Banane anti cancro

BANANEANTICANCRO

La pseudo scienza al suo massimo splendore, qui con la storia della Banana Anti Cancro!

Il racconto che circola è questo:

LO SAPEVATE? – Secondo una ricerca scientifica giapponese, la banana completamente matura, con macchie scure nella buccia, produce una sostanza chiamata “fattore di necrosi tumorale”, la quale ha la capacità di combattere le cellule anormali. Quanto più è matura la banana, migliore è la sua capacità anti-cancro. Le banane con macchie scure sono molto alcaline e otto volte più efficaci nel miglioramento delle proprietà dei globuli bianchi del sangue di quanto non lo siano quando sono acerbe. Mangiare una o due banane al giorno contribuisce ad aumentare la tua immunità. Dimmi “mi piace”, condividi e mantieniti in buona salute!

Poche e scarne informazioni per darci ad intendere che la banana abbia proprietà terapeutiche nascoste…ma sono tutte boiate, chi per primo ha messo in giro la “sola” citava una “ricerca” del 2009, ricerca che potete trovare qui: http://www.skepticalraptor.com/blog/wp-content/uploads/2012/10/Banana-Paper.pdf

Ma suddetta ricerca ben si guarda dal sostenere una tesi del genere, intanto si tratta di una rice3rca mai pubblicata su testate peer reviewd di qualche valenza, è comparsa su una testata scientifica di valore zero e che oggi è svanita nel nulla…

Ma è importante notare che l’autore usa si i termini anti cancro e Necrosi tumorale ma MAI riferendosi alla banana stessa, ma a dei fitochimici in essa contenuti. La ricerca sembra spiegare che suddetti fitochimici possano avere un ruolo nella PREVENZIONE del cancro, ma la cosa è tuttora non verificata con studi più seri, anche se è vero che certi fotochimici sono all’esame della sperimentazione (in particolar modo quelli che si formano nei pomodori per prevenire cancro e malattie cardiovascolari) ma ad oggi i risultati non sono arrivati a conclusione. Detto ciò, la banana troppo matura può essere seriamente pericolosa per i malati di diabete, quindi anche nel caso di uso preventivo occorre andare con i piedi di piombo in queste pseudo cure!

Come sempre ricordiamo la pseudo scienza salutista è sempre da evitare, in caso di dubbi di natura medica SEMPRE rivolgersi ad un medico iscritto all’albo italiano, e nel caso uno non basti sentire un secondo o terzo parere, ma sempre andando da persone che abbiano le carte in regola per diagnosticare cure.

AGGIORNAMENTO del 18 maggio 2014:

un nostro lettore mi ha aggiunto qualche cosa di ben più tecnico di quanto mi fossi spinto io, per evitare di fraintendere ciò che intende dire ve lo riposto tale a quale come mi è pervenuto:

Il fattore di necrosi tumorale o tumor necrosis factor alpha (TNF alpha) è una proteina prodotta durante la fase acuta di un’infiammazione, tanto che nei modelli sperimentali di shock settico questo viene indotto nei topi somministrando questa proteina. Insieme ad un paio di altre molecole induce la febbre e la sua secrezione aumenta in corso di neoplasia, specialmente nei pazienti cachettici (inibitori di molecole simili sembrano migliorare la qualità di vita di questi pazienti). Quindi questo dato contraddice quanto riportato dagli utonti in questione: infatti nei tumori il problema non è tanto attivare in maniera aspecifica il sistema immunitario (e il TNF-alpha praticamente fa questo), quanto piuttosto educare i globuli bianchi (soprattutto linfociti) ad aggredire il tumore, che di per sé tende ad ingannarli in vari modi, molti dei quali non ancora chiarissimi.
La seconda castroneria della bufala è che mangiando tante banane ricche di TNF-alpha immettiamo TNF-alpha funzionante nel nostro organismo. Non sono un biologo (ma uno studentello di medicina), ma sono quasi sicuro che il TNF-alpha delle banane sia lievemente diverso dal nostro e quindi non sarebbe efficace se fosse immesso in circolo (la struttura di ormoni peptidici varia da una specie all’altra, quindi figuriamoci tra regni diversi). in secondo luogo, essendo una proteina, il TNF-alpha viene digerito nello stomaco e quindi non può avere azione biologica; per lo stesso motivo i diabetici non possono prendere insulina per bocca (per adesso) ma se la devono iniettare.
Ultimo punto: il TNF-alpha (come suggerisce in parte il nome), viene secreto dalla cellula quando questa è in pericolo o è in sofferenza: durante infezioni, quando compaiono dei tumori maligni, quando il tessuto sta morendo o quando le cellule si accorgono che il loro vicino è morto (quindi in condizioni di necrosi). Mangiare una banana che contiene molto TNF-alpha, quindi, è sinonimo di “mangiare una banana marcescente”.

Grazie Edoardo!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon, può bastare anche il costo di un caffè!