GENOVA-MRNO
Oramai il grande guru dell’antiscienza, conosciuto in certi ambienti come Mr Nò, ci ha abituato a una produzione di supercazzole e di invenzioni da competizione. Quale migliore occasione di una alluvione per spararne altre?

Ecco qui l’ultimo gioiello.

bhe

ARTIFICIALE E SCIENTIFICAMENTE VOLUTO IL NUBIFRAGIO DI GENOVA. ANCORA UNA VOLTA!

 

Nubifragio a Genova tra il 9 ed il 10 ottobre 2014: ancora vittime innocenti e distruzione. Ancora una volta si tratta di un disastro voluto e di origine artificiale. Infatti in natura non esistono le “celle temporalesche V-Shape autorigeneranti” (termine prontamente inventato dai centri meteo nazionali) e quanto si vede, puntualmente registrato dal radar Doppler della protezione civile (che, anche questa volta, non ha avvertito la popolazione) è l’ennesima prova provata che, per indurre il disastro, si è impiegato con tutta probabilità, il TAURUS MOLECOLAR CLOUDS (TMC-65), così come si verificò in altre innumerevoli drammatiche occasioni in Italia. E’ ormai chiaro l’intento distruttivo operato sulla nostra penisola ad opera di ignoti, con il solo scopo di avvalorare le tesi bislacche di un fantomatico ed inesistente “riscaldamento globale” ed incoraggiare e legalizzare, fiaccando il morale del cittadino inerme, l’uso della geoingegneria.

Nel novembre 2011 avevo già previsto, con tre giorni di anticipo, l’alluvione a Genova e nel Levante Ligure. Anche allora i metodi adottati nell’indurre il nubifragio furono perfettamente assimilabili a quelli del 10 ottobre 2014.

Il contenuto del post è pubblico, accessibile da chiunque su Facebook. Possiamo riconoscere subito uno dei metodi più simpatici di certa de-informazione

è l’ennesima prova provata che, per indurre il disastro, si è impiegato con tutta probabilità, il TAURUS MOLECOLAR CLOUDS (TMC-65), così come si verificò in altre innumerevoli drammatiche occasioni in Italia

Cioè, si da per scontata l’informazione che in “innumerevoli occasioni” si sia usato uno strumento specifico per produrre disastri… senza avere in alcun modo dimostrato questo, né portato prove a suffragio di questa teoria! Quali occasioni? Presumiamo ogni singola alluvione che ci sia stata in Italia, ma… le “prove” quali sarebbero? In realtà non importa: la cosa più importante è la rivelazione del sistema utilizzato per produrre queste nuvole.

TAURUS MOLECOLAR CLOUDS (TMC-65)

Innanzitutto MOLECOLAR non esiste, in inglese si dice MOLECULAR, ma fa niente – anche la sigla è sbagliata. Il nome di questo pericolosissimo cannone è TMS-65, ed è scritto TMC in cirillico: la C è una S, come nessuno dei brillantoni ha capito, Mr. Nò compreso. L’acronimo in italiano significa “macchina termica per trattamenti speciali”(ТЕПЛОВАЯ МАШИНА ДЛЯ СПЕЦИАЛЬНОЙ ОБРАБОТКИ). Però suona molto meglio Taurus, non c’è dubbio. Fa scena.

Alcuni di voi saranno anche sorpresi nel leggere che esiste davvero, ma state tranquilli: non ha nulla a che fare con la manipolazione del clima. Infatti non è altro che

TMS-65M CALORIFIC DECONTAMINATION VEHICLE
The vehicle is designed to decontaminate combat equipment when stationary and on the move by using powerful gas and aerosol jets. It can also be used to decontaminate sectors of terrain and stretches of hard-surface roads and lay protective aerosol screens. Special equipment is mounted on a cross-country truck, type Ural-4320.

TMS-65M VEICOLO DI DECONTAMINAZIONE TERMICA

Questo  veicolo è stato realizzato per la decontaminazione di equipaggiamento militare sia da fermo che in movimento utilizzando dei potenti getti di gas. Può essere utilizzato anche per decontaminare delle aree di terreno, strade e per stendere degli strati protettivi. L’equipaggiamento speciale è montato su un veicolo fuoristrada di tipo Ural 4320.

In parole povere, è il motore jet di un aereo, modificato per spruzzare getti di gas e acqua atti a decontaminare aree o veicoli. Non serve a creare nuvole! Vorrei vedere se si mettessero a creare nuvole a livello del terreno, se nessuno se ne accorgerebbe! NON HA NULLA A CHE VEDERE COL CLIMA!

La questione merita ancora di essere approfondita. Il veicolo è russo, non americano – un grosso contrasto con la regola Russia = Bene.

Qualche foto di repertorio:

tms3 tms2 tms1

The main part of TMS-65 is an air engine of MIG-21 (or MIG-23) that has served its time. When the engine is working the water is driven into the gas flow out of the jet; the high-temperature gas-steam mixture is generated.The gas flow blows away radioactive dust; the high temperature destroys toxic and infectious agents. As well TMS-65 can be used as a powerful smoke generator

Il componente principale del TMS-65 è un motore di un MIG-21 (o MIG-23) non più idoneo. Quando è in funzione l’acqua viene indirizzata verso il flusso di gas in uscita dal jet; si crea così un getto di vapore e gas ad alta temperatura. Il gas soffia via la polvere radioattiva e l’alta temperatura distrugge agenti patogeni o tossici. Volendo il TMS-65 può essere utilizzato come un potente generatore di fumo.

Questo è solo uno dei filmati con il “cannone” in azione, pronto a creare le nuvole di fumo.

Ma quanto è nuovo questo strumento? Sarà nuovissimo, l’ultimo ritrovato delle tecnologia bellica ovviamente!

Ovviamente no.

Era già presente nel 1987

DD-ST-87-08708

e Googlando un po’ si possono trovare queste informazioni.

book

 

La verità è che il TMS-65 è diventato uno dei giocattoli dei complottisti negli ultimi anni: per capirci, era una delle cause fantasiose del disastro aereo dove morì il presidente polacco nel 2010. Ogni tanto bisogna riesumarlo, ché altrimenti finisce nel dimenticatoio.

Marcianò non fa nient’altro che pescare info a caso da Internet e coinvolgere tutti nei suoi viaggi mentali malati – non certo per il solo intrattenimento dei suoi gonzi. Non basta dire che la cella temporalesca sia artificiale per dimostrare che lo sia. Neppure riciclando materiale scopiazzato da Internet.

Tutto ciò è molto triste. C’è gente disposta ad ascoltarlo e non si rende conto di seguire una persona pericolosa, bugiarda e incompetente.

Ah, le alluvioni a Genova sono proprio una novità.

10698515_10152480120226220_3779999177402425907_n
Alluvione a Genova dell’8 Ottobre 1970

Così come anche per l’Italia.

Per quanto riguarda l’aspetto meteorologico, faccio solo presente che nessuno dei fratelli Nò è un meteorologo. Qualsiasi cosa abbiano da dire sull’argomento sono opinioni basate sul nulla più totale. Sono solo bambocci con una grossa platea su cui far colpo, e basta. Già a Novembre aveva tirato fuori questa buffonata del TMS-65, indicandolo come causa delle alluvioni in Sardegna. Si vede che gli piace trastullarsi con qualcosa che neanche lui conosce.

Caro Mr. Nò… Стрейкер, cоси!

Se qualcuno volesse scoprire che cosa sia davvero il Taurus Molecular Cloud basta andare su Wikipedia

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!