disastrosa-libero
Disastroso lancio del razzo dalla chiatta. Cede la struttura: un disastro

 

No, aspetta un secondo, non è stato il lancio ad esser disastroso, ma solo l’atterraggio, il resto era andato tutto alla perfezione. Un giornalismo giusto avrebbe commentato che un razzo ha effettuato un decollo ed un volo perfetti, peccato che nella fase finale dell’atterraggio sia tutto andato a farsi benedire. Ma considerare tutto il volo come un disastroso fallimento mi pare un filo esagerato. Sbaglio?

Sia chiaro, che le cose siano andate come vi spiegherò a breve lo fa anche Libero, ma solo dopo averci mostrato un video a distanza ravvicinata ed aver titolato come sopra!

Ma questo Liberotv ce lo racconta solo dopo il titolone sbagliato e attiraclick. Il razzo di Elon Musk non si è schiantato in fase di decollo, ma dopo un volo andato bene qualcosa è andato storto nell’ultimissima fase dell’atterraggio:

 

Il razzo è atterrato sulla chiatta drone , ma non è scattata la “pinza” di blocco di una delle quattro gambe, il che ha provocato il ribaltamento post atterraggio. La disfunzione può esser stata causata dal formarsi di ghiaccio dalla condensazione della nebbia durante il decollo.

Questa è la traduzione del messaggio mandato su Instagram dallo stesso Elon Musk.

 

Titolare come ha fatto Libero non è giornalismo.

AGGIUNTA del 23 gennaio 2016:

E qui vi riporto un commento che descrive alla perfezione i fatti, viene da Link2Universe, che è davvero un sito di divulgazione scientifica ben fatto, grazie a Federico e Giordano:

L’atterraggio era semplicemente un tentativo, il cui successo era secondario, in quanto anche in caso di fallimento, come appunto avvenuto (per quanto sia rimasto integro, rispetto al precedente tentativo su chiatta), i dati che hanno accumulato risulteranno in ogni caso utilissimi per i prossimi tentativi, e per eventuali miglioramenti. SpaceX non è affatto frustrata, sta andando alla grande, e il risultato del precedente lancio è stato straordinario, dato che, in caso di memoria corta, è stato il primo e unico atterraggio su terra ferma di un vettore integro. Il precedente tentativo di atterraggio su chiatta è andato male, il vettore è esploso, ma è stato comunque utile, figuriamoci questo, in cui il vettore è rimasto bene o male integro. Considerando poi anche le condizioni meteo, che non erano certo delle migliori. Bisogna guardare l’insieme e gli obiettivi nel complesso, non focalizzarsi su ciò che di per sè risulterebbe un fallimento, tralasciando tutto il resto che è più che positivo.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!