Autovelox

 

Automobilisti d’Italia tremate! Una nuova specie di autovelox è pronta a ghermirvi! Come se non bastasse già l’onnipresenza dei classici autovelox, chiunque percorra regolarmente l’A1 in direzione Firenze può capire, quelli nuovi hanno un infingardo asso nella manica. Sono invisibili!

The-Invisible-Man

 

Non proprio invisibili nel senso stretto del termine, meglio dire mimetizzati. Perché questi autovelox sono inseriti all’interno dei guardrail, in tal modo ci si accorge della loro presenza solo all’ultimo momento. Rendendo pressoché certa la multa per eccesso di velocità.

Quali altri trabocchetti e tranelli escogiterà lo stato, per poterci succhiar via ancora più soldi?

Ok, ok. Basta scherzare. La storia è una bufala, una bufala stagionata dovrei dire: dato che gira da ben 8 anni.

Come Attivissimo segnalò già nel 2006, questi autovelox non sono impiegati in terreno italico. La/le foto della bufala sono state scattate nel canton Vaud, in Svizzera, dove tale oggetto è impiegato. Per conferma, potete controllare questo PDF rilasciato dalla polizia locale.

Inoltre, un’altra colonnina, posta prima dell’autovelox, rende ben chiara la sua presenza.

Probabilmente, nella colonnina è alloggiata la fotocamera usata per immortalare la targa del veicolo.
Probabilmente, nella colonnina è alloggiata la fotocamera usata per immortalare la targa del veicolo.

Comunque, voi tutti non dovreste temer niente da questi rilevatori di velocità, visibili od invisibili che siano. Per due motivi:

Primo, per legge in Italia è obbligatorio segnalare la presenza di autovelox lungo la strada, tramite appositi cartelli posti a debita distanza.

Secondo, ovviamente voi tutti rispettate SEMPRE i limiti di velocità. Perché, se si rispettano i limiti, le multe si evitano a prescindere.

Drive safe!

 

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon, può bastare anche il costo di un caffè!