Sfrattata a 101 anni

10
6

101sfratto

Lo pseudo giornalismo web è qualcosa di malato, gente che per un click venderebbe sua madre…

Partiamo dalla notizia:

Scandalo: donna sfrattata a 101 anni: non ha pagato le bollette ad Equitalia

Si sente parlare spesso di equità sociale, giustizia sociale e cose simili. E’ probabile che, per molti, il significato di questi termini è sconosciuto. Al giorno d’oggi vige, purtroppo, la legge del più forte e una “battaglia” tra poveri che fa paura ai più. La crisi sta “mangiando” tutto o quasi: le famiglie sono bombardate di tasse, non si riesce ad arrivare a fine mese, i soldi sono sempre meno, le esigenze, al contrario, sempre di più.
La storia che andiamo a raccontare è scandalosa oltre che estremamente squallida e ridicola: per la sesta volta un ufficiale giudiziario di Ravenna tenta di sfrattare una famiglia. Cosa che, purtroppo, avviene spesso, qualcuno penserà, ma ecco la particolarità: la casa è abitata da duedonne anziane di 78 e 101 anni, accudite dal proprietario dell’immobile. Perchè lo sfratto? Mancano alcuni pagamenti ad Equitalia, la quale, per recuperare il denaro, pignora tutto. Le istituzioni aiutino questa famiglia cosi come tante altre famiglie in condizioni simili: è obbligo di una società civile tutelare i più deboli.

L’avete letta con attenzione? Avete subito colto l’incongruenza? Il proprietario dell’immobile accudisce le due anziane, ma equitalia ha dato lo sfratto per poter pignorare i mobili? Capite vero che chi ha scritto il pezzo non ha la più pallida idea di cosa stia parlando. Se il proprietario non sfratta, nessuno interviene, se proprio devono rivedere dei soldi pignorerebbero i mobili.  Ma senza voler cercare il pelo nell’uovo…è buffo che la notizia che riguarda Ravenna sia stata postata quasi esclusivamente su pagine di altre province, ma a Ravenna nessuna testata seria e verificabile ne parli, senza stare a scomodare equitalia mi son guardato la foto, e sul modulo che mostrano si legge (secondo me) Tribunale Civile di Roma, e non Ravenna,

LEGGI ANCHE:  Lutto nel mondo delle bufale

ingrand

come mai questa incongruenza? Ma perché la foto viene da un pezzo, appunto del 2010, che racconta una storia pressoché identica, con particolari differenti:

ROMA – La signora Cesira, romana, arrivata alla tenera età di 101 anni, che compirà a maggio, è costretta a letto da una disabilità e il 16 febbraio suoneranno alla sua porta gli ufficiali giudiziari per farle lasciare l’abitazione perché c’è pendente uno sfratto esecutivo per finita locazione. Da tempo l’anziana ha chiesto l’assegnazione di un alloggio popolare – vive della pensione sociale.

LA RICHIESTA D’AIUTO SUL WEB – Il suo Sos l’ha affidato a Youtube da dove, con un reportage di Marco Petruzzelli, racconta la sua odissea e chiede aiuto. A prendere a cuore la situazione della signora Cesira che si aspettava «almeno un augurio dal Campidoglio» racconta la figlia, anche uno studio legale della Capitale. Gli avvocati Vanessa Pollicelli, Laura Curzi e Pierluigi Rossi hanno già presentato una istanza di proroga dello sfratto al giudice «nella speranza – spiegano – che nel frattempo il comune di Roma trovi una soluzione. Il motivo per il quale la centenaria nonnina non avrebbe diritto ad un alloggio è paradossale, non è ancora senza un tetto». L’abitazione nella quale vive l’anziana era fino al 2007 di un Ente che l’ha venduta e il privato che è subentrato pretende di averla a disposizione. Nonostante la signora avesse già nel 2007 beneficiato della proroga dello sfratto tra pochi giorni potrebbe trovarsi su una strada. Di qui la richiesta di aiuto anche attraverso il web.

LA RISPOSTA DEL CAMPIDOGLIO -Dopo la notizia uscita martedì mattina su tutti i giornali arriva la rassicurazione dal Comune di Roma: grazie al decreto milleproroghe prima e all’approvazione del piano casa capitolino poi, l’anziana, non resterà senza casa. Dal Campidoglio spiegano che se il decreto governativo, che prevede la proroga degli sfratti, consentirà alla signora di restare nella casa in cui vive fino a fine anno, successivamente «la signora, rientrando nelle categorie protette, dopo richiesta formale otterrà una delle 170 case che il Comune sta per acquistare all’interno del piano casa». «Roma fa il suo dovere – ha commentato il sindaco Gianni Alemanno – e difende anche una famiglia che ha dimostrato un profondo amore nei confronti di un’anziana che ha preferito tenere in casa».

La notizia originale è vera, verificata, e si è risolta (sembra) per il meglio. Invece quella che vi propongo qui sopra è falsa, come lo sono state le tante altre sempre con un anziana di 101 anni sfrattata che hanno circolato in questi 4 anni…

LEGGI ANCHE:  Italiani senza casa

Perché spacciare la notizia per attuale?  Onestamente non posso dirvi se lo facciano per click e pubblicità o solo perché amano disinformare, non lo so, mi fanno tristezza in ambo i casi, sono siti e testate che non dovrebbero avere ragione di esistere, ma finché VOI continuerete a capitarci sopra e a clikkare e condividere le loro sciocchezze non ci sarà mai fine al peggio! E pensare che quand’ero piccolo sognavo di fare il giornalista…

Articolo precedenteVetro mio, vita sua, ‘tacci tua…
Articolo successivoArrestato il creatore di “Picchiamo gli Animali”
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.