Tumori nella carne che mangiamo? Ma siamo seri.

Amare gli animali e volerli difendere è una cosa buona e giusta. Spacciare disinformazioni gratuite giusto per scioccare chi mangia carne, inculcando un idiota e irrazionale senso di colpa, è invece stupido.

La foto ve la propongo sfocata perché personalmente mi causa troppo disgusto. Tristemente gira ormai da svariati anni – come diciamo sempre, a volte ritornano (fin troppo spesso). Ora come allora si parla del nulla: l’appello che accompagna l’immagine vorrebbe farci credere che la norma sia lavare quel pezzo di carne e metterlo in vendita senza problemi. Ovviamente non è così.

Un pezzo di carne in quelle condizioni risulta certamente puzzolente, anche una volta lavato. Difficilmente potreste dire che abbia un gusto appetibile all’uomo ed è quasi impossibile commercializzarlo. È invece vero che lo si possa trovare normalmente in un allevamento: questo perché ci si accorge del problema ancor prima di macellare la bestia. In alcuni casi lo si scopre in fase di macellazione avanzata, o addirittura – in casi di sacche di pus più piccole – solo in fase finale di vendita al dettagliante!

Shockare a fine disinformativo è da stolti, e condividere la cosa è da uTonti.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!