Keshe foundation e terremotati

23
165

 

Io speravo davvero di essermi levato di torno questi fuffaroli della Keshe Foundation, e invece ieri come un fulmine a ciel sereno mi ritrovo taggato su Twitter un post che mi porta ad una pagina Facebook dove compare questo messaggio:

Oggi insieme al kit “pranzo del terremotato” ci viene consegnato questo foglio…
Da ignorante della cosa, cerco di documentarmi un minimo in rete, trovo veramente poche informazioni, confuse, complesse e assolutamente non chiare…
Premettendo che ognuno gratuitamente è libero di proporre ed offrire la sua “invenzione miracolosa” (purchè non sia nociva a nessuno)…
Mi domando, ma lo stato, la protezione civile, gli enti di tutela…permettono che la “KESHE FOUNDATION” proponga e usi “come cavie” (onorandoli del nostro aiuto) le persone colpite dal terremoto.
Senza avere la minima idea di cosa andranno ha testare, provare, ricevere…
La prima credenziale del “luminare” di questa fondazione è quella di essere stato ESILIATO dal Belgio e per questo arrivato in Italia…
MA NOI COSA CI ENTRIAMO?
CHI PERMETTE QUESTO?
E’ TUTTO NORMALE O LEGALE?

Il volantino che viene distribuito dice:

AVVISO

KESHE FOUNDATION

È onorata  di informare i gentili ospiti che

nei giorni 14 e 15 gennaio 2017

Mattina dalle ore 10:00 alle ore 13:00

pomeriggio dalle ore 14:00 alle ore 17:00

Alle persone colpite dal sisma nel centro Italia, e ospitate nelle strutture ricettive, saranno gratuitamente distribuiti dispositivi da pronto e facile uso, finalizzati ad alleviare dolori e indurre un rilassamento generalizzato.

I materiali sono stati gentilmente preparati, testati ed inviati appositamente da ricercatori italiani ed europei della fondazione internazionale Keshe. Essi sono frutto delle innovative scoperte dell’Ing. Keshe, da lui diffuse in modo gratuito in tutto il mondo.

Gli ospiti delle diverse strutture ricettive sono invitati a  recarsi nei punti di distribuzione stabiliti nel seguente programma:

Sabato 14 gennaio San Benedetto del Tronto c/o Hotel Relax ore 10-17

Domenica 15 gennaio Porto Sant’Eligio c/o Village Holiday ore 10-17

Io non so se le due strutture ricettive hanno qualcosa a che fare con la “favolosa offerta” della Keshe foundation, ma è già da un po’ che applico un sistema “censorio” sugli hotel che ospitano persone come l’ing. Keshe, li evito, sempre e comunque, come evito attentamente le strutture dove va a parlare Gabriella Mereu. Se un hotel è disposto a dare le sue sale convegni per dei venditori di aria fritta non avrà i miei denari.

AGGIORNAMENTO

Non mi soddisfa affatto, ma la Protezione Civile ha inviato questo messaggio a tutti quelli che sono stati raggiunti dall’avviso KESHE.

Si fa seguito alla mail di martedì 10 gennaio relativa all’iniziativa della Fondazione Keshe, a valle della quale si è creato un evidente equivoco.

L’inoltro da parte di questa struttura della locandina dell’evento non voleva essere un avallo da parte del Dipartimento della Protezione Civile. Pertanto, si comunica che l’iniziativa non si svolgerà all’interno delle strutture alberghiere che ospitano i cittadini sfollati a seguito dei recenti eventi sismici del centro Italia.

Vi chiediamo di poter diffondere alla popolazione ospitata questa stessa comunicazione insieme alle nostre scuse per l’equivoco creato.

Il Coordinatore della Dicomac

Titti Postiglione

Ma cosa vuol dire che non si svolgerà dentro le strutture alberghiere? SI svolgerà comunque un evento fuffaro, facendo leva sulla disperazione di soggetti che andrebbero difesi da questi avvoltoi. E invece…

LEGGI ANCHE:  Terremoto in Emilia e trivellazioni

L’ing. Keshe

Immagine di repertorio, che non vuole rappresentare l’Ing.Keshe, ma solo un generico ingegnere.

