bufale-zingari-furgone-uri

No, calma, non voglio fare come Selvaggia Lucarelli o la Boldrini o i tanti che danno in pasto al proprio pubblico soggetti che non meritano linciaggi mediatici ma solo un po’ di comprensione, sono ignoranti, nel senso che ignorano le regole della rete e non hanno la più pallida idea di come si faccia fact checking!

È il caso della signora o signorina Valentina, che qualche in questi giorni ha pubblicato sul proprio profilo svariati allarmismi preoccupanti.

attenzionebastardi
Per opportuna conoscenza si segnala quanto riportato dai Carabinieri di Sassari alle ore 16:25. In data odierna alle ore 15:00 ad Uri di fronte alla caserma dei Carabinieri una bambina di 11 anni veniva adescata da una coppia di zingari su un furgone grigio, la bambina spaventata avvertiva subito i genitori che immediatamente informano dell’accaduto i carabinieri.

Sono convinto che sia solo perché nessuno le ha insegnato a fare fact checking e lei è seriamente preoccupata dalle notizie che trova in rete, e la cosa è lecita, sia chiaro, vedo un volantino circolare che parla di possibili rapitori di bambini e allora lo condivido. Ma prima di farlo sarebbe sempre il caso fare una seppur minima verifica.

Valentina unisce tre notizie in una sola, dal comunicato della Guardia di Finanza di Sassari su cui occorrono svariate precisazioni, alla foto dei due romeni che rapirebbero bambini con un furgone bianco (in compagnia di una donna), al comunicato di cui avevamo già parlato la settimana scorsa sul fantomatico furgone bianco rapitore seriale.

Dal profilo di Valentina queste tre notizie hanno ricevuto poco più di 2000 condivisioni, ma ogni minuto che passa aumentano. Per fortuna la stessa Valentina appena le ho segnalato che le altre due foto erano bufale al 100% ha provveduto a rimuoverle subito (o quasi).

Le verifiche

Per verificare la storia di Sassari ho chiamato prima la Guardia di Finanza, che conferma di non aver  prodotto il documento che si vede circolare, ma per sicurezza ho chiamato anche i Carabinieri i quali invece mi hanno confermato l’esistenza di una denuncia, basata sul racconto di una ragazzina di 11 anni: qualcuno su un furgone grigio le avrebbe offerto una caramella, senza che però ci sia stata alcuna aggressione, l’offerta della caramella ha messo in allarme i genitori che hanno presentato denuncia, ma da qui al tentativo di rapimento di acqua sotto ai ponti ce ne passa molta.

Ovvio che occorre fare attenzione, ma diffondere un comunicato allarmistico come quello che la signora Valentina sta facendo girare è da incoscienti. Specie se si pensa che ad oggi, dei tanti presunti rapimenti di bambini da parte di zingari, non ce n’è uno confermato negli ultimi vent’anni.

Per la foto dei due rumeni che dire, basta cercare due minuti online per scoprire che quelli nella foto sono sì due rumeni, evasi da Rebibbia, ma che non hanno nulla a che vedere coi rapimenti di bambini e non sono stati segnalati in Sardegna, ne parlava il sempre ottimo NextQuotidiano giusto qualche settimana fa. L’ultimo volantino che ci viene mostrato l’avevamo trattato proprio qui su Butac qualche giorno fa, ed è fuffa al 100%!

Ragazzi, Butac nasce proprio per spingere ad esser più curiosi, a non condividere alla boia d’un giuda ogni singola sciocchezza trovata online, specie in casi come questi in cui il rischio è generare allarme tra la popolazione senza che ce ne sia alcuna necessità.

Siate più attenti, siate meno frettolosi, le vostre bacheche ci guadagnano in attendibilità, e la rete torna un po’ alla volta un posto migliore.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!