C’è una citazione attribuita a Roberto Saviano che circola in rete fin dal 2018. Non l’avevo mai trattata ritenendo fosse poco utile, ma è evidente che chi cerca di convincerci che accogliere i migranti che arrivano dal mare sia sbagliato abbia esaurito le cartucce e sfrutti vecchi meme.

Sinceramente preferisco salvare i rifugiati ed i miei fratelli clandestini, che aiutare qualche terremotato italiano piangucolone e viziato” Roberto Saviano a “Che tempo che fa”

Nel meme originale dell’anno scorso veniva riportata anche la data in cui Roberto Saviano aveva detto la frase incriminata. Ora invece quella data è stata rimossa, forse per paura che qualcuno andasse a cercare il video della puntata. Video che vi metto qui:

Per verificare basta guardare con attenzione i 18 minuti d’intervista tra Saviano e Fazio, ve li suggerisco, perché forse vi renderete meglio conto di quale è il livello degli avvelenatori di pozzi. Non c’è nessuna frase in cui vengano citati i terremotati, non c’è nessuna gara a chi sia più meritorio di salvataggio. Ma chi avvelena il pozzo sa bene come farlo, si cerca una foto del personaggio da colpire, si crea una frase inventata che possa colpire alle pance dei lettori e si lancia il messaggio in rete. Lasciando che l’indignazione crei viralità, consci che tanto nessuno li beccherà mai, e che quindi anche se di diffamazione si tratta non rischiano nulla.

Purtroppo da agosto 2019 abbiamo visto moltissimi vecchi meme disinformativi tornare a galla dopo mesi (se non anni) dalla loro prima diffusione, segno che siamo ancora in questa eterna campagna elettorale combattuta a suon di meme, bufale e denigrazione dell’avversario. Sarebbe bello vedere i politici rallentare un attimo, chiedere ai propri capi ultras di smettere. Capire che in questo gioco al massacro alla fine non vince nessuno e il rischio è solo quello di farsi male sarebbe importante, ma è evidente di come il potere dia alla testa a certuni.

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!