FROMAGGIOCIPOLLA
AGGIORNAMENTO DEL 13  APRILE 2015
Leggo, testata che dovrebbe venire sanzionata dall’Ordine dei Giornalisti più o meno ogni due ore visto il quantitativo di fuffa che regala ai propri lettori, ci ha regalato ieri una perla collegata a quanto riportato qui sotto. La nostra prima sbufalata sulle cipolle arma letale contro i batteri risale al 2 luglio 2013, aggiornata a novembre 2014, e ci tocca rimetterla in circolazione… perché:
Domenica 12 Aprile 2015, 17:47
ROMA – La cipolla è un alimento dalle mille risorse. Alcune delle sue proprietà sono davvero insolite. Per esempio, sapevate che le cipolle possono essere utilizzate per alleviare il freddo, l’influenza e, addirittura la febbre?
Ebbene, mettendola nel fondo dei calzini, le cipolle assorbono le tossine dei piedi e posseggono delle proprietà antibatteriche.
Tre righe un articolo, questo è il sistema con cui Leggo fa i soldi, e lo leggete in milioni di uTonti. Sì, siete tonti, non ci posso fare nulla, se credete a robaccia di questo genere vi meritate calzini sporchi e piedi puzzolenti. Se invece che tonti siete curiosi, beh qui sotto sbufalavamo la cosa sempre in tre righe, perché di più non hanno senso!


AGGIORNAMENTO del 24 Novembre 2014:
Tanto per non farsi mancare nulla il blog VeganPath ha deciso di rimettere in circolo la storiella che avevamo sbufalato ormai un anno fa, storiella totalmente fasulla, basata su miti e leggende cari ai vegani ma senza alcun fondamento scientifico, biologico o anche solo alimentare. La storia però in due giorni ha avuto oltre mille e ottocento condivisioni!
CIPOLLAEDUE
L’idea che ci siano mille e ottocento persone che leggono blog di quel genere e ci credono mi lascia sempre un po’ basito, il futuro riservato a chi segue i suggerimenti di blog così fuffari è fatto di tanta verdura, ma anche tante malattie e problemi che sarebbero evitabili se non ci si fidasse di santoni dell’alimentazione vegana e ci si rivolgesse a medici seri!
Ocio alla penna, VeganPath di vostro ha a cuore solo quante visite e condivisioni fate, il resto compresa la salute sono tutti fatti vostri!

Circola questa “bella” storiellina online:

Nel 1919, quando l’influenza ha ucciso 40 milioni di persone c’era questo medico che ha visitato i molti agricoltori per vedere se poteva aiutarli a combattere l’influenza …Molti degli agricoltori e delle loro famiglie avevano contratto la malattia e molti morirono. Il medico venne presso un contadino e con sua grande sorpresa, constatò che tutti in famiglia erano molto sani. Quando il medico chiese cosa stesse facendo l’agricoltore perché in famiglia erano tutti sani, la moglie rispose che aveva messo una cipolla non sbucciata in un piatto nelle stanze della casa, (probabilmente solo due camere allora). Il dottore non riusciva a crederci e gli chiese se poteva avere una delle cipolle per esaminarla al microscopio . Il contadino diede al dottore una di quelle cipolle e, guardando al microscopio il medico trovò il virus dell’influenza nella cipolla, la quale aveva assorbito i virus mantenendo la famiglia sana. Ora, ho sentito quest’altra storia dal mio parrucchiere. Diversi anni fa, molti dei suoi dipendenti erano giù per avere preso l’influenza, e così molti dei suoi clienti. L’anno successivo ha disposto diverse ciotole con cipolle in giro nel suo negozio. Con sua sorpresa, nessuno del suo staff si è ammalato. Si deve lavorare. Provate e vedrete cosa succede. Lo abbiamo fatto l’anno scorso e non abbiamo mai avuto l’influenza. Ora ho mandato uno scritto ad un amico in Oregon, che collabora regolarmente con me mandandomi materiale sanitario. Lui mi ha risposto con questa esperienza più interessante sulle cipolle: Grazie per avermelo ricordato. Io non so la storia del contadino … ma, so che ho contratto la polmonite, e, manco a dirlo, sono stato molto male … Mi sono imbattuto in un articolo che diceva di tagliare entrambe le estremità di una cipolla, metterla in un barattolo vuoto e posizionare il vaso accanto al paziente malato di notte. Ha detto che la cipolla sarebbe diventata la mattina dopo nera di germi … di sicuro è successo proprio così … la cipolla era un disastro e ho io ho cominciato a stare meglio. Un’altra cosa che ho letto in questo articolo è che le cipolle e l’aglio disposti intorno alla stanza hanno salvato molti dalla peste nera, alcuni anni fa. Hanno potenti antibatterici, proprietà antisettiche….

Un’ammasso di boiate scritte tutte insieme, e la storiellina prosegue con tante altre, ma ho deciso di tagliarla per concentrarci su quelle più grosse riportate qui sopra.

Partiamo col dire che influenza e raffreddore non si propagano nell’aria liberamente ma sono virus da contatto, quindi o qualcuno con i batteri dell’uno o dell’altra vi ha starnutito vicino o simili; piazzare cipolle tagliate in casa o vicino a dove siete non avrebbe comunque alcun effetto! Si tratta di leggende urbane delle nostre nonne, senza alcun tipo di supporto scientifico, leggende che però anche nel 2013 continuano a girare, perché l’ignoranza da sempre la fa da padrone, specialmente online.

Uno scienziato, il Dr Joe Schwarcz della McGill University, è andato oltre e ha testato tutti i falsi miti sulla cipolla, partendo dal fatto che la cipolla sia un magnete per i batteri: ma non diciamo boiate, nessun alimento è un magnete per i batteri, innanzitutto perché i batteri hanno mobilità ridottissima e di solito usano come veicolo appunto gocce di liquido o contatti diretti, inoltre se esistesse anche un solo alimento che fosse un “magnete per i batteri” lo userebbero in tutti gli ospedali dove difatti non vediamo file di cipolle tagliate in attesa di catturare le ambite prede!

Quello che le cipolle hanno di antibatterico è l’acido solforico in esse contenuto, quello in pratica che ci fa piangere, una volta che le affettiamo si asciuga in fretta eliminando qualsiasi magica proprietà della pianta!

Non parliamo poi del mito di quanto la stessa cipolla possa in altri casi esser velenosa, se non addirittura mortale per l’essere umano…qui siamo proprio nella fantasia pura!

Qui la pagina di HoaxSlayer dedicata alle cipolle
E qui snopes con un articolo sulle cipolle tagliate
E un altro su quelle intere!

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!