Circola e ha un immenso successo nei gruppi complottari un documento che sarebbe stato scritto da Rudolph Giuliani, sindaco di New York dal 1994 al 2001:

In esso Giuliani confessa di essere al corrente dello scandalo chiamato “Pizzagate”:

Avete letto i miei commenti sullo scandalo chiamato “PizzaGate”.
Vi posso dire sì, è tutto completamente vero.
Lo sanno tutti quelli che sono al potere. La cerchia pedofila di Washington DC è la più vasta del mondo, probabilmente seguita da quella di Londra.

Mentre preciso che io non ho mai partecipato a questi atti infami, conosco gente che lo ha fatto e so che molti sono sfuggiti alle imputazioni. Il tempo è troppo breve per spiegarvi perchè sono rimasto in silenzio per tanto tempo, ma vi dirò che non sarei mai potuto diventare sindaco di NY City, se non fossi stato al gioco come ho fatto.

Perbacco! Giuliani rincara la dose:

Fox News ha appena cancellato dai palinsesti la mia ultima apparizione. Se vedrete “me” in tv, che nego di aver scritto quei post su Twitter, non credete a quanto state vedendo.
Il governo e gli apparati dei Media hanno tecnologie 20 anni più avanti rispetto a quanto è disponibile per il pubblico comune.
Una tecnologia molto, molto più innovativa di quanto il grande pubblico abbia idea possa esistere. Possono creare un umano CGI (virtuale) in tempo reale, in diretta, come un avatar.
Ho visto queste cose con i miei occhi e sono indistinguibili dalla realtà che conosciamo.
Hanno anche cloni ed avatar bio-metrici.

Vi darò una dritta, un piccolo segreto, nell’ultimo Star Wars hanno fatto resuscitare un attore morto con la tecnica CGI.
E’ una procedura standard ad Hollywood da molti anni ormai, e gli ordini arrivano direttamente dalla CIA. Questo (trucco) viene messo in atto per mantenere il pubblico rimbambito e preso a pensare in maniera contorta e confusa, mentre gli fanno credere che la tecnologia CGI (Computer Graphic Imagery) non abbia fatto passi avanti consistenti dalla fine degli anni ’90 ad oggi.
Invece li ha fatti e in modo enorme, ve lo posso giurare.

E infine, poteva mancare il riferimento all’Undici Settembre?

Una sola cosa, in ultimo, una parola sul 9/11.
A quelli che credono alla storia ufficiale, siete stati presi in giro. Siete stati truffati. E se vorrete guardare nella giusta direzione, non guardate verso l’Arabia Saudita o Bin Laden. E’ solo una manovra diversiva attuata per voi.Guardate attentamente la struttura delle Torri e fatevi domande su come possano crollare su loro stesse. Questa è una delle più gravi COVER-UP della Storia.

Per citare Voltaire “Se volete conoscere le regole che vi governano, chiedete a voi stessi chi (o cosa) non avete il permesso di criticare” .
Pensateci con profondità….e troverete molte risposte.

Pregate per me.

Questo messaggio, come altri in precedenza, proveniva dall’account @RudolphGiuliani, sospeso da Twitter in quanto falso e non verificato: Giuliani stesso dice di essere al corrente di almeno quattro account che twittano messaggi deliranti in suo nome.

Il cosiddetto “Pizzagate” è un’elaborata teoria cospiratoria secondo la quale la pizzeria Comet Ping Pong di Washington sarebbe al centro di una rete di pedofili. Tutto è cominciato nello scorso novembre quando su Reddit è apparso un post che raccontava di cose innominabili avvenute nella pizzeria: addirittura qualcuno creò un falso account Instagram a nome di Joe Alefantis, il proprietario, con immagini pedopornografiche e disturbanti che in seguito si rivelarono prese dalla rete o, nel caso di semplici foto di bambini, postate su Instagram da persone che erano tra i contatti del proprietario o dello staff.

A un certo punto si sostenne addirittura che la pizzeria fosse collegata tramite un tunnel sotterraneo con gli uffici di un’organizzazione non governativa, dall’altro lato della strada, che si occupa di aiutare gli orfani di Haiti.

Secondo il New York Times,

Niente di tutto questo è vero. Alefantis ha alcuni amici democratici di primo piano a Washington ed è stato un sostenitore della signora Clinton, ma non ha mai venduto o abusato di bambini, e non è oggetto di indagine da parte delle forze dell’ordine per qualsiasi queste affermazioni. Lui e i suoi 40 dipendenti sono stati catturati nel bel mezzo di una tempesta di notizie false.

Questa vera e propria tempesta mediatica ha raggiunto il parossismo ai primi di dicembre, quando un uomo armato di un fucile d’assalto è entrato in una pizzeria Comet Ping Pong della zona nordest di Washington e ha sparato uno o due colpi senza fortunatamente ferire nessuno; non si sa perché lo abbia fatto ma si suppone si trattasse di una specie di “giustiziere” fai-da-te.

Ma tutto ciò i nostri amici complottisti non lo sanno e non lo vogliono sapere: a loro basta avere un capro espiatorio a cui indirizzare le loro invettive raggiungendo gli effetti involontariamente comici che tutti conosciamo.

Fonti:
Snopes.com

Lady Cocca

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon, può bastare anche il costo di un caffè!