Da prima di Natale, merito un articolo del Daily Mail che pochi hanno fatto lo sforzo di leggere, circola la voce che Michael Schumacher stia meglio. La notizia è già stata trattata da tanti, ma purtroppo le testate e i blog che cercano visibilità continuano a sfruttarla. Il 26 dicembre ad esempio la storia è stata ricondivisa da Miele & Amicizia, pagina Facebook da oltre 200mila like. Pagina che condivide quasi esclusivamente articoli da una sola fonte: LettoQuotidiano, sito che ha appunto pubblicato un articolo dal titolo:

Miracolo di Natale in casa Schumacher: ” Si è rialzato dopo 5 anni e hanno staccato il respiratore”

O perlomeno questo è il titolo con cui la fanno girare sui social, classico clickbait, infatti una volta entrati sul sito, dopo una ripetizione del titolo social, di colpo si passa dal presente affermativo al futuro e al condizionale:

Questo Natale 2018 sarà indimenticabile per la famiglia Schumacher: dopo 5 anni Michael si sarebbe alzato dal letto e non avrebbe più bisogno di un respiratore per vivere.

La cosa che mi fa più indignare è l’uso delle fonti: una il Daily Mail, linkato, in un articolo dove non viene affatto detto che Schumacher stia meglio, ma solo che Jean Todt avrebbe visto il Gp del Brasile da casa sua. Guarda caso nell’articolo del Mail le condizioni dell’ex campione di Formula Uno non vengono mai menzionate, proprio perché la richiesta della famiglia è della massima privacy. Nessuno ha rilasciato indiscrezioni attendibili.

Il Giornale

Non c’è traccia di quanto riportato nel titolone, né sul Daily Mail né sull’altra fonte usata: Il Giornale (.it, che ricordo essere versione differente dalla testata cartacea).

Scrive LettoQuotidiano:

Stando ad una notizia riportata da ilgiornale.it, qualche mese fa un medico neurologo aveva confermato che, considerando la tipologia di incidente di cui Michael è stato vittima, ci sono buone possibilità che il campione potesse tornare a “condurre una vita normale”.

O meglio, è vero che ilGiornale.it a febbraio 2018 aveva riportato il messaggio di un medico che diceva di non perdere le speranze, che poteva ancora esserci possibilità di ripresa per Schumacher. Ma bastava leggere con attenzione articolo e sua fonte per rendersi conto che se le cose fossero come raccontate ci vorrebbe conferma che Schumacher fosse in un coma definito Sindrome Apallica, come i casi portati ad esempio. Ma il medico citato dal Giornale (e ripreso da tante testate sensazionalistiche nello stesso periodo) non ha visitato il paziente, non ha la più pallida idea di come stia, visto anche il riserbo della famiglia sulla questione.

LEGGI ANCHE:  Agitalia e la bufala dei titoli di Stato nella scrivania

Sciacalli

Sfruttare la condizione di Schumacher, pilota molto amato, per raggranellare like e visualizzazioni a mio avviso è allo stesso livello di sciacallaggio di chi sfrutta le tragedie per le stesse identiche motivazioni.

maicolengel at butac punto it

Se ti piace BUTAC, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di una cattiva bottiglia di spumante…