrupt future attacks.

Mason era in Francia, non a Parigi, come riporta l’amico David era a due ore da Parigi, capisco che per il lettore medio americano l’Europa sia un fazzoletto di terra, e che quindi dire Francia è come dire New Jersey, ma non è proprio così… Essere genericamente in Francia non è scampare miracolosamente ad un attentato, ma trovarsi per caso nella stessa nazione in cui è avvenuto. Perché se la mettiamo così io ero in Italia quando è scoppiata la bomba ai Georgofili, ero a Bologna, e lo stesso quando ci fu la strage della stazione di Bologna non mi sento un miracolato.

MAICOLENGEL-STRAGE

Quindi diciamo che Mason (per culo) è scampato ad un attentato (Boston) è rimasto solo lievemente ferito in un altro (Bruxelles) e Parigi vediamo di dimenticarcela.

LEGGI ANCHE:  Rivoluzione francese ultimo atto

maicolengel at butac.it

Articolo precedenteDaniele Penna, Bruxelles, fuffa e giornalismo
Articolo successivoIlquotidaino
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.