La TV che controlla la mente

tvipnosi

Sono anni che ce la menano: la TV ti rende uno zombie, la TV ti rimbecillisce; non c’è maestra più cattiva della televisione, i peggiori modelli sono quelli che vanno in onda sul piccolo schermo… e poi, ogni tanto, circolano strane storie.
I televisori di ultima generazione adopererebbero una potente tecnologia capace di manipolare le menti. Il malcapitato cade in uno stato ipnotico e, tramite l’uso di messaggi subliminali, il suo cervello viene piegato al bieco volere del governo cattivo cattivo.
stronzate4
Una premessa del genere farebbe gelare il sangue nelle vene del più sprovveduto. Iniziando a leggere, però, si accende subito una spia d’allarme.

Il tema è un altro tabù, strettamente interconnesso all’aerosolterapia bellica realizzata in gran parte del mondo dal governo degli Stati Uniti d’America, a base di scie chimiche imbottite di sostanze tossiche, come ad esempio il bario che rende l’aria più elettroconduttiva.

LESCIEKIMIKE!1!

Il testo è in realtà riciclato da una vecchia conoscenza. Come dirlo? Be’ chi ha ripubblicato l’articolo ha avuto la premura di lasciare il suo nome in calce. L’articolo, fra l’altro, deve aver avuto un discreto successo: Google restituisce molti risultati se si cercano alcuni frammenti o paragrafi. Spiace dover fare un attacco ad hominem, ma la fonte poco autorevole è più che sufficiente per far scattare il dubbio.
Il nome completo di questo gingillo sarebbe “Sistema di Gamma Acustica Silenziosa” (SSSS) e rappresenterebbe il più beffardo fra i piani per sottomettere la popolazione mondiale. Prima delle lunghe ed estenuanti elucubrazioni di cui è composto questo articolo, ci viene mostrata quella che dovrebbe essere la “prova schiacciante”.
04568_apparatus_and_method_of_broadcas_1
È ovvio che potevano scrivere tutto con caratteri ancora più piccoli, ma ho ancora diottrie da buttare alle ortiche, perciò mi sono messo di buzzo buono e ho capito di cosa si trattasse.
L’immagine ritrae un brevetto (patent in inglese) per la trasmissione sonora adoperando gli ultrasuoni. Come riporta l’abstract del progetto,

[a]n ultrasonic sound source broadcasts an ultrasonic signal which is amplitude and/or frequency modulated with an information input signal originating from an information input source. The modulated signal, which may be amplified, is then broadcast via a projector unit, whereupon an individual or group of individuals located in the broadcast region detect the audible sound.

Non preoccupatevi se non sapete l’inglese, vi spiego io. Certo, parlo come mangio perché non sono espertissimo, ma abbiate fiducia. Un suono qualsiasi – facciamo questo – viene emesso assieme agli ultrasuoni; si ottiene così una forma modulata compresa entro un campo limitato. Chi si trova entro questo “raggio d’azione” udrà la musica e si sentirà vecchio, mentre gli altri vedranno uno scemo piangere e si chiederanno perché.
Vi sembra fantascientifico? Lo è. Il brevetto è soltanto un modo per impedire che qualcuno possa produrre, vendere o utilizzare l’invenzione senza autorizzazione di chi ha avuto l’idea. Il brevetto, inoltre, non attesta la bontà dell’invenzione, l’utilità né, tantomeno, la sua realizzabilità.
Il seguito dell’articolo butta in mezzo i soliti elementi complottisti dell’ultima ora.

La tecnologia bellica SSSS dello zio Sam è collegata al nuovo sistema digitale tv. Vale a dire: può entrare nella mente della popolazione inconsapevole. Può essere amplificata con tanti dispositivi inclusi H.A.A.R.P. e le torri di GWEN (Ground Wave Emergency). Tradotto: significa centrare l’intera popolazione del pianeta Terra.

In realtà le GWEN erano torri costruite per poter rispondere a un eventuale attacco nucleare. Citando fonti wikipediane,

GWEN was constructed to survive the effects of a high-altitude nuclear explosion generated electromagnetic pulse (HEMP) to ensure that the United States President or his survivors could issue a launch order to strategic nuclear bombers.

Qui traduco per i non-anglofoni: le torri GWEN si sarebbero attivate nel caso in cui qualcuno avesse avuto la malaugurata idea di lanciare una testata nucleare la cui esplosione sarebbe avvenuta ad alta quota. Queste torri avrebbero impedito il blackout dovuto agli impulsi elettromagnetici, rilasciati durante l’esplosione, e permesso al Presidente degli Stati Uniti di ordinare il lancio di controffensiva. Va detto che queste installazioni sono state dimesse in seguito ai nuovi ordini geopolitici post-Guerra Fredda, e il fondo per il loro mantenimento e la loro operatività è stato chiuso durante l’anno fiscale 1999.
L’H.A.A.R.P. è un classico elemento delle teorie del complotto, ma in realtà si tratta un’installazione militare e civile, il cui scopo è lo studio delle fasce alte dell’atmosfera. Di nuovo, non sono un grande esperto, eppure dubito che un’installazione del genere perda tempo a fare quanto descritto:

Il raggio di questa tecnologia attraverso i riscaldatori ionosferici (stazioni fisse e mobili) che sparano onde Elf nella ionosfera, poi rifratte sulla Terra, investono tutte le popolazioni senza distinzioni di confini statali. Il fenomeno sta accadendo sotto i nostri occhi distratti e penetrando nelle nostre menti, tranne che in quelle dei negazionisti, appunto dementi irreversibili.

