Il lockdown del 2 novembre

Probabile che il nostro Paese stia andando verso un lockdown, quando non si sa, con che regole neppure. Ma il messaggio che sta circolando su Telegram e Whatsapp è una bufala messa in giro da gruppi legati all’estremismo di destra e a Q. Perché l’ordine è abbastanza chiaro: far sì che la gente sia nella confusione più totale e non capisca cosa è vero e cosa no.



Il messaggio che sta circolando è questo:



CONTE HA L’ORDINE DI LOCKDOWN PER IL 2 NOVEMBRE MA NON E’ FINITA QUI MENTRE IL TRADITORE CONTE CHIEDE AI CITTADINI DI RISPETTARE LE MISURE SANITARIE ALTRIMENTI SI RISCHIA IL #LOCKDOWN, NEL CASSETTO HA GIÀ IL PROGRAMMA PER BEN 3 LOCKDOWN CON DATE BEN DEFINITE QUESTO PROGRAMMA ESISTE GIA’ DAL 2019 E CONTE LO ESEGUE FEDELMENTE FREGANDOSENE DI TUTTI NOI, LUI DEVE ESEGUIRE E BASTA, NOI SIAMO MERDA PER LUI! I CARABINIERI SONO AL CORRENTE DI TALE PROGRAMMA E SONO STATI ADDESTRATI DA MAGGIO A LUGLIO 2020 COMPRESO PER ESEGUIRLO[/caption]


Ovviamente si tratta di una bufala, creata ad hoc, visto che appunto è probabile che anche l’Italia attuerà qualche genere di lockdown nei mesi a venire. Anche tirando a caso le date, chi condivide questa robaccia sa che chi la riceve non si formalizza troppo. Se ci sarà un lockdown diranno:



Ecco, hai visto che Patrioti Italiani aveva ragione?

Non si rendono conto di essere marionette nelle mani di abili manipolatori, che stanno facendo di tutto per alimentare il disagio causato dalla malattia. Non mi capacito di come in Italia non abbiamo ancora la polizia postale multare i tanti che diffondono disinformazione durante la pandemia. Ci sono gli estremi per sanzionare tanti soggetti, basta volerlo.

E invece leggiamo notizie così dalla Spagna, dalla Germania, dall’Australia, ma in Italia tra virologi laureati all’università della strada a capipopolo col tesserino da carabiniere in pensione, passando per avvocati mezze calzette e nanoesperti di sta fava siamo pieni di imbecilli che fomentano, e nessuno che si dia una mossa a punirli. È un peccato.

Non credo di dover aggiungere altro.

Solo un consiglio:

Se avete amici che rientrano tra quelli che si fanno fomentare da questi messaggi state loro vicino, fate ritrovare loro la calma. Le teste calde in momenti come questi possono fare immani cavolate, a pagarne le conseguenze poi però sono loro, non chi li ha fomentati. Occhio.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Condividi: