Ci risiamo, un altro prodotto, che abbiamo già trattato in una sua precedente versione, torna a essere sponsorizzato alla grande su svariati siti web. Ci sta, si tratta di un cubetto che dovrebbe rinfrescare le nostre case, il caldo è appena arrivato alla grande su tutto il territorio nazionale, quindi è normale che si vedano molte pubblicità per impianti di condizionamento.

Viene venduto con svariati nomi, ma quello con cui l’ho trovato sponsorizzato in maniera più incisiva è Artic AirCube.

Il sito ufficiale italiano è quanto di più avaro di contenuti si possa immaginare. Le spiegazioni sul funzionamento del cubetto sono poche, ma sufficienti a farci capire di cosa si sta parlando:

Questa tecnica di raffreddamento ad acqua è uno dei modi più efficaci modi per raffreddare l’aria in pochi minuti! Di lunga durata, i filtri Artic restano 8 ore impregnati d’acqua. Sano ed ecologico, Arctic Cube non utilizza né gas né refrigeranti chimici. Polivalente, oltre al raffreddamento, il dispositivo purifica e umidifica l’aria dell’ambiente. Così, ovunque tu sia, ti godi un’aria pulita e fresca, priva di particelle di polvere!

Un cubetto con un ventilatore a tre velocità, che ha davanti alle pale un filtro da bagnare con acqua fredda. Il ventilatore fa il resto, spingendo l’aria a passare attraverso il filtro e così a rinfrescare l’ambiente. La tecnica la conosciamo, l’abbiamo vista identica in altri prodotti, e sappiamo cosa può fare: rinfrescare, per un limitato periodo di tempo, la persona che si trova di fronte all’oggetto. Non rinfrescare una stanza, non cambiare la temperatura di casa, solo rinfrescare chi è di fronte alla ventola del cubetto. Sia chiaro, se ci troviamo di fronte all’oggetto e l’abbiamo caricato con acqua fresca la temperatura può scendere fino a 3/4° gradi rispetto a quella ambientale, questo per una persona seduta di fronte al proprio computer che magari non può installare (o non vuole) un vero condizionatore può essere già un buon risultato, ma non rinfrescherete casa. Per farlo dovreste comprare così tanti cubi da spendere sia in corrente elettrica che in acquisto cubetti tanto quanto comperare un vero condizionatore. Ha senso?

Credo di no.

Vale i 59 euro che costa? A mio avviso no, online prodotti molto simili si trovano a cifre molto inferiori:

Che sono poi le cifre corrette per un cubetto di plastica con all’interno una ventola da PC e un sistema di filtri e spugne che raffredda l’aria con l’acqua ghiacciata che ci mettiamo dentro. Io ammetto che quando ho avuto bisogno di freddo senza dover comperare condizionatori ho sfruttato i ventilatori che avevo in casa per realizzare cose come quella descritta in questo video:

Vi posso assicurare che l’effetto è stato molto simile a quello dell’Artic Cube, con il bonus che ho riciclato qualcosa che era già mio (ventilatore e bottiglie di plastica) senza investire un euro. Certo, sarà meno stiloso ed elegante, ma volete mettere il risparmio?

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!