lorenzo croce

No: con ogni probabilità si tratta di una bufala a opera del nostro pinocchietto preferito Lorenzo Croce, presidente del nulla… pardon, di AIDAA. Il buon Lollo, affetto da sindrome della primadonna, spaccia una grottesca fantasia erotica per scoop colossale. La notizia rimbalza tra le pigre redazioni estive, che pur di riempire un buco pubblicherebbero qualunque notizia senza accertarsi della validità della fonte. Ormai abbiamo una ricca lista di figuracce del nostro menzognero preferito – fatevi un giro.

Titola così BresciaOggi.it in più occasioni:

Husky seviziato, c’è l’ombra di un «maniaco seriale»
Sesso estremo, cane rapito e «violentato»

Tutto scritto in puro stile Croce, primadonna capricciosa in cerca d’attenzioni che arriva addirittura ad autocitarsi sul suo stesso blog – una specie di pacca sulla spalla, come dire, “Sono davvero figo”. Non dico mica, leggete pure quanto pathos trasuda questo magnifico passaggio. Sgrammaticato, illetterato e con un’attenzione morbosa per la zooerastia, tutto sfocia nel sentito dire senza alcuna prova tangibile. Non aiuta sapere dell’appoggio di un “partito” di scarsa rilevanza che tenta di risalire la china, ovvero il Partito Protezione Animali (originalità portami via… Rizzi, questi non li hai ancora denunciati per plagio?).

Non è la prima volta che Croce tira in ballo questi disgustosi accenni di fantasie zooerastiche e lo schema è rimasto pressoché immutato. E chissà perché, c’è sempre il buon Lollo ad avere la notizia in esclusiva. Qui un esempio della perversa fantasia del Babbo Natale de noantri. Ma c’è di più!

LA TRISTE vicenda dell’husky non può che far tornare alla mente un altro episodio, avvenuto nel novembre dello scorso anno e – per una strana coincidenza – sempre nello stesso quartiere di San Polo. Un gioco erotico estremo con un cane mastino, una donna e un trans.

L’ennesima cazzata senza prove e senza fatti sparata da Lorenzo Croce, senza seguito mediatico, ma condivisa – per una strana coincidenza – anche dai re dell’odio razziale: VoxNews. 

lorenzo croce

Perché loro le fonti le controllano, eh. Non l’hanno mica pubblicata perché c’era la parolina magica “trans” e la parola “funzionario pubblico”. Non volevano certo chiosare con l’attacco ai politici.

E’ indiscutibilmente una vergogna che nel 2014 debbano esistere ancora questi transofobi zoofobi, che si permettono di decidere cosa è normale fare, e cosa non lo è.
Speriamo in un intervento di Vendola o Boldrini, per ricordare a tutti che l’”ammore” vince su ogni forma d’odio.

Com’è che si diceva? Chi va con lo zoppo…? Tra fascisti dell’informazione, ci si intende.

E non è tutto: adesso abbiamo anche la storia di chihuahua rapiti – BlitzQuotidiano riporta Il Messaggero, che a sua volta riporta il nostro omino piccolo piccolo, Lollo, senza fornire prove sufficienti, ma solo supposizioni. Approfittando della pigrizia di certi giornali che hanno bisogno di restare a galla, perché si sa, la bufala vende di più, Lollino parla di “segnalazioni”, ma non le mostra né dimostra in alcun modo: tutto vive sul “sentito dire” e sul forzarci a credere alla sua parola. Perché tutti chiedono all’oste se il vino è buono, vero?

CROCEAIDAA-VOLANTINO

Signori editori di BresciaOggi e di BlitzQuotidiano, avete davvero fatto i debiti controlli o avete chiesto all’oste se il vino è buono? Ciò che può essere dimostrato senza prove, può essere tranquillamente confutato senza prove.

Aspetto con ansia i commenti di Lorenzo Croce, oppure l’ennesima minaccia di denuncia da parte di questo inetto gossipparo. Dobbiamo ancora ricordarci di quella volta che spacciò una finta intervista a Craxi, e per questo fu radiato dall’albo? Finora non ci sono prove di ciò che dice e non ha mai dimostrato nessuna delle sue affermazioni.

Chissà per cosa ci denuncerà questa volta.

Il Ninth
(theninth chiocciola butac punto it)

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!