La falsa mail della Apple

APPLEPHISHING

La nostra lettrice Liana ci segnala l’ennesimo tentativo di phishing, questa volta indirizzato agli utenti Apple. Potrebbe capitarvi un messaggio o una mail sullo smartphone che recitano pressapoco così:
12570933_10208281533625312_799754884_n
 

Gentile cliente Apple, il tuo account risulta essere bloccato. Sbloccalo qui…

Di solito è seguito da un link apparentemente legato al sito della Apple. Dopotutto, il mittente dà la falsa impressione che si tratti di una mail ufficiale. Prestate però attenzione all’indirizzo riportato: notata la parola “redirect” nel mezzo? Bene, significa che cliccandovi sopra, quel link potrebbe portarvi su un altro sito completamente slegato dalla società californiana. Come spiega l’azienda,

Dall’iTunes Store non ti verrà mai richiesto di fornire tramite email dati personali o dati riservati relativi all’account (come password o numeri di carte di credito).
Sebbene alcuni messaggi email contenenti allegati o link a siti web non Apple sembrino provenire dall’iTunes Store, in realtà non sono inviati da Apple. Inoltre, spesso questi allegati sono pericolosi e non devono essere aperti. Non immettere mai i dati del tuo account Apple su siti web non Apple. I siti web Apple che richiedono l’immissione dei dati dell’account contengono apple.com, ad esempiohttp://store.apple.com/it o iforgot.apple.com, con la sola eccezione di iCloud.com.
In questo articolo vengono illustrati i passaggi da seguire se ritieni di aver ricevuto un messaggio email pericoloso o se i dati del tuo account sono stati compromessi a seguito del tentativo di ottenere i tuoi dati personali da parte di un malintenzionato (fenomeno noto come “phishing”).
Dall’iTunes Store non ti verrà mai richiesto di fornire tramite email nessuna delle informazioni seguenti:

  • Codice fiscale
  • Nome da nubile di tua madre
  • Numero completo della carta di credito
  • Codice CCV della carta di credito

Restate scettici, restate diffidenti. Se siete rimasti vittime di questo raggiro, non preoccupatevi: denunciate tutto alla polizia postale e assicuratevi di chiamare quanto prima i servizi che avete rivelato (per esempio, la banca del vostro conto corrente).
Il Ninth
[Commenti, segnalazioni, minacce di morte, tette? Scrivetemi a theninth@butac.it]
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!