Chi legge BUTAC da tempo sa bene chi è l’ing.Keshe, e sa bene che abbiamo dedicato alle sue str… no scusate, intendevo dire invenzioni, svariati articoli. Si tratta di soggetti poco raccomandabili, che con tante belle parole, chili di pseudoscienza, e convegni in hotel a 3 o + stelle raccattano proseliti. Che i poveri terremotati sfollati in hotel si debbano trovare un volantino come questo insieme al pranzo è vergognoso, chi l’ha permesso andrebbe rimosso dal proprio incarico quanto prima, e fossi nelle Forze dell’Ordine o in trasmissioni come Striscia la Notizia o Le Iene io sabato e domenica un giretto da quelle parti lo andrei a fare. Non abbiamo la più pallida idea di quale sia lo strumento gratuito che allevia il dolore, ma dove c’è Keshe c’è sempre la fregatura.

Marketing

I prodotti che vendono sul sito sono tutti fuffa, non c’è una testimonianza che non sia anch’essa parte del meccanismo. In realtà loro prima di tutto non vendono prodotti, ma “sogni” che sembrano realizzabili, sono anni che battono il nostro Paese e hanno un nutrito seguito tra i soggetti più suggestionabili da questo genere di cose, alcuni diventano complici, altri ci cascano con tutte le scarpe. Non parliamo della Conferenza universale che si terrà a Roma a marzo/aprile 2017, 1650 euro a testa per sei notti in un hotel (verrà comunicato solo 5 giorni prima del convegno quale sarà, segretezza, come in tutte le cose fuffare). 1650 euro per dormire in camera con uno sconosciuto per sei notti, se non vuoi pagare il sovrapprezzo camera singola.

Ma si può?

Per questa gentaglia andare a cercare nuovi possibili clienti tra gli sfollati dal terremoto, ospiti in strutture non loro, è come per un pescatore andare a pesca in un allevamento di trote, è sicuro che abboccheranno. Quanti? Speriamo pochi, ancor meglio nessuno. Ma il gioco, evidentemente, vale sempre la candela. Chi ci crede ci crede fino in fondo, i prodotti main level da poter testare sono dei nulla che funzionano sfruttando l’effetto placebo (vi ricorda qualche cosa?), allevia dolore, ritrova il tuo centro, fuffa, senza nessuna valenza scientifica, stai facendo qualcosa per te stesso, ti auto convinci che faccia effetto, e ti senti meglio.

LEGGI ANCHE:  Mussolini e la ricostruzione post-terremoto

È solo quando ti tocca di pagare le cifre più alte (a cui pochissimi evidentemente arrivano) che ti arriva la vera fregatura. Sono anni che questa gente fabbrica macchine che creano energia dal nulla. Ne hanno fatte di ogni tipo e colore. Eppure non leggiamo sui giornali di Paesi che si disconnettono dalla rete elettrica, nessuno di affidabile racconta di questa straordinaria invenzione, come mai? Anni che questi producono le macchine e le vendono (o lasciano che le costruiscano gli stessi seguaci) e nessuno ne ha mai mostrata una a un vero scienziato riconosciuto dalla comunità internazionale. No, loro tutto in segreto fanno. Poi però i video su Youtube li fanno, in scantinati o fabbriche semideserte. Chissà come mai senza invitare pubblico.

Stiamo attenti in classe durante le lezioni di fisica e biologia, non distraiamoci durante quelle di verifica dei fatti (ah no, quelle mancano… ancora).

Di solito a un articolo del genere allego tanti link a supporto di quanto dico, ma ho già parlato della fuffa Keshe troppe volte, è già tutto detto e linkato negli articoli passati. Se volete approfondire li trovate alla fine.

Qui invece un piccola gallery della “vastità” di prodotti offerti dalla Keshe Foundation SSI.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Link:

La Keshe Foundation

Wardenclyff e la Free Energy

Fukushima e le petizioni truffa

FTW with QEG

Keshe Space Foundation e la cura per la sclerosi

maicolengel at butac punto it

Ecco come dovete spendere i vostri soldini risparmiati dalla KF: con una donazione! Potete aiutare le popolazioni che hanno subito il terremoto, seguendo le istruzioni della Protezione Civile. O (FINO AL 29 gennaio 2017 con una chiamata da rete fissa o un sms al 45500

Butac si sostiene anche grazie al vostro aiuto basta anche solo l’offerta di un caffé, su Patreon!