Le onde ELF (extremely low frequency) vanno dai 3 ai 30 Hz e vengono utilizzate principalmente per le comunicazioni sottomarine. Poiché l’acqua degli oceani “scherma” da qualsiasi onda elettromagnetica, essendo appunto salata e perciò altamente conduttiva, le onde ELF tornano utili perché riescono a penetrare facilmente l’acqua marina. Se a questo aggiungiamo che, parafrasando una nota pubblicità, “ci vogliono antenne grandi per coprire distanze grandi”, mi dite quanto dev’essere grande un’antenna per onde ELF capace di coprire una distanza verticale TRA I 60 E I 450 CHILOMETRI?
Purtroppo l’articolo non ci offre grandi dettagli a riguardo.
In compenso si limita a lanciare lo strafalcione del secolo.

[L]’aspetto più pericoloso di SSSS è di non essere identificabile da chi è preso come bersaglio, perché esso trasmette il suo programma direttamente nel cervello umano tramite il senso dell’udito, delle frequenze non percepibili come suono. Ognuno di noi sul pianeta è sensibile al controllo della mente da SSSS. Le onde UHF possono essere trasmesse su lunghe distanze da fonti lontane e possono attraversare muri e oggetti come se non ci fossero, Le frequenze usate per la trasmissione TV si dividono in due gamme: VHF (Very High Frequency: frequenze molto alte) e UHF (Ultra High Frequency: frequenze ultra alte). SSSS è stato progettato per usare le UHF come onde portanti.

285
Vogliono trasmettere messaggi subliminali adoperando come mezzo le onde radio.
Le. Onde. Radio.

1399572593_picardfacepalm
LE ONDE RADIO E LE ONDE SONORE SONO DUE COSE COMPLETAMENTE DIVERSE!!!
Le onde sonore sono onde meccaniche che attraverso un mezzo elastico. Più questo mezzo è rigido, più le onde sonore si propagano velocemente. La propagazione cambia in base al rapporto fra densità, pressione, movimento del mezzo (per esempio, se si parla di vento) e viscosità. Insomma, rispondono alle leggi della meccanica. Noi recepiamo tali onde attraverso l’orecchio; la vibrazione delle cellule ciliali vengono tradotte in impulsi dal nervo acustico, il quale trasmette l’informazione al cervello. Ripeto: sono SUONI, perciò VIBRAZIONI di un corpo in oscillazione. Perché esse vengano percepite, è necessaria una perturbazione (o vibrazione, se vi piace il termine).
Le onde radio non generano tali vibrazioni, perché sono radiazioni elettromagnetiche ondulatorie dovute all’interazione tra campo magnetico e campo elettricocampi non certo tangibili! (Avete mai provato ad afferrare la luce? C’è chi sostiene di poterlo fare.) Nelle radiocomunicazioni vengono usate frequenze fra i 3 Hz e i 30 GHz (gigahertz! (Grazie Paolo, correzione effettuata NdNinth)) e proprio perché non generate da un corpo in oscillazione, le onde radio non hanno bisogno di un mezzo attraverso il quale propagarsi. Si propagano meglio nel vuoto e non viaggiano alla velocità del suono (331,45 m/s), ma a quella della luce (299.792,458 km/s — chilometri al secondo!). Per questo motivo comunicare nello spazio è più che possibile con la radio.
Per darvi un’idea di come funzionano le cose, immaginate un fulmine. Noi ne vediamo sempre prima il lampo (luce) che il tuono (suono): primo, la luce viaggia a una velocità superiore; secondo perché il tuono si muove attraverso l’aria; terzo, il tuono ha origine da un’onda d’urto provocata dall’espansione dell’aria, dovuta dall’aumento della pressione e della temperatura originata dal fulmine. Il lampo è solo luce e non porta di certo suoni! È l’aria a fare rumore!
UHF e VHF sono acronimi di frequenze adoperate sia dalla tv libera che da quella via cavo… ma si parla sempre di onde radio, in questo caso segnali di radiofrequenza! Le onde VHF vanno dai 30 ai 300 MHz, mentre le UHF arrivano fino ai 3 GHz. Non è vero che queste onde riescono a penetrare “muri e oggetti come se non ci fossero”. Si propagano fino alla linea di vista a partire dal trasmettitore e, guarda un po’, non riescono a passare attraverso gli edifici! Vengono perfino bloccate da una semplice collina. Perché possano essere propagate correttamente, sono necessari i ripetitori; perché le onde radio vengano captate, è necessario che vi sia un’antenna che recepisca le onde, al quale è collegato un dispositivo capace di decodificarle! Pensate alle radioline con l’antennina: quella serviva proprio per ricevere al meglio la radio FM e limitare al massimo i disturbi.
Questa è fuffa, cari lettori, solo fuffa e niente più! E cosa c’entra il brevetto di cui sopra? ASSOLUTAMENTE NIENTE! Ricordate? Quel disegno fa riferimento agli ultrasuoni, non alle onde elettromagnetiche! Non c’entra una mazza con tutta questa storia tra HAARP, GWEN, TDT e chi più ne ha, più ne metta. Si è presa un’immagine a casaccio e spacciata per il progetto SSSS!
Da questa frase in poi ho smesso di credere all’articolo in toto. Sì, c’è un lungo elenco di “brevetti” copincollati da un altro sito complottaro, ma non dimostra l’esistenza di dispositivi per il controllo della mente! Sono brevetti, stiamo parlando di proposte potenzialmente irrealizzabili perché partono da presupposti fisicamente impossibili! Fra l’altro viene riportato l’abstract del brevetto numero 6052336, registrato il 18 aprile 2000… che altri non è se non il brevetto di cui vi ho mostrato prima la foto!
Tapioca, tapioca da copincolla!
Il Ninth
Avevano già sbufalato la cosa anche su indipezzenti a Gennaio, ma ce ne siamo accorti con ritardo!