VIETATE le Sigarette? Ma vaff…

TABACCHI-CDM

Questo articolo non avrebbe dovuto esistere. Dico sul serio: la stesura di pezzi del genere non dovrebbe neppure passare per l’anticamera del cervello, data la natura della vaccata. Poi leggi il numero di condivisioni riportato dal plugin di Facebook. E ti incazzi non tanto per chi condivide, quanto per chi mette in circolo questa robaccia.

Notiziamo.it riporta questa notizia “shock” a caratteri cubitali.

VIETATE le Sigarette: a breve anche in Italia – Corte Costituzionale

che prosegue con toni a metà tra l’allarmistico e il trionfale, con la punteggiatura a ramengo.

E’ stato approvato con la maggioranza assoluta il D.Lgs. 94/2014 che prevede una serie di drastiche soluzioni per combattere le malattie derivate dall’abuso di sostanze cancerogene, su sentenza della Corte Costituzionale che in ottemperanza all’art. 32 della Costituzione Italiana La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, lo Stato non può vendere e commercializzare prodotti nocivi alla popolazione.

Ve lo dico subito: si tratta di una bufalacomica del Corriere del Mattino, datata 8 aprile 2014. Ovviamente ci sarà chi non mi crederà neppure su questo, perciò andrò con ordine. L’unico riferimento a un “94/2014” è una sentenza della Corte Costituzionale “sulla giurisdizione in materia di sanzioni della Banca d’Italia”. Qui trovate la sentenza completa, mentre una rapida spiegazione è disponibile qui. Questo dovrebbe bastare per farvi comprendere la matrice bufalosa della storia, ma siccome sono pignolo, ho intenzione di mostrarvi qualche altro dettaglio.

Filippo Morrisei, Presidente dell’Asap (Associazione Salute e Aria Pura) dichiara soddisfatto: “Un’avveniristica quanto sana Legge che migliorerà la qualità della vita del singolo individuo e dell’ambiente circostante.”

L’associazione Asap non esiste, come anche il signor Filippo Morrisei. Non esiste neppure questo fantomatico dott. Riccardo Benzoni, definito nel testo come “Portavoce Ufficio Stampa Governo Renzi”. Io non sono un fumatore, ma so abbastanza bene l’inglese: inglesizziamo Filippo Morrisei e otteniamo Philip Morris; Benzoni diventa automaticamente Benson, noto cognome affiancato a Hedges. Esatto, sono due note marche di sigarette; se questo non vi suona abbastanza strano, non so cos’altro possa aiutarvi.

Insomma, una cosetta semplice frutto di ricerche mirate con Google, ma non è questo il punto. Notiziamo.it – che già di suo è uno squallido aggregatore di “notizie curiose” dal mondo, alcune date in modo oltraggiosamente scorretto – ha anche il coraggio di fare “i conti in tasca” sul niente.

Ecco per voi utenti di Notiziamo.it un calcolo ipotetico sui guadagni netti dello stato:

  • Su un valore ipotetico di 100, preso a caso per comprendere meglio le percentuali, ciò che si evince si calcola in questo modo:
  • 58,5 verranno versate nelle casse dell’Erario a titolo di accisa
  • 17 andranno, ugualmente, allo Stato per il pagamento dell’IVA
  • 10 ricompenseranno il rivenditore
  • 14,5 costituiranno l’ incasso per il produttore

Quindi, in poche parole quando compriamo un pacchetto di sigarette, il 75% del costo va nelle tasche dello stato.

Perché la notizia è verissima e meritava certamente un approfondimento del genere! Geniale, non c’è che dire. Ciò di cui avevamo bisogno. e che loro sono “un sito serio e affidabile”. Un sito così serio che sbatte la notizia di una donna che cammina col bodypaint addosso nella sezione “Cronaca”. E mette la bufalacomica in evidenza. Così, giusto per attirare l’attenzione.
sezionecronaca
Il resto? Articoli di grande denuncia sociale. “Multati in 30 mila per aver guardato dei video hard online”, “Albero addobato con sexy-toys a Milano”; ogni tanto qualche notizia di “vera” cronaca spunta tra i video dal mondo, curiosi quanto basta per generare visite. Cliccando su alcune notizie del sito, si viene reindirizzati su un certo NewsTime24 e poi su Shocknews.it. Siti spazzatura senza alcuna identità che invitano a mettere “mi piace” per continuare a leggere o per far crescere le visite del sito. Spam di spam di spam per arricchirsi.
Però l’analisi ci stava tutta, eh. Sissignore. Onestissimo.

Ma defecatevi in mano e schiaffeggiatevi, per favore.

Il Ninth