mosca

Cinque righe, un articolo:

Attraversare Mosca in aereo, in barba al traffico della capitale russa: presto sarà possibile. La compagnia aerea regionale “Ural airlines” ha infatti annunciato, a partire dal 31 ottobre prossimo, un volo aereo tra due aeroporti di Mosca: Domodedovo e Zhukovskij. Per ora si tratta di un volo sperimentale che sarà effettuato una volta a settimana.

1

Questo quanto ci racconta RaiNews. La cosa mi ha incuriosito, anche perché un volo da 40 minuti per attraversare una città non è proprio poco.

Guardo la cartina e…

mosca-aereoporti

Mosca è in alto lievemente spostata a sinistra, i due aeroporti sono invece in basso, quello nuovo il Zhukovskij è dove c’è il segnaposto, l’altro è bene identificato dal nome. 37 chilometri di distanza, e non sono dalle due parti opposte di Mosca. C’è qualcosa che non va, non si attraversa Mosca così, la città rimane totalmente fuori dal percorso da fare. Ma allora cosa ci racconta RaiNews? Nulla, qualcuno sovrappensiero ha tradotto senza verifica i comunicati della compagnia. Sì, è vero, hanno annunciato che ci saranno voli tra i due aeroporti, ma è stato specificato che si tratta di voli tecnici:

Rejsy między nimi będą wykonywane raz w tygodniu (w każdym kierunku) i wynikają z potrzeby przebazowania airbusa A320, który planowany jest do obsługi tras międzynarodowych.

Voli tra i due aereoporti verranno effettuati una volta alla settimana (in ogni direzione)  voli dati dalla necessità di traghettare l’Airbus A320, che viene usato per le rotte internazionali.

Quindi sì, è vero, un volo tra i due aeroporti c’è, ma è solo ed unicamente lo spostamento di un aereo che oltre ad operare su rotte nazionali deve anche operare su rotte internazionali che non partono dall’aeroporto Zhukovskij.

Non era così difficile fare una verifica piuttosto che scrivere una sciocchezza. I voli non servono per evitare il traffico su Mosca, anche se rendeva il tutto più curioso.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleLa principessa cattiva
Next articleMacchianera awards 2016
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.