Lo so è una noia, leggere e rileggere la stessa solfa, ma spero sempre che più si lanciano in rete pagine A FAVORE della vaccinazione più è possibile contrastare la disinformazione dilagante in materia.

Questa volta oltretutto la disinformazione è messa in atto da una testata online che si chiama “Pianeta mamma” che dovrebbe quantomeno TUTELARE MAMME & NEONATI dando un’informazione super partes se proprio non volessero sbilanciarsi…e invece in 15 righe rende il peggior servizio possibile ai propri lettori. Ancora una volta si parla della correlazione tra autismo e somministrazione del vaccino…e veniamo a scoprire che:

…Dopo una serie di analisi sarebbe stato dimostrato  che la malattia sarebbe correlata alla prima vaccinazione obbligatoria avvenuta al terzo mese di vita…

Che è una solenne cagata, non è vero che dopo una serie di analisi, non vi sono analisi, non vi è correlazione, non c’è MAI stata correlazione. L’idiota che ha messo in giro la voce per primo 15 anni fa si chiama Andrew Wakefield, oggi l’idiota è stato radiato, le testate che hanno pubblicato le sue FALSE accuse hanno dovuto pubblicare ritrattazioni, e un tribunale ha potuto comprovare che dietro le macchinazioni di Wakefield vi fosse un giro economico. Wakefield aveva ricevuto quasi mezzo milione sterline da un gruppo di avvocati che volevano una tesi da usare per accusare i produttori dei vaccini (e -ovviamente- ricavarne denaro), inoltre aveva, secondo un investigazione giornalistica di CHANNEL 4,presentato richiesta di brevetto per un esame (o un vaccino a seconda delle fonti) in concorrenza con esame (o vaccino) correlato a quello in uso al momento (quindi avrebbe avuto ulteriori interessi economici personali, il giornalista autore dell’inchiesta fu denunciato da Wakefield…ma anche in questo caso dopo tanti soldi spesi e certezza di sconfitta il truffatore ha preferito abbandonare il duello). Insomma Wakefield era un truffatore, e per questo è stato punito, ha provato ad intentare varie cause, ma in certi casi le ha perse in altri ha desistito pagando anche tutte le spese legali (cosa strana per un “innocente”). La cosa curiosa (e triste) che ho scoperto nel leggere tonnellate di materiale in merito è che le notizie come quella di Pianeta Mamma sono  oggetto di derisione ulteriore contro il nostro paese da parte di alcuni blogger e siti scientifici anglofoni…qui un esempio, che da un analisi lucida della cosa:
http://www.forbes.com/sites/emilywillingham/2013/08/09/court-rulings-dont-confirm-autism-vaccine-link/

…Italian courts, provincial or otherwise, are not known for basing their rulings in science. They are, after all, part of the system that led to a manslaughter conviction of six scientists for not predicting the 2009 L’Aquila earthquake…

Comunque non sbagliano, i tribunali italiani, specie quelli provinciali e regionali non basano la sentenza su un giudizio medico inconfutabile, ma sul parere del giudice stesso, rendendo di fatto la sentenza non una legge, ma un giudizio (in questo caso un giudizio secondo me da punire, ma chi sono io per giudicare?).

La cosa invece BRUTTA che ho scoperto informandomi sui vaccini è questa: sapete perché in parte i vaccini hanno visto un escalation del loro costo (e così tanti altri farmaci in commercio)? Perchè a partire dagli anni 80 è diventata moda far causa alle case farmaceutiche, convinti che comunque esse siano sempre colpevoli in un modo o nell’altro…(spesso l’unica colpa era dell’utonto malato non capace di leggere il bugiardino o di chiedere consulto medico a riguardo)…questo ha fatto si che alcune case pur di non avere la pubblicità negativa (che si ha sempre anche quando innocenti) abbiano patteggiato a porte chiuse, innalzando ancora il numero delle cause a riguardo…e facendo si che i costi legali per le aziende che producono vaccini lievitassero alle stelle…alzando ulteriormente il costo dei medicinali da loro prodotti.

Per inciso, l’articoletto bufalaro conclude così:

I genitori del bimbo ad oggi non sarebbero stati risarciti dal Ministero della Salute che dopo la sentenza avrebbe annunciato di cambiare l’iter della vaccinazione, ma per chi aveva subito danni non era previsto risarcimento.

La notizia che vi sia una famiglia a cui sono stati negati i risarcimenti non la metto in dubbio, è giusto sia così, risarcire per qualcosa di non causato da una pratica errata è sbagliato, quindi il Mistero fa bene a non pagare, ma di tutto ciò che il breve pezzo dice dopo non esiste traccia né sul sito del Ministero né nei comunicati stampa in giro per la rete, se non in certe pagine anti-vacciniste…

Qui trovate una bellissima raccolta cronologica dei fatti , con testate di giornali, racconti ed inediti:
http://briandeer.com/mmr/lancet-summary.htm

Noi invece avevamo già parlato di vaccini svariate volte, qui ne trovate l’elenco completo:

Lo so, non esiste il modo di fare un post definitivo sui vaccini, ma con tutti i link e le fonti sempre più in circolo c’è speranza di dare visibilità alla realtà dei fatti.