Una fedele lettrice mi segnala via mail ([email protected]) un link che ha ricevuto dalla sua mamma.

Il link mi porta a una pagina web che titola così:

In 28 giorni sentirai anche i sussurri senza apparecchio acustico – effetto confermato da test medici indipendenti

La nostra lettrice ha già fatto tutto da sola:

Me lo ha inoltrato mia madre, che da anni porta gli apparecchi acustici.
Non so come lei ci sia arrivata su questa pagina, e per fortuna me l’ha girata prima di acquistare qualcosa. Io non ho trovato tracce dell’esimio Nobel, e comunque la pagina mi puzza di truffa a un kilometro… Che triste che ci sia ancora gente che approfitta delle debolezze altrui…

Non posso che concordare, è davvero triste che ci sia gente che approfitta così delle debolezze degli altri. Chiunque essi siano, dal malato che viene spinto a comperare rimedi inutili al disoccupato che viene fatto indignare su presunti regali agli immigrati. Ma purtroppo è una delle piaghe del web.

Il testo che c’invita a comperare questo fantastico prodotto comincia così:

Sono il prof. Ernesto Ceccarelli, scienziato, specialista in biologia molecolare. In questa pagina vorrei presentarti il più grande successo della mia vita, per il quale ho appena ottenuto la nomina per il Premio Nobel. Ho sviluppato un metodo grazie al quale chiunque può in modo naturale e facile recuperare un udito efficiente in soli 28 giorni.

Come ben sa chi legge BUTAC non esistono le candidature al Nobel, esiste gente (un po’ ignorante) che sostiene che Pinco o Pallo siano stati candidati, ma sono bufale. Quando leggete un testo che parla di un “candidato al Nobel” non dovete avere dubbi, dietro c’è una fregatura. Di tal Ernesto Ceccarelli luminare (non è chiaro in che materia) non si trova traccia. In compenso la foto che ce lo mostra sorridente, come sempre, è riconducibile a siti che vendono immagini stock.

LEGGI ANCHE:  Krugman, l'euro e l'Italia

Nel resto del testo ci viene raccontato di come i suoni a 45 decibel danneggino l’apparato uditivo, ma è una bugia, i suoni fino a 80 decibel (il rumore di una sveglia) non danneggiano alcunché. Raccontarlo serve solo a spingere la vendita di questo magico olio. Nella pagina che vuole convincere all’acquisto, in mezzo a tante inutili parole, da nessuna parte viene spiegato come e perché questo prodotto dovrebbe riuscire dove altri falliscono. Non esiste una composizione del prodotto, nulla di nulla. In compenso cercandolo online si trovano altre chicche. Il prodotto è già stato segnalato su Signal Arnaques, portale francese che lotta contro le truffe online. E nei commenti ho trovato una certa Elena che racconta:

Stavo per acquistare il prodotto Biostenix ma sono stata presa dallo scetticismo ed ho cercato il premio nobel Ceccarelli che non esiste su internet. Mi sono imbattuta nello stesso prodotto con lo stesso tipo di annuncio in lingua spagnola. L’emerito Ceccarelli in lingua spagnola si chiama Ramiro Suares segno evidente che si usa un nome qualsiasi pur di far girare la notizia.. Non sono nominati gli ingredienti, ma, in altra pubblicità in lingua rumena ho trovato che biostenix sarebbe composto da oli essenziali di cocco, di argan, di fiori, di limone di macademia; mentre su altro sito .eu ( non ricordo l’intestazione) vi era un elenco di: olio di mandorle dolci, olio di chiodi di garofano, olio di argan, di salvia e di fiori di tahiti.. insomma a questo punto si potrebbe usare anche solo un po’ di olio di oliva che non costa nulla.

Non sono stato a cercare oltre, non ha senso. Un prodotto miracoloso che viene venduto da un fantomatico candidato al Nobel che non spiega minimamente per merito di cosa funzioni, e che non mi viene prescritto dal mio medico di fiducia non è un prodotto di cui fidarmi. Come sempre nella pagina in cui ero finito i commenti sono falsi, le recensioni sono false, la stessa pagina è un falso… Scompariranno, rimarcheranno il prodotto e torneranno  a vendere come prima, magari l’olio la volta dopo lo vendono come integratore dietetico… Tanto male non fa, qualche allocco lo trovano sempre…

LEGGI ANCHE:  Profughi, Croce Rossa e gli abiti usati

Occhio al portafoglio.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!