Gli “scienziati” del clima ogni anno cambiano idea, come è possibile dar loro torto se non sono nemmeno in grado di prevedere se ci sarà sole o pioggia questo weekend…

Però quelli che parlano di riscaldamento globale o era glaciale a mio parere hanno decisamente rotto le scatole; è dal lontano 1977 che regolarmente ogni anno qualcuno viene fuori con una nuova teoria (MAI provata scientificamente, ma sempre basata sulle proprie personalissime osservazioni)!

Quest’anno è appunto il turno dell’era glaciale The Little Ice Age. Trovo oltremodo vergognoso che le testate gironalistiche (serie e meno serie) diano spazio a queste notizie completamente infondate, che nessuno si pigli la briga di intervistare veri scienziati accreditati ma sia dia voce a personaggi di dubbio gusto come Habibullo Ismailovich Abdussamatov, astrofisico russo…

Il caro Habibullo dal 2004 al 2011 è stato un fiero sostenitore del riscaldamento globale, prevedendo siccità, crisi e estinzione di tante specie animali e vegetali proprio a causa del caldo…poi nel 2012 ha cambiato idea, e da febbraio ha iniziato a sostenere che sono balle quelle del riscaldamento globale, quello che ci attende è una nuova era glaciale da lui definita the Little Ice Age. Questa Little Ice Age inizierà  nel 2014 e avrà il suo picco nel 2055, anche qui con estinzione di tante specie animali e vegetali (insomma il risultato non cambierebbe poi tanto, solo la causa del suddetto sarebbe diametralmente opposta)! Che dire, mi auguro che non arrivi questo gran freddo (anche se credo sia molto più facile difendersi dal freddo che dal caldo, ma questa è una mia opinione personale), ma non riesco più a credere a tutte queste fregnacce lanciate come sassi in uno stagno solo per vedere chi fa più rimbalzi sulla superficie!

La comunità scientifica internazionale ci ha tenuto più volte a dire che sono tutte boiate, non supportate da alcuna ricerca seria e da nessuna vera osservazione dei fenomeni solari…

Che dire, finora nessuno dei tanti che l’hanno sparata ci ha preso, e gli studi della comunità scientifica hanno potuto sbugiardare ogni Teoria Climatica con dati alla mano, peccato davvero che invece chi dovrebbe divulgare informazioni corrette (i mass media) non sia professionale allo stesso modo!

Attendiamo il giorno in cui si estingueranno i personaggi di dubbio gusto come Habibullo (e magari insieme a lui anche qualche sciachimista, che non farebbe male), e speriamo in un futuro dove i giornalisti re inizino a fare il controllo dei dati prima di pubblicarli sui loro fogliacci !

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!