Solo tre righe di commento per qualcosa che ritengo non debba passare sotto silenzio. Qualche giorno fa qui su BUTAC abbiamo parlato della falsa copertina del National Geographic che ritraeva un uomo nero e una donna bianca, nudi, abbracciati. Come vi avevo spiegato si trattava di un falso creato appositamente per prendere in giro chi vede in quella foto un allarme pericoloso, che dimostrerebbe che la razza bianca è a rischio estinzione. Non so come definirli: estremisti di destra, razzisti, xenofobi o solo ignoranti, poco importa, la copertina era un falso.

Un falso che però è stato condiviso anche su bacheche di personaggi noti come appunto quella di Magdi Cristiano Allam. Il testo con cui accompagna la falsa copertina è un articolo del Giornale che comincia così:

Stiamo subendo una sostituzione etnica. Molti italiani non lo sanno, nessuno fa niente. Dobbiamo insorgere per porre fine al suicidio-omicidio demografico…

Parole come sostituzione etnica e insorgere non dovrebbero apparire in questo tipo di articoli, sono toni usati da chi vuole indignare e fare arrabbiare, non termini da usare se porti Cristiano come secondo nome, e te lo sei dato appositamente per inquadrare la tua appartenenza alla religione cristiana, che non è una religione d’odio. Eppure Magdi Cristiano Allam col suo post sta diffondendo odio e rabbia, non proprio gli insegnamenti di Gesù.

Ma più che altro sta diffondendo una bufala. Siamo davvero sicuri che questo sia il modo corretto di fare giornalismo e politica? Io credo proprio di no.

Ma io faccio il blogger, non ne capisco niente di queste cose, sono tutte più grandi di me, sono solo un rompiscatole che ritiene che la corretta informazione sia l’unica via per comunicare, ma quando lo ribadisco testate come quella su cui scrive Magdi Cristiano Allam mi accusano di voler fare lo “sceriffo della rete”. Beh, sapete che vi dico? Meglio fare lo sceriffo della rete che continuare a dare spazio a giornalisti che la verifica dei fatti e delle fonti non sanno nemmeno dove stia di casa.

LEGGI ANCHE:  Condividi per informare?

Non credo serva aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!