COCKENTRICE

ATTENZIONE!

L’articolo contiene immagini che potrebbero urtare la sensibilità di chi ha scelto di seguire l’etica animalista.
Come è sempre accaduto, BUTAC si limita solo a riportare i fatti così come stanno.
La prosecuzione della lettura è a discrezione del lettore.

***

Una nostra lettrice ci segnala questo pezzo proveniente dalll’Huffington Post inglese, dove si parla di un… robo… coso… incubo uscito da una notte di sesso fra Freddy Krueger, Rob Zombie e Carlo Cracco.

Cockentrice: The Most Deliciously Terrifying Thanksgiving Meal EVER

o-OMGWTFPIG-570
Il cockentrice, benzina per i vostri incubi

In buona sostanza, si accenna a una pietanza nota come cockentrice che consiste in due metà animali cucite insieme stile Human Centipede.

Per quanto possa apparire strano, assurdo o fuori di testa… la pietanza esiste. Il cockentrice (scritto anche cockentryce) è una ricetta che viene preparata unendo insieme due metà: quella del maialino da latte e quella di un cappone, opportunamente eviscerati.

Se proprio pensate di voler stupire i vostri amici, la ricetta la potete trovare qui. Esiste anche una descrizione passo-passo della ricetta.

Cockentrice – take a capon, scald it, drain it clean, then cut it in half at the waist; take a pig, scald it, drain it as the capon, and also cut it in half at the at the waist; take needle and thread and sew the front part of the capon to the back part of the pig; and the front part of the pig to the back part of the capon, and then stuff it as you would stuff a pig; put it on a spit, and roast it: and when it is done, gild it on the outside with egg yolks, ginger, saffron, and parsley juice; and then serve it forth for a royal meat.

Per la farcitura? Uova strapazzate, pan grattato, zafferano, sale, pepe e sugna.

Stuffed Pig – take slightly beaten raw eggs, grated bread, saffron, salt, pepper, sheep suet, and mix all together in a bowl, then place the pig on a spit, stuff it with the mixture, sew the hole together, and let it roast; and then serve it.

Le prime ricette scritte di questa pietanza portano le date del XV secolo. Si tratta di una portata piuttosto comune per le grandi cene reali ed era considerato un piatto fantasioso e delizioso. Da quel che si sa, Enrico VII ne andava piuttosto ghiotto.

Restate scettici, restate diffidenti.

Il Ninth
[Critiche, segnalazioni, minacce di morte, tette e birra? Scrivete a [email protected]]

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!