TIMTRUFFA

“Volete un rimborso TIM? Dateci i soldi”. Questa segnalazione ci arriva dal nostro fan Giampiero e mi fa tornare nel magico mondo dei raggiri a sfondo telefonico. Di recente, qualcuno sta inviando alle caselle e-mail una lettera, dove si presenta la possibilità di un rimborso da parte di TIM.

RIMBORSO TIM

A prima vista potreste avere un falso senso di sicurezza: due loghi distinti e riconoscibili e un rimando al sito tim.it danno l’impressione di una mail professionale. In un italiano più incerto della cultura delle Sentinelle in Piedi, l’utente viene informato di un presunto sostanzioso rimborso, dall’importo preciso, disponibile solo online e accessibile tramite un link fornito dalla stessa mail. Posta così la cosa, non è difficile parlare di truffa.

Lo ha fatto Paolo Attivissimo già in precedenza, ma mi sembra il caso di ripeterlo: siamo di fronte all’ennesimo tentativo di furto di codici. Cliccando su “Accedi al servizio” o su qualunque link fornito per iniziare il presunto rimborso, si viene in realtà spediti a un dominio Internet (al momento non accessibile) non ricollegabile a Tim.

Nel sito farlocco si chiedono nome e cognome, codice fiscale, circuito e numero della carta di credito, e così via. Nel momento in cui immettete quei dati, il criminale può avere l’accesso completo alle vostre credenziali e al vostro conto corrente.

Restate scettici, restate diffidenti. Nel caso in cui abbiate già avviato una pratica di rimborso o vogliate richiedere un rimborso alla TIM, seguite queste operazioni e attenetevi alle istruzioni del servizio clienti. Aprite le mail se e solo se avete certezza o un valido motivo per farlo.

Se vi sono stati attivati “servizi premium” o altri numeri a tariffa maggiorata, non esitate a seguire questo articolo.

Il Ninth
[Commenti, segnalazioni, minacce di morte, appuntamenti al buio? Scrivetemi a [email protected]]
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche un caffè al giorno!