Gli ingredienti dei Ringo!

RINGO-PORCHERIA

Curiosity2013 qualche giorno fa ha attaccato i biscotti Ringo prodotti dalla Pavesi riportando con qualche aggiunta un articolo di Vivi&Nutri. Il sistema è sempre quello dell’attacco frontale, come abbiamo già visto contro altri grandi marchi della produzione alimentare.

Sapete cosa contengono i famosi “Ringo” ? …e voi date da mangiare questa porcheria ai Vostri figli ??

Io fossi nella Pavesi già a questa frase avrei fatto scattare la denuncia, ma evidentemente per certe aziende non è importante che se ne parli bene o male ma solo che se ne parli! L’articolo in realtà dove riporta le parti scritte dalla Dott.ssa Cevoli non è errato, come riporta la biologa sicuramente è più sano mangiare un biscotto fatto in casa con ingredienti naturali che uno comperato confezionato. Ma gli ingredienti riportati sono davvero così pericoloso da definirle porcherie come dichiara Curiosity?
Cominciamo col dire che la Pavesi specifica sul suo sito tutto quanto detto dalla Dott.ssa Cevoli, incluso il fatto che SEI biscotti coprano il fabbisogno energetico per quasi il 14%.
 
ringo-segreti
Ma vediamo questi ingredienti, come riportato dalla grafica qui sopra e dalla dott.ssa Cevoli abbiamo, nei biscotti veri e propri:

  • farina di frumento,
  • grasso vegetale,
  • zucchero,
  • amido di frumento,
  • cacao magro,
  • sciroppo di glucosio,
  • siero di latte in polvere,
  • sale,
  • agenti lievitanti (carbonato acido di sodio, carbonato acido d’ammonio),
  • aroma vanillina.

Crema (25%):

  • grasso vegetale e olio vegetale,
  • zucchero,
  • destrosio,
  • siero di latte in polvere,
  • amido di frumento,
  • aroma vanillina.

La farina di frumento è usata in quasi tutti i biscotti presenti sul mercato, anche in quelli che fanno quasi tutte le mamme. Sui suoi rischi e controindicazioni vi rimando i ben tre articoli presenti su Butac in merito:
La farina killer Vol.1
La farina killer Vol.2
I 4 veleni bianchi che stanno rovinando la tua salute?
Veniamo al grasso vegetale, come riporta la Cevoli sicuramente vi è una componente economica, i grassi vegetali costano meno, ma li troviamo un po’ ovunque, come dimostrava una ricerca del fattoalimentare, su 100 biscotti testati 94 ne contenevano, NOVANTAQUATTRO, perché prendersela solo coi Ringo? Non siamo un po’ tutti Ringo Boys? No questo non c’entra una cippa!
Lo zucchero, eh beh, si c’è lo zucchero, 28 grammi per 100 di prodotto, sicuramente tanti, che dimostrano come sia meglio moderare il consumo. Ma sono i Ringo colpevoli? No, basta guardare qualsiasi altro biscotto in circolazione per accorgersi che la maggioranza (come per gli oli vegetali) ne contenga, quindi perché prendersela coi Ringo? Continuo a non capire, che la Cevoli ce l’abbia con la Pavesi? Non lo so, e onestamente non m’interessa.
La lista prosegue, senza nessun ingrediente nascosto, tutti (tanti) comuni a quasi tutti i dolciumi confezionati presenti nelle scansie dei supermercati. Alimenti da moderare nei bambini,  sicuramente, meno sani che della sana frutta o di un biscotto fatto in casa. Ma credo che questo lo sappiate tutti, senza per questo dover diffamare un’industria oltretutto ancora italiana a discapito di un’altra. SI voleva evidenziare come i biscotti e le merendine non fossero salutari, benissimo, fatelo pure, nessuno mette in dubbio la cosa, ma evitate questo genere d’allarmismo contro un singolo marchio, è un sistema davvero scorretto che dimostra tanta malafede!